Ambiente e territorio. Eolie, si punta al recupero delle "reti fantasma" - Tempostretto

Ambiente e territorio. Eolie, si punta al recupero delle “reti fantasma”

Salvatore Di Trapani

Ambiente e territorio. Eolie, si punta al recupero delle “reti fantasma”

venerdì 05 Ottobre 2018 - 06:33
Ambiente e territorio. Eolie, si punta al recupero delle “reti fantasma”

Caccia alle “reti fantasma” nelle Eolie. Al via, il prossimo lunedì, la missione di recupero delle reti da pesca finite nei fondali. L’iniziativa punta al riciclo dei materiali recuperati e alla salvaguardia delle specie marine.

Una nuova iniziativa, nelle Eolie, votata alla salvaguardia dei fondali marini e della fauna locale. Lunedì prossimo il recupero delle “reti fantasma”, le reti da pesca perse o abbandonate a largo delle isole Eolie. L’appuntamento è promosso da Healthy Seas, in collaborazione con l’Aeolian Islands Preservation Fund (AIPF), Blue Marine Foundation (BLUE) e la Ghost Fishing Foundation. La missione sarà sponsorizzata da Aquafil, con un contributo di AIPF e BLUE.

Coinvolti nella missione di recupero anche i pescatori locali e i diving, oltre alla capitaneria di porto e al comune di Lipari. Le reti, una volta recuperate e adeguatamente ripulite, saranno inviate ad Aquafil che si occuperà di trasformarle in nylon rigenerato, un tipo di prodotto che è possibile riciclare virtualmente infinite volte.  

Al rientro sulla terraferma, intorno alle 12.00, i subacquei incontreranno gli studenti della scuola elementare IC Lipari I e della scuola media di Lipari IC Santa Lucia relazionando sui pericoli dell’inquinamento dei fondali marini e sui rischi per il territorio.

Secondo i dati dell’UNEP e della FAO ogni anno vengono disperse in mare 640.000 tonnellate di attrezzi da pesca, un dato particolarmente preoccupante con un impatto negativo sull’ecosistema. Le reti da pesca, inoltre, rappresentano una vera e propria “trappola” per specie a rischio come tartarughe marine e delfini ma anche per cernie e aragoste poiché permanendo nei fondali anche per diversi anni senza biodegradarsi.

Salvatore Di Trapani

Tag:

COMMENTA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007