Ore frenetiche in casa Messina. Si attendono gli ultimi "botti" - Tempostretto

Ore frenetiche in casa Messina. Si attendono gli ultimi “botti”

fabrizio berte

Ore frenetiche in casa Messina. Si attendono gli ultimi “botti”

mercoledì 27 Agosto 2014 - 14:59

Spuntano i nomi di Simone Ciancio e Marco Cane. In dirittura d'arrivo la trattativa che dovrebbe portare a Messina la punta Luca Scapuzzi. Lasciano Messina il difensore brasiliano Roni Carlo Temporini e l'attaccante guineano Idrissa Camarà. Sabato esordio in campionato a Barletta, sarà Antonio Di Martino della sezione di Teramo a dirigere il match, coadiuvato dagli assistenti Giuseppe De Filippis della sezione di Vasto e Francesca Di Monte della sezione di Chieti.

Ultimi cinque, decisivi, giorni di calciomercato per il Messina, che punta a completare l’organico piazzando qualche importante “colpo” per puntellare una rosa già competitiva per affrontare al meglio l’imminente campionato di Lega Pro.
Intanto, con una breve nota pubblicata sul sito ufficiale, il Messina ha comunicato che il difensore Roni Carlo Temporini e l’attaccante Idrissa Camarà non saranno tesserati: “Il Messina – si legge – rende noto che, in merito alla posizione dei calciatori Roni Carlo Temporini e Idrissa Camarà, non si è proceduto al perfezionamento dei relativi contratti per i diritti alle prestazioni sportive. Il Messina ringrazia i due calciatori per la professionalità sin qui espressa ed augura loro le migliori fortune personali e professionali”.
I due calciatori, in prova sin dal ritiro di Camigliatello Silano, in provincia di Cosenza, evidentemente non hanno convinto lo Staff Tecnico.
Tutto come prima, quindi, con il Patron Pietro Lo Monaco e il Direttore Sportivo Fabrizio Ferrigno che dovranno correre ai ripari in questi ultimi giorni di calciomercato.
Messina a caccia di un esterno sinistro, in particolar modo dopo la partenza dell’ex interista Antonio Esposito, che ha lasciato la “truppa” giallorossa a causa di gravi problemi familiari.
Nelle ultime ore è salito in cattedra il nome di Simone Ciancio, prodotto del Settore Giovanile della Sampdoria, attualmente in forza alla Juve Stabia, ma in odor di rescissione del contratto.
Piacciono anche lo svincolato Simone Piva, ex Salernitana, e il giovane Marco Cane, di proprietà del Crotone, mentre potrebbe tornare in auge il nome di Antonio Meola del Livorno.
Mister Gianluca Grassadonia gradirebbe il ritorno di Tommaso Squillace, ma il tecnico del Catanzaro, Francesco Moriero, non è intenzionato a privarsene.
Le alternative sono Leonardo Nunzella, in comproprietà tra Lecce e Virtus Lanciano, seguito a lungo lo scorso anno dalla società peloritana, Andrea Gaveglia, tanta esperienza in Lega Pro ed un passato al Messina in Serie B e Francesco Agresta.
Non è ancora tramontata la pista che porta all’esperto Manuel Scalise, esterno attualmente in forza alla Salernitana e nel mirino anche del Matera, ma sarebbe un’operazione last-minute.
Sfumato, invece, Alessandro Armenise, ritirato dal mercato dalla Paganese.
Al centro della difesa è arrivato l’esperto Mirko Stefani, ex Cremonese, cresciuto nel Settore Giovanile del Milan, ma il pacchetto arretrato verrà completato con uno o due innesti, in base anche alle uscite.
Sul taccuino del Direttore Sportivo Fabrizio Ferrigno e del Patron Pietro Lo Monaco ci sono diversi nomi: dall’ex Parma e Modena Armando Perna (attualmente svincolato, si sta allenando con la Correggese, compagine di Serie D, è nel mirino di Cosenza, Matera e Foggia) all’ex Catania e Palermo Christian Terlizzi (che potrebbe, però, restare a Trapani), fino ad arrivare all’ex romanista Gianluca Freddi (seguito da Apoel Nicosia, Foggia e Modena), la scorsa stagione a Brescia, in Serie B.
In partenza il giovane Alessio De Bode (su di lui c’è il pressing di Foggia, Viareggio, Savoia, Melfi, Matera, Martina, Aversa e Lucchese), che non rientra più nei piani del tecnico peloritano Gianluca Grassadonia.
Possibile anche l’arrivo di un terzo portiere, vista la partenza di Vincenzo Mangini, accasatosi in Serie D alla Tiger Brolo, anche se il giovanissimo estremo difensore albanese Lidio Hoxhaj ha ben figurato e potrebbe essere confermato alle spalle del promettente Ettore Lagomarsini e dell’esperto Rino Iuliano.
Nel reparto nevralgico del campo è arrivato Loris Damonte, in prestito dal Varese, che va ad aggiungersi ad un centrocampo estremamente competitivo.
Tramontate, dunque, le piste che portano allo svincolato Francesco Favasuli (con un passato al Messina, ora vicino alla Salernitana) e ai due ex milazzesi Marco Cuomo (Melfi) e Christian Suarino (Aversa). Sfumato l’esperto Imperio Carcione, passato dal Perugia alla Pistoiese, che precedentemente aveva “soffiato” al Messina anche il giovane Amato Ciciretti.
La novità dell’ultim’ora potrebbe essere rappresentata dal ritorno di Domenico Franco (che in questi giorni si sta allenando con la Correggese, compagine di Serie D), che ha rescisso il contratto che lo legava al Chievo Verona, reduce da un brutto infortunio, ma nelle grazie del tecnico del Messina Gianluca Grassadonia.
Verrà tesserato, invece, l’indimenticato ex giallorosso Alessandro Parisi, che potrebbe avere una riduzione della squalifica e tornare in campo prima del previsto in maglia biancoscudata, per la gioia dei tifosi messinesi.
Anche per quanto riguarda il reparto avanzato si prova a stringere il cerchio.
In dirittura d’arrivo la trattativa che dovrebbe portare in giallorosso la seconda punta Luca Scapuzzi, prodotto del Settore Giovanile del Milan ed ex Manchester City.
Il promettente Pietro Iemmello, prodotto del florido vivaio della Fiorentina, si è accasato al Foggia, mentre l’ex Arsenal Arturo Lupoli non sembra sia disposto a lasciare il Varese per scendere di categoria.
Si cerca una punta talentuosa ed in grado di garantire un discreto bottino di reti, da potere affiancare sia all’esperto attaccante croato Sasa Bjelanovic che al capitano Giorgio Corona.
Piacciono sempre Ciro Ginestra e David Mounard della Salernitana (ma entrambi hanno un ingaggio proibitivo per le casse giallorosse), Fabio Mazzeo del Perugia (che vorrebbe giocare in Serie B) e Maikol Negro del Latina (conteso da Lecce e Salernitana, ma ad un passo dai salentini), suggestive le piste che portano a Luca Forte del Varese e a Giovanni Cavallaro del Foggia, più praticabili i rientri in riva allo Stretto di Vittorio Bernardo (ancora svincolato e reduce da un ottima seconda parte di stagione con la maglia del Messina) e Salvatore Caturano della Casertana (su di lui c’è il pressing di Melfi, Matera, Martina, Aversa, Foggia, Viareggio e Cosenza).
Piace anche il greco Athanasios Topouzis, attualmente svincolato, mentre sfumano Aniello Cutolo e Davide Vantaggiato (entrambi vicini al Livorno), oltre allo svizzero Dario Tranchitella (ad un passo dal Brindisi).
Difficile, se non impossibile, arrivare al centravanti Ferdinando Sforzini del Pescara, che viaggia su cifre estremamente alte e sarebbe ad un passo dal Varese, ma con il Catania e la Salernitana sempre in pressing.
In piedi le ipotesi Luca Orlando (attualmente svincolato, ma nel mirino di Grosseto, Cosenza, Melfi, Aversa, Martina, Viareggio, Matera e Foggia) e Loris Tortori del Melfi, entrambi particolarmente stimati dal tecnico Gianluca Grassadonia.
Ma non sono escluse sorprese dell’ultim’ora. Il nome nuovo, infatti, potrebbe essere quello della punta Matteo Momentè, di proprietà del Varese e cresciuto nel Settore Giovanile dell’Inter.

Intanto sabato sera il Messina esordirà in campionato a Barletta, anche se l’inizio del campionato di Lega Pro non è ancora del tutto certo, visti i numerosi ricorsi di compagini che chiedono il ripescaggio in Serie B.

In vista del match contro il Barletta dell’ex Raffaele Biancolino, fissato per sabato 30 agosto alle ore 19.30, è già emergenza per il tecnico del Messina Gianluca Grassadonia: salteranno la trasferta pugliese, infatti, il difensore Enrico Pepe ed il capitano Giorgio Corona, entrambi squalificati per un turno.
In forte dubbio anche il centrocampista Vincenzo Pepe, a causa di un risentimento muscolare. Verosimilmente non ci sarà neanche il trequartista venezuelano Gustavo Paez, ancora in attesa del transfer, indispensabile per disputare gare ufficiali, mentre è in netta ripresa l’esperto bomber croato Sasa Bjelanovic.
Probabile la presenza, sin dal primo minuto, del giovanissimo attaccante palermitano Tommaso Bonanno, classe 1995, in rampa di lancio, stimato dal tecnico Gianluca Grassadonia ed autore di un precampionato più che convincente.
Sarà l’arbitro Antonio Di Martino della sezione di Teramo a dirigere il match, coadiuvato dagli assistenti Giuseppe De Filippis della sezione di Vasto e Francesca Di Monte della sezione di Chieti, che comporranno la terna arbitrale designata per l’esordio del Messina nella Lega Pro 2014/2015 che, ad eccezione di un rinvio dei campionati, è in programma sabato 30 agosto 2014 alle ore 19.30 a Barletta.
La prima giornata del Girone C si aprirà venerdì 29 agosto con la sfida tra il Matera e la Paganese (in programma alle ore 19.30), mentre si chiuderà domenica 31 agosto, alle ore 18.00 con il match tra Salernitana e Cosenza, incontro di cartello della prima giornata di un campionato che si appresta ad essere entusiasmante e ricco di emozioni.

Ad oggi, la rosa del Messina è composta dai seguenti giocatori:

Portieri: Ettore Lagomarsini, Rino Iuliano, Lidio Hoxhaj;

Difensori: Luigi Silvestri, Enrico Pepe, Mirko Stefani, Errico Altobello, Alessio De Bode, Roni Carlo Temporini, Francesco Sciotto;

Centrocampisti: Alex Benvenga, Loris Damonte, Rosario Bucolo, Vincenzo Pepe, Daniele Donnarumma, Samuele Stampa, Elio Nigro, Vito Migliore, Nicolas Izzillo;

Attaccanti: Giorgio Corona, Sasa Bjelanovic, Gustavo Paez, Tommaso Bonanno.

Fabrizio Bertè

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007