Roccalumera, due tartarughe salvate in mare da due giovani. Il bacio e la libertà - Tempostretto

Roccalumera, due tartarughe salvate in mare da due giovani. Il bacio e la libertà

Carmelo Caspanello

Roccalumera, due tartarughe salvate in mare da due giovani. Il bacio e la libertà

sabato 13 Luglio 2019 - 09:29
Roccalumera, due tartarughe salvate in mare da due giovani. Il bacio e la libertà

Erano legate da un filo di lenza. L'intervento di Francesco e Onofrio le ha salvate. I complimenti del sindaco Argiroffi

ROCCALUMERA – Un bacio dopo il salvataggio che ha regalato la libertà e la vita a due tartarughe marine. “Portateci fortuna”, sussurra uno dei due “soccorritori”.

Protagonisti del gesto di solidarietà due giovani roccalumerese, Francesco Interdonato e Onofrio Palella. Sono stati loro a salvare le due tartarughe marine in difficoltà, nello specchio di mare al confine tra Roccalumera e Nizza.

Al termine delle operazioni di salvataggio, durate pochi minuti (le due tartarughe erano legate tra loro dal filo di una lenza), Francesco e Onofrio hanno ricevuto i complimenti del sindaco, Gaetano Argiroffi.

“Sono giovani straordinari – ha esordito il primo cittadino -. Il loro gesto è stato un grande esempio d’amore e di infinita sensibilità. La foto del bacio alla tartaruga, prima di rimetterla in mare, soprattutto in questo momento storico che stiamo vivendo, dice più di ogni altra parola, sui sentimenti di amore e solidarietà che tutti noi quotidianamente dovremmo avere. Grazie Francesco Interdonato e Onofrio Palella – conclude Argiroffi – siamo orgogliosi di voi”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007