Ancora nessuna soluzione per il secondo palagiustizia. Santalco sprona Accorinti - Tempostretto

Ancora nessuna soluzione per il secondo palagiustizia. Santalco sprona Accorinti

Ancora nessuna soluzione per il secondo palagiustizia. Santalco sprona Accorinti

venerdì 27 Giugno 2014 - 06:30

Il consigliere comunale invita il sindaco a propendere ufficialmente per il palazzo della Casa dello Studente e chiede di conoscere i motivi per cui l’iter sia fermo mentre il Comune continua a pagare affitti salati per ospitare uffici giudiziari

Per mesi è stato tema al centro del dibattito, ma la soluzione definitiva, tanto per cambiare, non è ancora stata trovata. Adesso è il consigliere comunale Giuseppe Santalco a riportare alla luce le vicende del secondo palagiustizia, il cui iter sembra fermo.

Lo scorso 23 gennaio, il Consiglio comunale ha approvato all’unanimità l'ordine del giorno “Individuazione del secondo Palazzo di Giustizia”, con il quale si chiedeva di individuare la Casa dello Studente come luogo idoneo per la sua realizzazione. In quell’occasione, però, il sindaco Renato Accorinti aveva comunicato di voler ascoltare diverse forze per allargare l'orizzonte ed individuare altri siti. In particolare, si pensava all'area militare ed alla Caserma di Bisconte.

“Il sindaco – afferma Santalco – aveva dichiarato che una decisione sarebbe stata sicuramente presa, ma sono trascorsi oltre cinque mesi e questo non è ancora avvenuto. Tra l’altro, l'area militare di Bisconte non può essere utilizzata in quanto ancora di proprietà del Ministero della Difesa, risulta di difficile accesso e priva di opere di urbanizzazione primaria con anguste vie e carenza di mezzi pubblici”.

L’invito è dunque quello di abbandonare l’idea Bisconte e di propendere definitivamente per il palazzo della Casa dello Studente, così come stabilito dal Consiglio comunale. L’idea era però stata scartata per motivi di viabilità, per l’assenza di parcheggi e per il probabile aumento del traffico, in una zona già congestionata.

Santalco vuole comunque sapere perché siano state rallentate le procedure per il secondo palagiustizia, soprattutto alla luce del fatto che il Comune, “in palese stato di predissesto, continui a pagare ben 1,8 milioni di euro per l'affitto dei locali da adibire ad uffici giudiziari” e dei rischi sussistenti “nel mantenere presso l'ufficio di Palazzo Piacentini attività giudiziarie lavorative sovraffollate”.

Tag:

2 commenti

  1. Perchè l’eterno Santalco fa finta di non sapere a chi vanno 1,8 milioni di euro per affitti?
    Faccia un’interrogazione e pretenda l’elenco completo dei destinatari, così finirà di rappresentare il meravigliato della grotta matalizia.
    Piuttosto si domandi perchè debbono essere i giudici a scegliere il proprio luogo di lavoro.
    Chi e quale norma danno questo potere?
    Perchè il Consiglio non decide la sede, così che i Magistrati da oltre 20 mila euro al mese possano scioperare.
    Altro che casta, qui sono ancora di più.
    VERGOGNA

    0
    0
  2. Perchè l’eterno Santalco fa finta di non sapere a chi vanno 1,8 milioni di euro per affitti?
    Faccia un’interrogazione e pretenda l’elenco completo dei destinatari, così finirà di rappresentare il meravigliato della grotta matalizia.
    Piuttosto si domandi perchè debbono essere i giudici a scegliere il proprio luogo di lavoro.
    Chi e quale norma danno questo potere?
    Perchè il Consiglio non decide la sede, così che i Magistrati da oltre 20 mila euro al mese possano scioperare.
    Altro che casta, qui sono ancora di più.
    VERGOGNA

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007