I renziani "rompono" con il Pd e si candidano alle presidenze di IV e V Circoscrizione - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

I renziani “rompono” con il Pd e si candidano alle presidenze di IV e V Circoscrizione

Francesca Stornante

I renziani “rompono” con il Pd e si candidano alle presidenze di IV e V Circoscrizione

lunedì 13 Maggio 2013 - 12:53
I renziani “rompono” con il Pd e si candidano alle presidenze di IV e V Circoscrizione

Francesco Palano Quero e Alessandro Russo rifiutano le proposte del candidato sindaco Felice Calabrò. "Non c'è stato dialogo e confronto all'interno della coalizione, noi abbiamo fatto la nostra scelta". I due presidenti uscenti si candidano così ai loro quartieri con una lista civica.

I Renziani rifiutano l’offerta e vanno avanti. Francesco Palano Quero e Alessandro Russo non hanno intenzione di lasciare la strada che hanno iniziato a percorrere con le primarie. Le proposte di cui oggi ha parlato il candidato sindaco Felice Calabrò per loro non sono neanche da valutare. Avevano chiesto al loro partito, il Pd, di decidere tutti insieme liste e candidati, si erano proposti per la candidatura alle presidenze di IV e V quartiere. La coalizione ha però fatto una scelta diversa. Oggi il candidato sindaco della loro coalizione e del loro partito Felice Calabrò ha rinnovato loro il desiderio di averli nella sua squadra. “Che Quero e Russo siano due risorse importanti lo sappiamo bene, è per questo che nel mio progetto vedo Quero assessore designato nella mia Giunta e Russo candidato al consiglio comunale”. Calabrò ha parlato di merito e competenze che nessuno mette in dubbio e ha lanciato un messaggio ai renziani: “Fare un passo indietro piuttosto che tre in avanti è una scelta coraggiosa”. Ma loro sono decisi e lo scontro è ormai aperto. Hanno convocato una conferenza stampa davanti Palazzo Zanca per ufficializzare una scelta che era nell’aria da giorni: si candideranno ugualmente alle presidenze di IV e V Circoscrizione con una lista civica che si chiama Adesso Messina.

“Abbiamo fortemente voluto le primarie e abbiamo detto fin dall’inizio che non dovevano essere uno strumento per reclamare nomine e posti di governo. Abbiamo chiesto al nostro partito, prima sommessamente e poi con toni molto più decisi, di concordare tutti insieme l’assetto da proporre. Non c’è stato confronto e non c’è stato dialogo. Le proposte figlie di ragionamenti fatti nel chiuso delle stanze non ci interessano, siamo leali, restiamo nel Pd, ma scegliamo la nostra strada” ha detto Francesco Palano Quero che dice così “no grazie” ad un posto nella giunta di Felice Calabrò.

Alessadro Russo ringrazia Felice Calabrò, ma ricorda al vincitore delle primarie che per ottenere una candidatura al consiglio comunale non servivano riunioni o accordi. “Parlare di questo a due giorni dalla presentazione delle liste e ad un mese dalle elezioni è ingeneroso nei confronti di chi ci ha messo sempre la faccia e l’impegno” dice Russo che a sua volta chiede a Calabrò di liberarsi una volta per tutte dalle pressioni di una coalizione che parla di merito solo a parole. “Il nostro partito prevede la riconferma per le cariche apicali, la nostra ricandidatura doveva essere un passaggio automatico e invece noi non abbiamo avuto notizie né in positivo né in negativo”. A questo punto i renziani si appellano alle forze vive e libere della città, credendo fermamente che la gente voti con la testa e non solo in base alle tessere. Ma restano nel Pd. “Voteremo Felice Calabrò” dicono Quero e Russo. La spaccatura però ormai è dichiarata.

(Francesca Stornante)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

5 commenti

  1. IL PD CONOSCE bene l’arte per perdere le elezioni.

    0
    0
  2. MADDOCCO Antonino 13 Maggio 2013 14:35

    che schifo…la città è allo sfascio totale e questi litigano per le poltrone …. e questo è il nuovo che avanza….andiamo bene…..sono tutti uguali….. io non voto a Messina ma se cio’ fosse stato…… da buon ex militante dell’MSI avrei votato RENATO ACCORINTI…. lontano dalle mie idee…. ma almeno persona coerente ed onesta

    0
    0
  3. Beh visto che non hanno vinto le primarie perché mai avrebbero potuto rischiare al comune, meglio rimare la dove si trovavano, tanto nessuno li vede….

    0
    0
  4. E’ brutto essere sconfitti, ma quando si fa parte di un partito bisogna accettare i risultati.
    Invece, questi due signori, spernacchiati alle primarie, hanno gettato la maschera.
    Se non stanno bene nel PD vadano via.
    E’ facile fare politica quando si vince.
    E questi avrebbero voluto fare il sindaco?
    Andate a casa, che è meglio.
    Giuseppe Vallèra.

    0
    0
  5. salvatore mammola 14 Maggio 2013 07:08

    Mi dispiace veramente per Ciccio ed Alessandro che dichiarano la loro lealtà ad un partito che democratico, certamente, non è. Tantissimi saranno quelli che voteranno con la testa e non con la tessera, spero che bastino per riconfermarli alla presidenza, rispettivamente del IV e V quartiere.Mi piace ricordare ai
    Presidenti uscenti che per liberare Messina serve l’unione delle persone che negli anni in Politica hanno messo passione, cuore, coerenza, competenza rischiando in prima persona e mettendo da parte i propri interessi personali.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007