Taormina. "La mia barca non c'è più, la mia dignità resta". Il grazie di Faraci al sindaco per la vicinanza - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Taormina. “La mia barca non c’è più, la mia dignità resta”. Il grazie di Faraci al sindaco per la vicinanza

Carmelo Caspanello

Taormina. “La mia barca non c’è più, la mia dignità resta”. Il grazie di Faraci al sindaco per la vicinanza

martedì 11 Febbraio 2020 - 07:32
Taormina. “La mia barca non c’è più, la mia dignità resta”. Il grazie di Faraci al sindaco per la vicinanza

L'imprenditore al quale il 28 gennaio è stato dato alle fiamme il natante a Mazzarò scrive a Bolognari e al gruppo "La nostra Taormina": "La libertà sta nella legalità". E ripone fiduce nel delicato lavoro dei carabinieri

TAORMINA – “La vera libertà sta nella legalità”. Lo ribadisce con forza l’imprenditore Antonio Faraci, al quale lo scorso 28 gennaio è stata data alle fiamme la barca, “Nina” (la chiama per nome), nella baia di Mazzarò.

Il presidente dell’Associazione Taormina Fishing Club, lo ha scritto nella lettera di ringraziamento inviata al sindaco Mario Bolognari e al gruppo La nostra Taormina “per la vicinanza dimostratami in una situazione così drammatica. Anche se non abbiamo mai avuto modo di approfondire la nostra amicizia – scrive Faraci, rivolgendosi al primo cittadino – penso che ormai lei abbia capito il mio modo di pensare, il mio modo di vedere le cose, i principi che hanno da sempre ispirato la mia vita. Principi e valori che ho cercato di trasmettere ai miei figli e che sto cercando di trasmettere alla nostra comunità, cominciando dalle scuole.

Il segnale che ho voluto lanciare è quello dell’affermazione di principi di legalità – prosegue la lettera – che devono necessariamente guidare le nostre vite; dimostrare di non avere minimamente intenzione di cedere a certe richieste, a certi atteggiamenti, a certi soprusi è, secondo me, l’unica strada da percorrere, non ce ne sono altre”. Ed ancora: “Meglio morire una volta sola che cento volte sotto le continue minacce di questi arroganti e spregevoli individui.

“I miei più sinceri ringraziamenti ai carabinieri”

Sono più che sicuro che dovrò subire ancora altre situazioni del genere almeno fino a quando le forze dell’ordine, alle quali porgo i miei più sinceri ringraziamenti per il loro attento e difficile lavoro d’indagine, saranno in grado di assicurare questi malfattori alla giustizia, anche se non sarà facile farlo. Io continuerò a lottare per affermare i diritti legittimi dell’associazione da me presieduta, spero di avere ancora il coraggio o l’incoscienza di farlo. La forza me l’avete donata voi e migliaia di altri onesti cittadini della nostra comunità con testimonianze di vicinanza e stimolo a non cedere a queste arroganti prevaricazioni.

“La libertà sta nella legalità”

La vera libertà, secondo me – chiosa l’imprenditore – sta nella legalità”. Infine Faraci auspica “per la nostra bellissima Città un futuro senza più ombre di questo genere”. Su quanto accaduto nella baia di Mazzarò indagano i carabinieri della Compagnia di Taormina verso i quali l’imprenditore, conosciuto e stimato, pone grande fiducia. “La mia barchetta non c’è più – ripete Antonio – ma la mia dignità resta sempre”.

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007