"Tra Autonomia ed efficienza il fallimento della Regione Siciliana" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

“Tra Autonomia ed efficienza il fallimento della Regione Siciliana”

.

“Tra Autonomia ed efficienza il fallimento della Regione Siciliana”

. |
venerdì 01 Marzo 2019 - 08:43
“Tra Autonomia ed efficienza il fallimento della Regione Siciliana”

L'analisi dei prof. Limosani e David sulla situazione politica siciliana

Di seguito l’analisi dei professori Limosani e David sulla situazione politica della Regione Siciliana

L’esistenza di risorse finanziarie aggiuntive a quelle ordinarie e la disponibilità di un’ampia autonomia giuridica e organizzativa in grado di sostenere i processi di innovazione e di efficienza degli enti preposti al governo del territorio dovrebbero tradursi, di solito, in un maggiore tasso di crescita del PIL, in un aumento dell’occupazione e della ricchezza delle famiglie. Questa regola, di immediata intuizione, tuttavia, non trova conferma nel caso della Regione Sicilia. Le risorse europee totali a disposizione della Sicilia per l’intero periodo di programmazione 2014-2020 ammontano a circa 12,8 miliardi di euro. A fronte di tali risorse aggiuntive il tasso di crescita del PIL dal 2014 a oggi è sistematicamente diminuito, la disoccupazione è aumentata e le famiglie sono più povere. Che cosa dunque non ha funzionato? La questione, ovviamente, richiede un’analisi approfondita ma è possibile avanzare, sia pure in forma embrionale, alcune considerazioni.

Nel 2017 l’andamento finanziario del programma di intervento Europeo nel suo complesso aveva registrato un forte ritardo nella spesa, col rischio di non raggiungere il 31 dicembre 2018 il target di spesa previsto dai regolamenti comunitari e di incorrere dunque nel disimpegno automatico delle somme non spese. Nella seconda metà del 2018, tuttavia, la Regione ha raggiunto il target del 2018 con 719 milioni di spesa certificata (il 17% della dotazione del Programma) grazie alla “riprogrammazione” del PO FESR. Se da un punto di vista contabile dunque tutto sembra in ordine, ad uno sguardo più attento non può sfuggire come questo risultato sia stato possibile grazie alle “astuzie contabili” seguite nel passato, ed in particolare: a) riduzione della dotazione iniziale del fondo del 6,25% (che ancora una volta denota la nostra difficoltà a spendere le risorse europee); b) il ricorso ai progetti “sponda” programmati e finanziati da altri soggetti pubblici, ma poi transitati nel PO FESR per acquisirne la certificazione e raggiungere i target di spesa; (in sostanza con tali meccanismi, la spesa dei fondi strutturali, che dovrebbe essere aggiuntiva per avere effetti sui processi di sviluppo, diventa di fatto sostitutiva).

Il ritardo accumulato nella spesa, inoltre, – come riportato nei Comitati di Sorveglianza del Programma- pare sia dovuto anche alle carenze di carattere amministrativo e strutturale ed, in particolare, all’insufficienza di risorse umane qualificate che determinano, di fatto, l’impossibilità di portare a compimento i processi in itinere. In sostanza, gli uffici regionali non sono più in grado, nelle condizioni attuali, di gestire efficientemente i programmi finanziati con i fondi strutturali.

Basterebbero queste brevi considerazioni per certificare il fallimento della Regione Siciliana in relazione alla capacità di spesa dei Fondi Europei e all’utilizzo della propria autonomia per creare condizione di sviluppo e di crescita del sistema economico. Una questione che dovrebbe indurre un approfondito dibattito regionale tra i partiti, di cui per la verità non c’è traccia, e, comunque sia, un cambiamento radicale nella politica economica del governo regionale. Certo è che siamo dinnanzi ad un curioso paradosso; da un lato, l’iniziativa di alcune regioni del Nord di ottenere più autonomia e risorse aggiuntive per andare più veloce e, dall’altro lato, situazioni come quella della Regione Sicilia in cui, nonostante l’autonomia e le maggiori risorse, le condizioni economiche e la qualità di vita dei cittadini peggiorano. Non sarà mica vero ancora una volta il detto che “U Signuri nci duna u pani a cu non avi denti?

Michele Limosani e Piero David

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. voglio solo ricordare all’autore dell’articolo che la Regione Veneto inizialmente, con la legge regionale n. 16/2014, voleva indire un referendum per l’INDIPENDENZA . Se adesso discutiamo di richiesta di maggior autonomia delle regioni del nord e in particolare del Veneto è perchè la Corte Costituzionale ha bloccato il referendum per l’indipendenza . Di seguito indico il link del sito ufficiale della Regione Vento con il testo della suddetta legge 16/2014 https://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioLegge.aspx?id=276454

    0
    0
  2. Nicolò D'Agostino 4 Marzo 2019 12:36

    Sempre illuminanti le Sue riflessioni. Non attorcigliamoci su Noi stessi con alibi campanilisti, le Regioni del nord Italia rivendicano competenze e sostegni economici finalizzati al mantenimento ed alla crescita del Loro benessere economico. Dalla Sua analisi, Noi oltre le chiacchiere non riusciamo ad andare… le chiacchiere per la gente… ma gli stipendi dei deputati e dipendenti regionali sono da favola.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007