Sicily Folk Fest, la festa del folk a Savoca con il Duo Gioviale e Giampiero Amato - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Sicily Folk Fest, la festa del folk a Savoca con il Duo Gioviale e Giampiero Amato

Gianluca Santisi

Sicily Folk Fest, la festa del folk a Savoca con il Duo Gioviale e Giampiero Amato

sabato 24 Luglio 2021 - 16:24

Domenica in piazza Fossìa fa tappa la rassegna dedicata alle migliori esperienze musicali del nuovo folk siciliano

SAVOCA – Dopo il successo dello scorso evento a San Cataldo, con il docu-film “Brucia come zolfo” di Valerio Cammarata e il concerto de I Beddi Musicanti di Sicilia, domenica 25 luglio entra nel vivo a Savoca l’ottava edizione del Sicily Folk Fest, la rassegna itinerante in varie piazze siciliane, organizzata dall’associazione Tamburo di Aci con la direzione artistica di Davide Urso, dedicata alle migliori esperienze musicali del nuovo folk e della world music Made in Sicily.

Doppio l’appuntamento anche il 25 luglio in piazza Fossìa a Savoca (ingresso libero): si inizia alle 20 con il concerto “Mandolinisti siciliani” degli etnei Torquato Tricomi e Salvatore Tomasello ovvero il Duo Gioviale; si prosegue alle 21 con lo spettacolo musical-teatrale “Mastru tempu”, musica, teatro, arti e antichi mestieri del polistrumentista alcamese Giampiero Amato.

Il Duo Gioviale è formato da Torquato Tricomi (chitarra) e Salvatore Tomasello (mandolino e friscalettu siciliano). Ottimi esecutori, grazie anche alle loro innate doti armoniche, riportano indietro nel tempo l’orologio della vita con un vasto repertorio musicale in un crescendo entusiasmante, facendo rivivere emozioni altrimenti dimenticate. Il duo recentemente ha inciso il primo lavoro discografico sui mandolinisti catanesi. ​Più che un disco è stato il compimento di una indagine musicologica iniziata dalla ricerca degli spartiti, alcuni addirittura manoscritti, di musica scritta e suonata a Catania. Gioviale, Aiello, Vicari, Reina, D’Urso, cinque i compositori catanesi per un totale di 12 brani, artefici di una fisiologica evoluzione della più semplice musica da salone da barba, che porta a brani molto più tecnici e virtuosistici, uscendo dai classici giri armonici delle barberie.  

Giampiero Amato torna in scena con “Mastru tempu” musica, teatro, arti e antichi mestieri spettacolo musicale-teatrale, una storia ideata e scritta dal 29enne cantautore, polistrumentista alcamese che sul palco si esibisce suonando fisarmonica, friscaletto, marranzano, zampogna a paro, tamburi a cornice, chitarra. Con lui sul palco Nino Nobile (mandolino, mandola, chitarra) e Nino Amato (tamburi a cornice, tammorra, percussioni mediterranee). Nello spettacolo, Giampiero Amato accompagna il pubblico in un viaggio nel tempo, il “tempo maestro”, attraverso le vicende di una famiglia ideale, la cui storia si snoda attraverso diverse epoche, e al cui interno si intrecciano le storie di figli che scelgono strade e mestieri diversi.


Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x