Siamo tutti "shoppingari" con i diritti calpestati degli altri - Tempo Stretto

Siamo tutti “shoppingari” con i diritti calpestati degli altri

Rosaria Brancato

Siamo tutti “shoppingari” con i diritti calpestati degli altri

domenica 28 Aprile 2019 - 08:26
Siamo tutti “shoppingari” con i diritti calpestati degli altri

Sull'apertura dei negozi nei giorni di festa siamo Guelfi e Ghibellini. Dimenticando che.....

In realtà basterebbe il buon senso, ma l’Italia è diventata il Paese delle crociate, del tutto bianco o tutto nero, dei Guelfi e dei Ghibellini.

La querelle sull’apertura dei negozi nei festivi deve tenere conto di un duplice aspetto. Da un lato lo spazio della vita, quello da dedicare al riposo, alla famiglia, al piacere del tempo libero. Dall’altro la necessaria tutela dei diritti dei lavoratori. Sono due binari che non sempre restano paralleli, spesso s’incontrano.

Invece è fin troppo facile essere “shoppingari” con i diritti calpestati degli altri, progressisti e moderni con le buste paga degli altri.

Il 25 aprile, a Messina, i sindacalisti della Filcams Cgil ed i lavoratori della Coin hanno distribuito volantini con scritto “La festa non si vende”. Quanti li hanno letti? Quanti hanno letto le motivazioni delle proteste dei sindacati o quelle della Conad che nei giorni festivi chiude?

E’ chiaro che qui non si parla delle località turistiche né delle attività tipicamente stagionali o turistiche o del periodo natalizio. Stiamo parlando di una decina di giorni su 365 l’anno e su 66 ore settimanali a disposizione per lo shopping dal lunedì al sabato.

Io sono vintage e non passerei mai un 1 maggio o il 25 dicembre in un centro commerciale. Ho sempre guardato con rispetto ed amarezza le cassiere e i cassieri dei supermercati che la sera del 24 o 31 dicembre sono ancora lì, inchiodate alla cassa per colpa di quei clienti irriguardosi che hanno atteso le 20 per la spesa.

Partendo dal presupposto che la normativa dovrebbe basarsi sul buon senso, penso che alla base di tutto deve esserci il rispetto della vita, dei diritti e dei valori di una comunità che non è fatta di acquirenti ma di persone.

E’ triste vedere che durante le cosiddette “feste rosse del calendario” mentre si affollano i centri commerciali e le vie dello shopping si svuotano non solo le Chiese, ma i musei, i siti storici e culturali, i posti panoramici, i punti di ritrovo.

Da un lato c’è una comunità che ha smarrito la voglia di “essere comunità”, di trovare il tempo per stare con le persone più care, siano gli amici, la famiglia allargata, il club del burraco, gli ex alunni della 3E, il gruppo whatsapp del calcetto. Dall’altro, smarrendo questi valori ha prevalso l’indifferenza al profondo malessere altrui.

Chi non sa perché i lavoratori e i sindacati protestano è disinteressato al fatto che entrare in un negozio il lunedì di Pasqua per curiosare tra scarpe e pantaloni, equivale, soprattutto al sud, ad una compressione dei diritti e delle tutele del lavoratore.

Per consentirti di provare 10 paia di occhiali che con ogni probabilità (stando ai dati raccolti) non comprerai perché stai facendo uno “shopping scaccia-pensieri”, c’è un commesso che non si vedrà pagato alcun straordinario. Al massimo, se è fortunato, avrà recuperato il turno durante la settimana.

Allo stesso modo, mentre si affollano i centri commerciali, pochissimi partecipano agli eventi organizzati da decine di associazioni messinesi per scoprire storia, patrimonio, tesori artistici, culturali e paesaggistici di Messina.

Trascorrere una domenica con i figli per una partita di calcetto, un giro per ricordare chi erano i nostri antenati o scoprire che i limoni crescono sugli alberi e non dentro i vasetti di vetro, non ha prezzo. Per una passeggiata in riva al mare, a discutere con un pescatore, leggere un libro, ascoltare musica o semplicemente ad osservare il cielo piuttosto che il soffitto altissimo di un edificio non serve una Mastercard.

Noi non siamo quello che guadagniamo o quello che possiamo spendere. Non siamo quello che compriamo, non siamo i nostri abiti, le nostre borse. Noi siamo altro. Deve esserci un momento in cui spogliamo di tutta l’esteriorità e la dedichiamo al tempo della nostra vita, della nostra cura. Altrimenti cosa lasciamo ai nostri figli? Un telefono per dare risposta a tutte le loro domande? La Bibbia del selfie nel reparto degli intimi?

Tra i tanti commenti che ho letto riporto quello di Alessandro Geraci, consigliere del III quartiere: “Tenere le attività commerciali aperte durante i festivi è deleterio per i dipendenti, per i proprietari e per i consumatori. Restare aperti 7 su 7 , quando i contratti di lavoro prevedono 6 su 7 significa riuscire a fare una turnazione che non tutte le attività commerciali riescono a fare. I giorni festivi portano pedonabilità e pochi acquisti di qualità. Questo comporta un notevole calo di margini e il rapporto scontrino/ingressi si abbassa rovinando il lavoro certosino fatto durante la settimana. Più personale impieghi nei festivi maggiori saranno le fasce orarie scoperte, comportando un calo della qualità del servizio offerto al cliente durante la settimana. I negozi medio piccoli si ritrovano più dipendenti frustrati e stanchi e senza avere un reale margine in cassa. In molti paesi europei nei festivi le attività commerciali sono chiuse i cittadini si dedicano ad altro: gite,cultura,tradizioni,cinema,teatro,famiglia,sport”.

I dati attestano che dopo la liberalizzazione selvaggia non c’è stato aumento di consumi né di occupazione.

Alcuni anni fa, con mio marito e mio figlio siamo andati una domenica alla Valle dei Templi ed alla casa di Pirandello. Al rientro loro hanno voluto fare una sosta nel più noto e gigantesco centro commerciale del centro Sicilia. Io ho preferito aspettarli per un’ora e più nell’auto parcheggiata, leggendo.

A distanza di anni nei nostri cuori ci sono le ore trascorse tra i Templi a respirare storia ed arte. Di quei calzini e delle magliette comprate quel giorno è rimasto poco, anche perché li ho scoloriti in lavatrice alcune settimane dopo.

Rosaria Brancato

Tag:

7 commenti

  1. più che arrabbiarsi la mia opinione è che c’è da riflettere. I tempi cambiano e si vede fin troppo bene. se in meglio o in peggio non ci è dato di sapere, a meno di non leggere il pensiero universale degli antichi filosofi…. è universale e si studiano ancora proprio per quello.
    Cara Rosaria, la gente non fa quelle cose semplici che lei ha giustamente citato solo perché vive in un mondo virtuale, fatto di sensazioni anch’esse digitali. Cosa vuole che gliene importi di parlare con un pescatore, di andare tutti a messa insieme (vi siete accorti che le chiese sono troppo spesso semivuote?), semplicemente di passeggiare e via dicendo? Tutti corrono, trafelati, solo pochi si fermano a pensare che il dono più grande lo abbiamo davanti agli occhi e quasi mai ce ne accorgiamo: la natura e la giovinezza.
    Ci stiamo giocando entrambi con gli occhi sempre puntati sui videogiochi (i bambini) o su wapp (tutti) e col disinteresse per il meraviglioso mondo che ci circonda.
    «Un solo filo d’erba, un solo scarabeo, una sola formica, un’ape dai riflessi d’oro… testimoniano d’istinto il mistero divino” basterebbe leggere Dostoevskij per rendersi conto di quanto stiamo sbagliando.

    3
    0
  2. Non entro nel merito dell’aspetto se sia giusto o meno far lavorare gli impiegati dei centri commerciali anche nei festivi perché non faccio il sindacalista o il politico o l’opinionista, né posso conoscere le motivazioni dei lavoratori e dei datori di lavoro o dei clienti. Però da quanti “attori” del fenomeno ho tirato in ballo, comprendo che il problema è complesso e quindi, per quanto si possa fare o discutere, qualcuno scontento ci sarà sempre.
    Buona domenica

    0
    0
  3. cara Rosaria,sono pienamente d’accordo su quanto hai scritto e condivido pienamente…però è capitato a me che,dolendomi del fatto che avrebbero aperto i negozi anche la domenica…tantissimi anni fa…una o due cassiere di un noto supermercato della ns.cittàà,mi abbiano ” divorato ” col dire che erano soldi che entravano nel loro stipendio ,lavorare di domenica e festivi era una paga doppia ..ecc ecc….ciao .

    0
    1
    1. sarei curioso di sapere quale è questo supermercato che paga gli straordinari……….è sicuramente l’unico…o comunque uno dei pochissimi.
      é necessario tornare alla chiusura delle attività commerciali durante le giornate festive….per il bene di tutti

      0
      0
  4. Ho lavorato 35 anni in un supermercato Domeniche,lunedi,primi maggio ecc. ecc. Ho visto impiegato statali in quei giorni di festa che volevano che noi stessimo aperti. Però nel momento in cui noi gli dicevamo che anche noi per parità volevamo che gli uffici fossero aperti nei giorni di festa tutti hanno sempre risposto: mica siamo fessi…Quindi questi signori sulle spalle degli altri vogliono le comodità.Noi siamo solo carne da macello.In tanti lavoriamo nei giorni festivi e neanche la giornata ci viene pagata.Poi tantissimi anni fa fu fatto un referendum su apertura e chiusura; vinse la chiusura ma non se ne fece niente dopo che si sono spesi un sacco di soldi per fare il referendum.Noi vogliamo gli uffici aperti nei giorni festivi vediamo se sono daccordo.

    2
    0
  5. Volevo sapere da quel signore qual era questo supermercato…

    1
    0
  6. È patetico dare la colpa agli statali per l’apertura festiva dei negozi, come è un errore goffo e pretestuoso affermare che i clienti scostumati obbligano a stare i cassieri nei negozi alle 20 del 31 dicembre. Capisco la frenesia di rendere più appetibile e commovente l’articolo, ma chiunque abbia un po’ di cervello sa che né gli statali né il cliente hanno la possibilità di scegliere giorni ed orari di apertura dei negozi. La realtà è molto più terrena e meno romantica di quello che si vuol far credere: in questo campo le regole le detta il mercato, sempre più globale e concentrato nelle cittadelle commerciali presenti in ogni periferia italiana, che attraggono investimenti milionari ed il mercato, appunto, gli impone di non fermarsi. E non mi si venga a parlare di baggianate come quella che se non ci fosse la domanda non ci sarebbe l’offerta. Prendetevela con chi ha realmente stabilito queste regole , non con i mulini a vento. Grazie!

    0
    0

Rispondi a Fabrizio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007