Tansi spara a zero su de Magistris: il fratello "portaborse", bella coerenza... - Tempostretto

Tansi spara a zero su de Magistris: il fratello “portaborse”, bella coerenza…

Redazione

Tansi spara a zero su de Magistris: il fratello “portaborse”, bella coerenza…

lunedì 10 Gennaio 2022 - 19:00

Il geologo contesta all'ex alleato le parole con cui, in campagna elettorale, criticava la spesa «clientelare e improduttiva» per le strutture alla Regione

REGGIO CALABRIA – Che dal tempo della rottura del TanDem tra Carlo Tansi da un lato e Luigi de Magistris dall’altro ci sia un tacito astio, una rivalità sorda pronta a esplodere alla prima buona occasione, pare ormai conclamato.
Nella visione del leader di Tesoro Calabria, l’occasione è arrivata…

Il geologo: Claudio de Magistris “sistemato” dal Partito unico della torta

Carlo Tansi

L’ex pm, spiega Tansi, «mi criticava perché mi sarei avvicinato al Put, il Partito unico della torta (denominazione tansiana “doc”, ndr). Ora quel Put gli ha sistemato suo fratello come portaborse alla Regione».

Certo, sarà bene chiarire che in questo caso siamo lontani dal Put – la sommatoria di centrosinistra e centrodestra “allargati” – cui all’epoca si riferiva l’ex capo della Protezione civile calabrese. Il riferimento odierno è invece all’assunzione di Claudio de Magistris (nella foto grande, ndr) nella struttura di uno dei due consiglieri regionali eletti nella lista de Magistris Presidente – l’unica “andata a seggi” dell’intera coalizione demagistrisiana -, Ferdinando Laghi.

In campagna elettorale, l’ex pm la pensava assai diversamente

Put «che avevo combattuto in campagna elettorale, imponendo il nostro Codice etico – aggiunge Carlo Tansi -, grazie al quale non sono stati eletti consiglieri “parenti di”, con più di due mandati o impresentabili. Allora è proprio vero che i de Magistris erano venuti in Calabria per trovare lavoro da disoccupati, dopo che era finito il mandato di sindaco di Napoli», è l’accusa più “velenosa” lanciata dal geologo cosentino. Che in una citazione rammenta le parole dell’ex sindaco di Napoli nel corso della campagna elettorale per le Regionali: «La politica calabrese continua a spendere e spandere continuando ad assumere personale nelle strutture dei consiglieri regionali. Un’elargizione clientelare, una campagna elettorale perenne pagata con le tasse dei cittadini, una nuova infornata di amici e parenti di amici con funzioni spesso inutili e improduttive»… Commento firmato Tansi: «Alla faccia della coerenza!».

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007