Piazza del Popolo o piazza Lo Sardo? Le origini del nome, la storia del sito - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Piazza del Popolo o piazza Lo Sardo? Le origini del nome, la storia del sito

Daniele Ferrara

Piazza del Popolo o piazza Lo Sardo? Le origini del nome, la storia del sito

sabato 25 Novembre 2017 - 07:08
Piazza del Popolo o piazza Lo Sardo? Le origini del nome, la storia del sito

Con l'aiuto dell'architetto Principato tracciamo le origini del nome della piazza

Le piazze sono quei luoghi della città in cui le persone si riuniscono per i più disparati motivi, forse oggi meno che nell’antichità, quando esse erano i classici fori e le agorà in cui si svolgeva la quasi totalità della vita societaria ospitando financo la politica. Un’agorà sicuramente non era la nostra Piazza del Popolo, sorta in secoli più recenti in un’area esterna alle antiche mura di Messina, ma il suo nome rende bene l’essenza associativa di una piazza; di forma circolare, è il punto d’incontro di diverse vie ed è una delle più estese piazze della città. Un altro nome con cui è nota sulle carte è “Piazza Francesco lo Sardo”, in quanto dedicata al primo deputato comunista siciliano e strenuo oppositore del Fascismo. Ma come si è creato questo dualismo toponomastico, qual è la storia della Piazza del Popolo o Piazza Lo Sardo, che dir si voglia? Lo vediamo con i preziosi dati che ci fornisce l’architetto Nino Principato, grande studioso e conoscitore della storia messinese.

Piazza del Popolo è una delle più vecchie piazze di Messina, infatti è di molto antecedente al terremoto del 1908 e al suo centro era posta la fontana ottocentesca sopravvissuta al sisma che oggi si trova nella rotonda di Granatari. Il nome “Piazza del Popolo” risale proprio a prima dell’orrendo cataclisma ed era dovuto alla grande quantità di persone che lì si recava per visitare il mercato: si trattava di uno dei due maggiori mercati messinesi – l’altro era la pescheria al porto – nel quale si potevano acquistare soprattutto prodotti ortofrutticoli all’interno delle botteghe ospitate dai portici. Ricostruita dopo il terremoto, la piazza mantenne il suo nome. Durante il Ventennio Fascista avvenne il primo suo cambio di nome con la delibera comunale 1634 del 19 Luglio 1934, che la rinominò Piazza XXVIII Ottobre dedicandola alla marcia su Roma, compiuta da Mussolini e dalle Camicie Nere appunto il 28 Ottobre 1922. Dieci anni dopo, caduto il Duce e conclusasi per la Sicilia la guerra mondiale, il Comune decise di eliminare i richiami fascisti dalla toponomastica e cambiò il nome della piazza con la delibera 1 del 23 Marzo 1944: la designò Piazza del Popolo Francesco lo Sardo, il nome che ancora ufficialmente detiene.

Oggi Piazza del Popolo è punto di convergenza di molte realtà sociali: vi si affacciano ristoranti d’ogni genere, negozi vari e il complesso religioso dello Spirito Santo; ed è certamente una delle posizioni di Messina da tutelare e valorizzare con dedizione.

Si ringrazia l’Architetto Principato per il contributo come sempre approfondito e appassionato e che ci ha consentito di conoscere meglio una delle nostre piazze più frequentate ed amate.

Daniele Ferrara

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

6 commenti

  1. BISOGNA RISPETTARE IL NOME ORIGINARIO, MA ANCHE IL NOME CHE HA DATO IL POPOLO ANTICO DI MESSINA. ESEMPI SONO MOLTI, TRA CUI L’EX PONTE AMERICANO. AVER RINOMINATO COME VIALE EUROPA, CHE A QUESTA EUROPA NON DEGNA DI RAPPRESENTARE I VALORI OCCIDENTALI E CRISTIANI, MESSINA HA DATO NON TROPPO, MA FIN TROPPO. VIALE EUROPA, PIAZZA EUROPA, MA SI SCHERZA? RICORDARE L’EUROPA, QUESTA CHE SI INGINOCCHIA AI TERRORISTI MUSSULMANI TANTO PER INTENDERCI, I GOVERNANTI MESSINESI HANNO DISTRUTTO IL RICORDO DEGLI AMERICANI CHE HANNO CONTRIBUITO MOLTISSIMO E IN MODO FONDAMENTALE NELLA RICOSTRUZIONE DI MESSINA. ALTRO ESEMPIO E’ LA ZONA VICINO AL DAZIO E VIALE GIOSTRA DOVE IL RICORDO DEGLI SVIZZERI CHE HANNO COSTRUITO LE CASETTE CHE MI DICONO ERANO BELLE. RICORDI!

    0
    0
  2. Tutto giusto e condivisibile. Ma, mi sembra che, al di là della toponomastica, ciò che dovrebbe contare è il decoro di vie e piazze, della Città intera. E lì c’è davvero tanto da fare, apartire dall’educazione civica di troppi Messinesi….

    0
    0
  3. PAPERINA EDUCAZIONE CIVICA NON ESISTE PIU’ NEANCHE A SCUOLA, NE’ COME MATERIA, NE’ COME RIGIDITA’ E RETTITUDINE. FINO A QUANDO POSTEGGIANO E DANNEGGIANO INVALIDI GRAVI CON POSTEGGI ILLEGALI, POSTEGGI 4 CORSIE E CORRONO NELLE STRADE E NON RITIRANO PATENTI COME LA NEVE QUANDO SCENDE QUI AL NORD, ALLORA NON E’ CAMBIATO NIENTE. FINO A QUANDO CI SARA’, SEMPRE SE MI RICORDO BENE LA FAMOSA FRASE DI MESSINA, FRIGHITTINNI CHIDDU CHI VOI FA ‘U STISSU. NU TI SCANTARI. ECCO QUANDO QUESTE FRASI NON VERRANNO AD ESSERE COMPLICITA’ DI MENEFREGHISMO E SFOTTIMENTO VERSO LA CITTA’ E ABITANTI ALLORA SARA’ UNA CITTA’ PIU’ NORMALE. SI INAUGURA, CON SOLDI DELLA CITTADINANZA E SACRIFICI, IL GIORNO DOPO I SOLITI COGL…NI SPORCANO E PITTURANO QUESTA E’ MESSINA

    0
    0
  4. qualcuno che ha visitato altre città, mi sa dire dove esistono meccanici sotto i portici di una piazza in centro ?

    0
    0
  5. O anche “camera a gas” fino a quando non si avrà l’intelligenza di chiuderla al traffico interamente come avviene per piazze similari in tutto il mondo.

    0
    0
  6. GRIFONE NON HO MAI VISTO UN MECCANICO O ALTRA ATTIVITA’ “PESANTE”,

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007