Stop a Porno Revenge e Congresso della Famiglia: verso il Medioevo 2.0 - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Stop a Porno Revenge e Congresso della Famiglia: verso il Medioevo 2.0

Rosaria Brancato

Stop a Porno Revenge e Congresso della Famiglia: verso il Medioevo 2.0

domenica 31 Marzo 2019 - 08:32
Stop a Porno Revenge e Congresso della Famiglia: verso il Medioevo 2.0

Sembra di essere saliti su una macchina del tempo con la marcia indietro ingranata verso il Trapassato Remoto

In meno di 48 ore si sono verificati “fatti & misfatti” preoccupanti per le donne italiane. Il rischio è mettere in moto la macchina del tempo ingranando la marcia indietro puntando a tutto gas verso il Medioevo.

Il no della Camera alla “porno vendetta” ha anticipato di 48 ore l’inizio del XIII Congresso Mondiale delle Famiglie promosso da chi considera l’omosessualità una malattia satanica ed è contro divorzio, aborto, sesso prematrimoniale, uso di metodi anticoncezionali (etc etc). I gadget distribuiti al Congresso di Verona erano feti di gomma e portachiavi a forma di piedini e la dichiarazione d’apertura dei lavori è stata di Gandolfini, leader del Family Day: “In Italia dal ’78 ad oggi sono stati uccisi sei milioni di bambini”.

In due giorni, con modalità diverse e luoghi diversi, è stato preso a picconate l’albero delle tutele e delle conquiste di battaglie, non solo delle donne, ma dell’intera comunità italiana.

La bocciatura dell’emendamento che prevede che il “Revenge porn” diventi reato e sia punibile con il carcere fino a 6 anni e con una multa, mi colpisce perché i fatti non sono accaduti in una sala Congressi ma in Parlamento. Mi colpisce perché in questi decenni il fronte delle donne è sempre stato trasversale quando si è trattato di diritti. Mi colpisce perché nelle stesse ore durante le quali la maggioranza giallo-verde approvava il decreto sulla legittima difesa e la Lega dichiarava “ora puntiamo all’acquisto più facile delle armi”, la Camera bocciava la norma che punisce una delle armi più schifose, che uccide senza proiettili e che al posto del mirino ha l’obiettivo di un telefono o di una telecamera. La porno vendetta è infatti la diffusione in rete di video o immagini di rapporti sessuali tra partner che sul momento erano consenzienti ma vengono diffuse dopo aver litigato o per vendetta o ritorsione, ricatto, per umiliarlo. In moltissimi Paesi è già reato.

Nel nostro dobbiamo attendere la prossima settimana perché la maggioranza giallo verde ha bocciato la norma dell’opposizione e solo dopo il via libera di Di Maio a quanto pare i 5Stelle martedì sosterranno l’emendamento di Forza Italia e Pd.

Che beghe di bassa “lega” ed equilibrismi di potere abbiano avuto il sopravvento mentre in quelle stesse ore la madre di Tiziana Cantone, che si è tolta la vita dopo la diffusione in rete dei suoi video, raccontava l’orrore, lascia amareggiati.

Può accadere ad ogni donna, di qualsiasi partito, ceto, età, professione, subire la “lapidazione del web”. In una società come la nostra questo è un tipico reato che vede come vittime solo le donne. Se in video c’è una donna che fa sesso con il suo uomo è subito puttana. Nello stesso video l’uomo viene acclamato come stallone.

In attesa che si metta una pezza ad una brutta pagina politica, siamo alle prese con il Congresso del Trapassato Remoto.

A turno persino i big della Lega sono stati costretti a prendere le distanze. Del resto sarebbe impossibile per quasi tutti i politici italiani salire su un palco che demonizza il divorzio e la procreazione fuori dal matrimonio, quantomeno per pudore.

Gli albori del Family Day (la manifestazione nazionale organizzata a sostegno famiglia tradizionale) videro in prima fila gli allora leader di partito e di governo come Berlusconi o Casini che alle spalle di divorzi ne hanno accumulati. Il Family Day dovrebbe essere ribattezzato “Giornata dell’ipocrisia” e gli stessi politici che oggi si presentano sul palco del Congresso pur di avere una manciata di voti in più hanno nei loro armadi, se non una bella sfilza di tradimenti ai partner, quantomeno un paio di profilattici. Ognuno è libero di avere una propria idea ma dire che il Congresso di Verona sia il Congresso delle Famiglie naturali è un’offesa. La parola “naturale” è ciò che più ci lega al termine amore e universale. Invocare esorcismi contro gli omosessuali, Satana, Belzebù, riportare indietro l’orologio su aborto e divorzio, tutto è tranne che “naturale”. E’ istigazione all’odio.

Le donne continuano a morire. Prima della 194 morivano per gli aborti fatti in casa, morivano per nascondere dietro le mura di casa matrimoni in frantumi o mariti violenti o traditori, subivano in silenzio. Morivano di parto. Pativano la sofferenza di non poter lavorare o votare. Più indietro ancora finivano al rogo. O, per guardare appena mezzo secolo fa, venivano spedite nei “manicomi”, facendole passare per isteriche. Finivano nelle case chiuse. C’era il delitto d’onore. E se Enrico VIII trovò il modo per sbarazzarsi delle mogli che non lo solleticavano più sessualmente, la stessa violenza silenziosa si è portata avanti per secoli in case umili o ricche.

Mi spaventa quella coincidenza temporale tra il Congresso e la bocciatura del revenge porn, perché oggi per fare violenza ad una donna non vengono usate solo le armi ma basta una connessione internet. Uccide non solo chi riprende, ma anche il “guardone” che diffonde, commenta, sghignazza, lapida. E’ un reato collettivo, uno stupro di gruppo senza sangue e violenza fisica.

Quelle immagini entrano nel profondo della carne e dell’anima e sono ferite che nessun ospedale o chirurgo potrà mai guarire.

Improvvisamente quello che un tempo era lo spioncino della serratura diventa una finestra enorme e gli occhi di milioni di persone sui social guardano te nel momento più intimo e ti giudicano.

La società diventa carnefice. E la politica non può essere complice di tutto ciò.

Altrimenti vuol dire che tutti sono già pronti a salire sulla macchina del tempo: direzione Medioevo. Un nuovo Medievo 2.0.

Rosaria Brancato

Tag:

Insieme per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione. Ci siamo guadagnati la vostra fiducia lavorando con impegno. Abbiamo fatto qualche errore,ovviamente, ma non abbiamo mai derogato al nostro intento di libertà. Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, maggiori contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria. E‘ un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. La rabbia obnubila il cervello e si vede… etichettare il Medioevo negativamente è sintomo di una scarsa conoscenza delle dinamiche storiche. L’aborto è un delitto e su questo non ci piove, compito dello Stato non dovrebbe essere quello di garantirlo ma di eliminare tutti gli ostacoli che impediscono alle donne, come come a tutti, di vivere un’esistenza dignitosa. Per quanto riguarda la cosiddetta vendetta porno è curioso che non si colga il fatto che un comportamento così balordo e vigliacco non possa che trovare la sua scaturigine nella cosiddetta mentalità moderna che, dopo aver divelto ogni barriera di ordine superiore, trova giusto ogni tipo di abominio nella consapevolezza di trovarne, prima o poi, la sua legittimazione. Un divorziato può benissimo avallare l’idea della famiglia altrimenti sarebbe come dire che un ladro non possa avallare l’idea della giustizia e così via. L’ipocrisia, semmai, io la coglierei nel voler chiudere gli occhi di fronte alla decadenza del mondo moderno che non conosce più limiti di sorta. Ipocrita è chi vuole ignorare che non può esistere amore tra un essere umano e un termosifone… che non ha senso (s)vestirsi ed andare in giro carponi e al guinzaglio e dichiarare di esserne orgogliosi etc. etc etc

    13
    6
  2. Io tornerei volentieri con certi personaggi come Dante Alighieri, Marco Polo, Giotto, Fibonacci, Lorenzo il Magnifico, Federico II di Svevia, Costanza d’Altavilla, Matilde di Canossa, Eleonora d’Aquitania, etc. anziché persone personaggi squallidi di oggi. Non parlo di omosessuali, perché con chi non crede nel Vangelo è inutile parlarne. Ma l’aborto, dove la scienza ci dice, ci fa vedere e sentire con un’ecografia, che c’è un cuore che batte etc, non mi sembra che in una pietra, un albero, etc ci sia un cuore che batte. Forse dove c’è un cuore c’è una vita.. Si potrebbe continuare. Non so se sei madre, ma vai a vedere un’ecografia e ti rendi conto che non è un ammasso di cellule.

    7
    1
  3. dott.ssa Brancato, mi meraviglio di lei! Chiamare ipocriti chi parla di famiglia solo perchè separati e/o divorziati è come dire che D’Alema non poteva essere comunista perchè ricco: un trito e ritrito luogo comune di basso livello.
    E’ giusto difendere i diritti acquisiti, ma chi difende i diritti dei più deboli? Mi riferisco ai bambini totalmente dimenticati in questa confusionaria rassegna dei media.
    La genetica ha ormai affermato che i primi 1000 giorni di vita sono fondamentali per lo sviluppo cerebrale e per determinare la personalità dell’uomo adulto. Ruolo non derogabile in questo periodo delicato della vita è la madre naturale con buona pace del “politicamente corretto”.
    Ognuno poi può vivere come vuole e pretendere giustamente dallo Stato diritti…ma non scordiamoci mai dei diritti di chi, troppo spesso, non ha voce e deve subire passivamente scelte altrui spesso non proprio corrette.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007