Stu Tirone, l'Autority: violate le norme sulla concorrenza - Tempostretto

Stu Tirone, l’Autority: violate le norme sulla concorrenza

Alessandra Serio

Stu Tirone, l’Autority: violate le norme sulla concorrenza

martedì 03 Giugno 2014 - 22:44

Dopo l'esposto dell'Inarsind, l'Autorità di Vigilanza sui Contratti pubblici segnala le anomalìe nella gestione del progetto. Nel mirino i servizi di ingegneria e l'affidamento dei lavori, in violazione delle norme sugli appalti pubblici.

Disco rosso dell'Autorita' di Vigilanza sui contratti pubblici per la Stu Tirone. Con la nota del 12 maggio scorso, l'Autority ha chiuso l'ispezione iniziata nel marzo 2012 con l'esposto dell'ingegnere Pietro Luigi Pettinato. Il professionista lamentava, per conto dell'Inarsind Messina, la sigla degli Ingegneri Architetti Liberi Professionisti, alcune anomalìe nella convenzione tra Comune e Stu Tirone. Anomalìe contro le quali ora punta il dito anche l'Autority, che ne segnala tre in particolare. Il parere dell'organismo, redatto dall'ingegnere Filippo Romano, é vincolante soltanto in parte e comunque non prima di aver dato tempo alle parti di replicare.

L'ingegnere Francesco Cavallaro della Stu ha già chiesto audizione, alla quale ha chiesto di assistere l'avvocato Marcello Parrinello. Il presidente del cda della Stu non ha peró chiesto di essere ascoltato a sua volta né presenterà contro deduzioni. Secondo l'Autority, la Stu "aggira" le procedure di evidenza pubblica, gare e ricorso al libero mercato, per lo svolgimento di diversi servizi, dalla progettazione esecutiva all'attività di esproprio, il bando di gara del 2002 non conterrebbe indicazioni, se non generiche, su importo dei lavori e requisiti. L'organismo di vigilanza segnala che la società mista pubblico-privato rientra nell'ambito di applicazione della normativa in tema di appalti pubblici. Sì perció alla gara "a doppio oggetto", così come ha fatto Palazzo Zanca. Ma una società mista, precisa l'autority, non ha come peculiarità l'assenza di una procedura di gara, "quanto il controllo del socio pubblico sull'affidatario (..) esercitato dall'interno attraverso la partecipazione societaria".

La società mista puó derogare alle norme sugli appalti pubblici. Anche così, peró, il socio privato va scelto con procedure di evidenza pubblica, e deve trattarsi di un soggetto che "ha i requisiti di qualificazione previsti dal Codice in relazione alla prestazione per cui la società è stata costituita", infine la societá deve provvedere per almeno il 70% dell'importo necessario alla realizzazione dell'opera. Secondo l'Autority, né il bando né i verbali di gara danno conto dei requisiti, Comune e Stu si sono limitati ad affermare genericamente che potrebbero ricorrere al mercato, per il 30% al massimo, "non chiarendo effettivamente quale sia la quota parte delle prestazioni cui la società provveda in via diretta, elemento peraltro non indifferente visto l'elevato valore dell'intervento".

Insomma, l'Autority chiede maggiore chiarezza per evitare il rischio di affidamento monopolistico o privilegiato. "In tal senso i servizi di ingegneria e la realizzazione di lavoro pubblico affidato alla Stu senza la garanzia dell'osservanza degli artt. 32 e 90 del d. Lgs. 163\2006 costituiscono una modalità di affidamento anomala rispetto alle regole concorrenziali del mercato degli appalti pubblici".

Alessandra Serio

Tag:

4 commenti

  1. Non vorrei sbagliarmi,ma l’uomo COMPLESSO o meglio dei PROGRAMMI COMPLESSI,l’uomo dei sogni,con un trascorso politico COMPLESSO risalente agli anni novanta,prima con ALLEANZA NAZIONALE,poi con il PDL di Silvio Belusconi,carica di Consigliere Comunale,Assessore ai lavori pubblici,City Manager e da ultimo di Assessore allo sviluppo economico con Peppino Buzzanca,non è avvocato civilista? L’elenco dei sogni è impressionante,lascia senza fiato:la metanizzazione di tutto il territorio messinese,la realizzazione di OTTO edifici scolastici, la riqualificazione urbana del centro storico e dei villaggi di Ganzirri e Torre Faro con rifacimento della rete fognaria,la ristrutturazione di quasi tutti gli impianti di pubblica illuminazione cittadina,la copertura del torrente Annunziata,la riqualificazione e regimentazione idraulica dei torrenti Ciaramida,S.Licandro,Guardia,Mili S.Pietro,Mili S.Marco,S. Filippo,Badiazza,Trapani,il sistema di convogliamento delle acque piovane Annunziata,opere di urbanizzazione Faro Superiore, Sperone, Annunziata,S.Lucia S.Contesse,il Palasport di S. Filippo,le palestre di Gravitelli e Mili,il completamento dello stadio S.Filippo e della viabilità,il restauro della ex chiesa di S.Maria Alemanna,Forte Ogliastri,l’istituto Marino di Mortelle,il ripascimento di S.Margherita e di Rodia e S.Saba,acquisto alloggi per edilizia popolare,ristrutturazione Case Feltrinelli e case popolari S.Lucia S.Contesse,il PalAntonello e la Galleria Vittorio Emanuele e tantissime altre opere,di cui si vantava di aver acquisito rilevanti finanziamenti nazionali,regionali e comunitari ivi compresi quelli relativi al completamento del nuovo porto di Tremestieri.Scusate ho scordato il piano Strategico Messina2020 ed i progetti della Piattaforma logistica per la distribuzione delle merci,la via del mare,la riqualificazione del parco ferroviario,la riqualificazione dell’ affaccio a mare e della riviera,il piano particolareggiato di Capo Peloro,il parco turistico naturalistico Mortelle Tono,la zona Franca Urbana. BASTA sognare, la supplico avvocato.

    0
    0
  2. Non vorrei sbagliarmi,ma l’uomo COMPLESSO o meglio dei PROGRAMMI COMPLESSI,l’uomo dei sogni,con un trascorso politico COMPLESSO risalente agli anni novanta,prima con ALLEANZA NAZIONALE,poi con il PDL di Silvio Belusconi,carica di Consigliere Comunale,Assessore ai lavori pubblici,City Manager e da ultimo di Assessore allo sviluppo economico con Peppino Buzzanca,non è avvocato civilista? L’elenco dei sogni è impressionante,lascia senza fiato:la metanizzazione di tutto il territorio messinese,la realizzazione di OTTO edifici scolastici, la riqualificazione urbana del centro storico e dei villaggi di Ganzirri e Torre Faro con rifacimento della rete fognaria,la ristrutturazione di quasi tutti gli impianti di pubblica illuminazione cittadina,la copertura del torrente Annunziata,la riqualificazione e regimentazione idraulica dei torrenti Ciaramida,S.Licandro,Guardia,Mili S.Pietro,Mili S.Marco,S. Filippo,Badiazza,Trapani,il sistema di convogliamento delle acque piovane Annunziata,opere di urbanizzazione Faro Superiore, Sperone, Annunziata,S.Lucia S.Contesse,il Palasport di S. Filippo,le palestre di Gravitelli e Mili,il completamento dello stadio S.Filippo e della viabilità,il restauro della ex chiesa di S.Maria Alemanna,Forte Ogliastri,l’istituto Marino di Mortelle,il ripascimento di S.Margherita e di Rodia e S.Saba,acquisto alloggi per edilizia popolare,ristrutturazione Case Feltrinelli e case popolari S.Lucia S.Contesse,il PalAntonello e la Galleria Vittorio Emanuele e tantissime altre opere,di cui si vantava di aver acquisito rilevanti finanziamenti nazionali,regionali e comunitari ivi compresi quelli relativi al completamento del nuovo porto di Tremestieri.Scusate ho scordato il piano Strategico Messina2020 ed i progetti della Piattaforma logistica per la distribuzione delle merci,la via del mare,la riqualificazione del parco ferroviario,la riqualificazione dell’ affaccio a mare e della riviera,il piano particolareggiato di Capo Peloro,il parco turistico naturalistico Mortelle Tono,la zona Franca Urbana. BASTA sognare, la supplico avvocato.

    0
    0
  3. pietro anzalone 4 Giugno 2014 16:42

    N’è forse per un 10per cento è azzeccato peccato che per il resto novanta al solito sono cavolate
    di disinformato o di parà Sacchi

    0
    0
  4. pietro anzalone 4 Giugno 2014 16:42

    N’è forse per un 10per cento è azzeccato peccato che per il resto novanta al solito sono cavolate
    di disinformato o di parà Sacchi

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007