Vetri rotti di un acquario: morte e rinascita in Arthur Miller - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Vetri rotti di un acquario: morte e rinascita in Arthur Miller

Domenico Colosi

Vetri rotti di un acquario: morte e rinascita in Arthur Miller

lunedì 09 Aprile 2018 - 08:37
Vetri rotti di un acquario: morte e rinascita in Arthur Miller

Al Vittorio Emanuele un esausto adattamento per il dramma dell’autore statunitense

Una paralisi isterica, infermità momentanea di origine psicosomatica. Sylvia Gellburg, ebrea newyorchese di estrazione borghese, si trascina per casa sulla sedia a rotelle, il marito Phillip prova a consultarsi con alcuni specialisti per chiarire l’origine del male. L’incontro con il medico Harry Hyman svela le prime verità: una sessualità per lungo tempo repressa, la visione sofferta di alcune foto sul Times che ritraggono ebrei tedeschi piegati dagli effetti della Notte dei cristalli, l’abbandono dei sogni di gloria per amore del compagno. Sylvia è una reduce schiacciata dagli eventi, troppo fragile in una vita di equivoci irrisolti. L’arte maieutica della sensualità da una parte, il lento declino di Phillip dall’altra: morte e rinascita sono facce della stessa medaglia.

Giunto al Vittorio Emanuele nell’ultimo tratto della sua lunga tournée, Vetri rotti di Arthur Miller nell’adattamento di Armando Pugliese conserva di allettante solo la polisemia del testo: in scena una rappresentazione esausta, sfilacciata tra le parti, intorpidita nella recitazione. Elena Sofia Ricci modula con difficoltà lo spettro sentimentale di una Sylvia smarrita tra paura e risentimento, Gianmarco Tognazzi è monotono anche nei siparietti umoristici; un paio di sussulti da Maurizio Donadoni – che sembra prendere in prestito da Moni Ovadia le sfumature yiddish per tratteggiare un Phillip convincente nel suo cupio dissolvi – e soprattutto Serena Mazzone, persuasiva anche oltra la risata esplosiva d’ordinanza. Immersi nelle totemiche scene di Andrea Taddei immaginate per coniugare ellitticamente il dinamismo americano con la tetraggine di Auschwitz, i protagonisti si rintanano in varianti solipsistiche del medesimo tema: quasi pesci strappati dalla solitudine di un acquario, dapprima smarriti, poi boccheggianti.

Sentimentalismi d’accademia e angosce stereotipate sono il filo conduttore di un’occasione mancata: tra i testi meno rappresentati di Miller, Vetri rotti è anche una dichiarazione di complessità, un duello con l’antisemitismo osservato con gli occhi del nemico. “Le mie opere sono le mie autobiografie. Non riesco a scrivere drammi che non rendano conto della mia situazione, al momento. Non so come altro fare, per scrivere”, affermava l’autore statunitense. Poche tracce di questo manifesto nello spettacolo di Pugliese, bignami milleriano per cuori semplici.

Domenico Colosi

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007