Savoca. Dopo i furti, la manomissione del contatore: chiesa di S. Biagio nel mirino - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Savoca. Dopo i furti, la manomissione del contatore: chiesa di S. Biagio nel mirino

Carmelo Caspanello

Savoca. Dopo i furti, la manomissione del contatore: chiesa di S. Biagio nel mirino

sabato 02 Novembre 2019 - 16:19
Savoca. Dopo i furti, la manomissione del contatore: chiesa di S. Biagio nel mirino

Il sacro luogo è di proprietà della famiglia Aliberti. Presentata denuncia ai carabinieri

SAVOCA – Non ha pace la chiesetta di S. Biagio di Savoca, di proprietà della famiglia Aliberti. Dopo i furti, è stata denunciata ai carabinieri la presunta manomissione del contatore della luce. La segnalazione ai militari dell’arma ha fatto seguito ad un importo che “poco si addice ai consueti consumi di energia elettrica. L’importo dell’ultima bolletta (settembre-ottobre) ammonta a 136,18 euro, mentre di solito si aggirava sui 50-55 euro.

Il sospetto dopo una bolletta anomala

“Tale importo – spiega Pinella Aliberti, che ha materialmente sporto denuncia – poco si addice ai consumi usuali considerato che tranne i due giorni relativi alla festa di San Biagio, il 2 e 3 febbraio di ogni anno, il contatore e il salvavita vengono staccati. Lo scorso 29 ottobre, recandomi in chiesa – prosegue Aliberti – ho notato con vivo stupore che il contatore posto all’esterno del sacro luogo è stato manomesso.

Ignoti, sicuramente esperti, hanno allacciato un filo con riduttore di presa con l’evidente intento di avere energia elettrica da qualche altra parte. Pensiamo così di rimuovere il filo con la presa, conservato in chiesa, e cerchiamo di chiudere in qualche modo lo sportellino che è stato forzato al fine di manomettere il contatore.

Contestualmente – continua il racconto di Pinella Aliberti – intorno alle 15, ho parlato con un operatore del Servizio elettrico nazionale e narrato i fatti. I precedenti risultano regolari, mentre non è stato possibile fare la lettura aggiornata in quanto l’impianto era stato manomesso. In virtù di ciò è stato sospeso il pagamento della bolletta fino al 27 gennaio 2020 e mi è stato chiesto di chiamare chi di competenza per sostituire il contatore”.

Negli ultimi anni la chiesetta di S. iagio è stata oggetto di furti e manomissioni regolarmente denunciati. “Ciò evidenzia – conclude Pinella Aliberti – che la chiesetta è costantemente monitorata da ignoti che per un motivo o un altro la profanano con nostra profonda amarezza”.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007