Terzo livello, al processo alla Barrile testimonia la Giunta Accorinti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Terzo livello, al processo alla Barrile testimonia la Giunta Accorinti

Alessandra Serio

Terzo livello, al processo alla Barrile testimonia la Giunta Accorinti

venerdì 08 Marzo 2019 - 07:00
Terzo livello, al processo alla Barrile testimonia la Giunta Accorinti

Signorino sentito sul caso Bommarito. In aula anche altri assessori e Vincenzo Franza. Comune e Atm ufficialmente parti civili.

Se tutti i testimoni decideranno di rispondere, se gli imputati accetteranno di farsi interrogare, il processo Terzo Livello sarà una occasione, utile come poche, di fare un bilancio, tracciare un quadro, attraverso uno spaccato sui “dietro le quinte”, di come è stato amministrato Palazzo Zanca, e con esso la città di Messina, durante la sindacatura di Renato Accorinti.

Alla sbarra c’è lei, il sindaco ombra, l’ex presidente del consiglio comunale Emilia Barrile, insieme ai manager pubblici e gli imprenditori che le hanno offerto servigi e chiesto favori. Tra i principali testimoni citati, altri imprenditori di spicco della città, i dirigenti comunali, la stessa Giunta Accorinti.

Le avvisaglie che il processo sarà interessante non soltanto giuridicamente sono arrivate ieri, alla prima vera udienza utile. Il Tribunale, sciogliendo la riserva adottata alla scorsa udienza, ha detto no all’opposizione dei difensori ed ammesso come parte civile Comune di Messina e Atm, assistiti dall’avvocato Giovanni Mannuccia.

Poi ha aperto il dibattimento, e citato una lunga lista di testimoni. A cominciare dagli ex assessori Sergio De Cola, Sebastiano Pino e Guido Signorino. Tutti erano stati sentiti durante le indagini, e ieri in buona sostanza sono stati acquisiti agli atti del processo quelle dichiarazioni. Gli allora componenti di giunta, però, torneranno a fine mese per testimoniare, e ieri ha cominciato proprio Signorino, che è stato sentito in particolare sulla vicenda Bommarito.

Signorino, rispondendo alle domande del Pm Federica Rende, ha spiegato di aver incontrato l’imprenditore della Fire, preoccupato di non poter recuperare i crediti vantati per i servizi offerti proprio alle partecipate comunali. Ad accompagnarlo era la Barrile, certo, ha detto Signorino. Ma dalla presidente dell’Aula non sono arrivate richieste illegittime né pressioni, ha detto l’assessore al Bilancio, con la giusta soddisfazione del difensore della Barrile, l’avvocato Salvatore Silvestro.

Citati anche Lelio Manfredi, il commercialista Filippo Spadaro, Vincenzo Franza. Ma poco prima dell’ora di pranzo il Tribunale ha dovuto aggiornare tutto al prossimo 27 marzo, spostando il processo all’aula bunker del carcere di Gazzi.

Prima dei testimoni eccellenti, sul banco dei testi è salita Giuseppina Fileti, domestica di casa Barrile per cinque anni, sulla carta operatrice della coop Universo e Ambiente. Che sul trattamento economico della dante causa ha avuto anche da ridire, lamentando mancati pagamenti.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Le sentenze si rispettano e si impugnano.Ancora per poco abbiamo la possibilità di esprimere un pensiero non ho capito a chi ha ucciso ? 8 anni e mesi ???
    Dio salvi la giustizia .

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007