Lavoratori della formazione in un tunnel senza uscita, mobilitazione in tutta la Sicilia - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Lavoratori della formazione in un tunnel senza uscita, mobilitazione in tutta la Sicilia

F.St.

Lavoratori della formazione in un tunnel senza uscita, mobilitazione in tutta la Sicilia

F.St. |
lunedì 20 Ottobre 2014 - 16:34
Lavoratori della formazione in un tunnel senza uscita, mobilitazione in tutta la Sicilia

La Flc Cgil ha dato il via alla mobilitazione dei lavoratori della formazione professionale, sit-in anche in città davanti Palazzo Zanca. Consegnato un documento al Sindaco Accorinti per chiedere di portare la questione sul tavolo del Prefetto, domani si vola a Roma per un incontro al Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Stipendi che mancano da mesi, in qualche caso da anni. Servizi paralizzati o che, nella migliore delle ipotesi, funzionano male. In fumo la possibilità per centinaia di giovani di apprendere un lavoro. Sono le tante facce del disastro della formazione professionale in Sicilia. Solo a Messina e provincia sono quasi duemila i lavoratori che negli anni hanno trovato occupazione in questo settore oggi al centro delle cronache regionali e nazionali soprattutto per gli scandali e le vicende giudiziarie. Un esercito di uomini e donne che sta vivendo sulla propria pelle il caos di un settore andato in frantumi. Oggi in tutte le nove province siciliane sit-in dei lavoratori organizzati dalla Flc Cgil. Anche a Messina un presidio ha atteso il Sindaco Renato Accorinti davanti Palazzo Zanca.

Lavoratori e sindacato hanno consegnato un documento con tutte le rivendicazioni e le problematiche vissute dai lavoratori della formazione. La questione è regionale, ma le Istituzioni locali possono dare un segnale di vicinanza e di presenza, per questo motivo la Flc Cgil ha deciso di chiedere aiuto ai Sindaci dei nove comuni siciliani.

“Chiediamo al Sindaco Accorinti di farsi portavoce del dramma vissuto dai lavoratori della formazione e di portare sul tavolo del Prefetto la vertenza occupazionale. E’ chiaro che la Regione da un lato continua a dare rassicurazioni mentre però la situazione resta ferma al palo” ha spiegato la segretaria provinciale della Flc Cgil Graziamaria Pistorino.

“I lavoratori non ce la fanno più e a Messina il problema si acuisce ancor di più perché è diventato quasi un tabù nominare la parola “formazione”. Vogliamo però far capire che oltre la malagestione politica di questo comparto ci sono adesso dei lavoratori che non possono essere abbandonati al loro destino. Non si può fare di tutta l’erba un fascio, parliamo di persone che hanno dedicato anni della loro vita a questa occupazione e che oggi sono in un limbo che sembra senza via d’uscita” ha proseguito la sindacalista.

Domani il sindacato e una delegazione di lavoratori sarà a Roma al Ministero dell’Economia e della Finanze per provare a far uscire la questione fuori dai confini siciliani. Mercoledì invece la mobilitazione continua con lo sciopero generale e sit-in a Palermo davanti Palazzo d’Orleans.

F.St.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. Chi ha stabilito che trattasi di lavoratori?

    0
    0
  2. Chi ha stabilito che trattasi di lavoratori?

    0
    0
  3. sindaco,tutti all’ AMAM per favore

    0
    0
  4. sindaco,tutti all’ AMAM per favore

    0
    0
  5. ogni lavoratore merita rispetto ci mancherebbe altro tuttavia bisognerebbe chiedersi come vennero assunti al tempo. questo è da dire.

    0
    0
  6. ogni lavoratore merita rispetto ci mancherebbe altro tuttavia bisognerebbe chiedersi come vennero assunti al tempo. questo è da dire.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x