Sicilia zona arancione. Il Pd prepara la sfiducia all'assessore Razza - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Sicilia zona arancione. Il Pd prepara la sfiducia all’assessore Razza

Rosaria Brancato

Sicilia zona arancione. Il Pd prepara la sfiducia all’assessore Razza

venerdì 06 Novembre 2020 - 07:38
Sicilia zona arancione. Il Pd prepara la sfiducia all’assessore Razza

La mozione sarà presentata nei prossimi giorni: "Le responsabilità sono tutte del governo regionale"

Sulla classificazione della Sicilia quale zona arancione il Pd passa all’attacco e dopo aver definito fallimentare la gestione della pandemia da parte del governo Musumeci prepara la sfiducia all’assessore alla sanità Ruggero Razza.

Al lavoro sulla mozione

La mozione di sfiducia sarà presentata nei prossimi giorni e la decisione è stata presa ieri nel corso di una videoconferenza promossa dal segretario regionale Anthony Barbagallo e dal capogruppo all’Ars Giuseppe Lupo. Alla riunione hanno partecipato i deputati regionali PD, i parlamentari nazionali Carmelo Miceli, Fausto Raciti e Pietro Navarra, il presidente della Direzione regionale Antonio Ferrante ed i componenti della Segreteria regionale del partito.

L’arancione colpa di Musumeci

 Tutti hanno sottolineato che la Sicilia si trova in “zona arancione”, con contagi fuori controllo e con la conseguenza di dover chiudere diverse attività commerciali, in conseguenza di 21 parametri che la stessa Regione Siciliana trasmette al governo nazionale e che mettono in evidenza errori e sottovalutazioni commessi dal governo Musumeci nelle misure necessarie al monitoraggio ed al contenimento del virus sul territorio. Al tempo stesso è sempre più evidente il deficit organizzativo nel sistema sanitario regionale.

I solleciti a Razza

Su questo fronte da mesi il Partito Democratico ha sollecitato  l’assessore alla Salute Ruggero Razza, affinché la rete ospedaliera e le strutture di supporto all’emergenza Covid19 fossero riorganizzate per tempo, in modo da poter affrontare l’attuale seconda ondata di pandemia che era ampiamente prevista.

Appelli caduti nel vuoto

I nostri appelli- si legge nel documento dem– sono stati sistematicamente ignorati: l’assessore Razza, così come il governo regionale, è rimasto con le mani in mano. E non si può ignorare il fatto che la condizione relativa al Covid, si ripercuote pesantemente anche sui servizi sanitari destinati ai “pazienti ordinari”. Adesso il Pd alza l’asticella e presenterà una mozione di censura nei confronti di Razza.

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. Le terapie intensive di Napoli sono sature, così come i posti di sub intensiva e ordinari, tanto che il Presidente della Regione Campania ha deciso di chiudere tutto a prescindere da quanto detto e fatto dal Governo. Forse il PD dovrebbe sfiduciare chi non ha fatto, disattendendo i cittadini e la Costituzione stessa (oppure i deputati ignorano gli articoli 117-Q e 120)? Sarebbe grave, gravissimo…!

    0
    0
  2. Se qualcuno non ha capito il metro utilizzato dal governo, adesso lo ha compreso.
    Le regione rosse e arancioni sono quelle governate dal centro destra, quelle governate dalla sinistra sono gialle.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x