Lavoratori Ato3 a MessinaServizi: mercoledì la firma del nuovo contratto - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Lavoratori Ato3 a MessinaServizi: mercoledì la firma del nuovo contratto

Francesca Stornante

Lavoratori Ato3 a MessinaServizi: mercoledì la firma del nuovo contratto

lunedì 02 Ottobre 2017 - 14:30
Lavoratori Ato3 a MessinaServizi: mercoledì la firma del nuovo contratto

Alla fine anche il fronte della Cgil, che aveva osteggiato il passaggio tramite Srr, ha virato sulla soluzione che prevede l'assunzione nella Srr e la cessione del contratto alla MessinaServizi. Il commissario Ragusa ha convocato tutti alle 11 di mercoledì a Palazzo dei Leoni.

Il modello Taormina può essere quello da applicare anche a Messina. E a questo punto, se non ci saranno nuovi intoppi, il passaggio dei lavoratori Ato3 alla MessinaServizi Bene Comune potrebbe essere siglato mercoledì 4 ottobre. Il commissario della Srr Ettore Ragusa ha convocato ufficialmente Comune, Ato3 e Messinaservizi, Ispettorato del Lavoro, Prefettura e sindacati alle ore 11 di mercoledì 4 ottobre a Palazzo dei Leoni per la sottoscrizione del nuovo contratto. I sindacati sembrano tutti d’accordo. Dopo le rotture e gli scontri che si sono consumati in queste settimane, anche la Cgil adesso ha detto sì al passaggio tramite Srr, così come prevede la Legge 9. Pur ritendendo la legge regionale piena di incongruenze, per il sindacato l’accordo sottoscritto per i 37 dipendenti di Messinambiente del cantiere di Taormina offre tutte le garanzie necessarie.

Mercoledì, nello stesso giorno in cui il Tribunale deciderà del fallimento di Messinambiente, i 51 dipendenti di Ato3 firmeranno il contratto con la Srr Città Metropolitana e poi si procederà con la cessione dei contratti alla MessinaServizi Bene Comune, così come è avvenuto a Taormina con la Mosema.

In questi due giorni l’amministratore unico Beniamino Ginatempo dovrebbe avere sulla scrivania l’accordo per valutare i dettagli dei passaggi, a questo punto però la strada dovrebbe essere davvero un po’ meno ripida.

Oggi la Fp Cgil, con i segretari Clara Crocè e Francesco Fucile, ha voluto porre l’attenzione proprio sulle tutele che i lavoratori avranno. Dopo aver osteggiato l’ipotesi Srr, battendosi per il passaggio diretto senza tappa intermedia in Srr, adesso la Cgil ha virato sulla soluzione che prevede il transito tramite Srr, rivendicando però la paternità della salvaguardia dei diritti economici, normativi e contrattuali ottenuta a Taormina. Giorno 4 – hanno dichiarato Crocè e Fucile – firmeremo il passaggio dei lavoratori dell’Ato3 alla società MessinaServizi. Se avessimo accettato quando proposto dall’Ispettorato del lavoro e da alcune organizzazioni i lavoratori avrebbero corso il rischio di trovarsi senza tutele come quelli di Santa Teresa Riva.

Per Clara Crocè nessuna guerriglia sindacale: “Abbiamo respinto fin dall’inizio il modello proposto dall’Ispettorato del Lavoro per S. Teresa e infatti su Taormina è stato fatto un percorso diverso”.

Per i lavoratori della Messinambiente – hanno spiegato Crocè e Fucile – la condizione è tutta da vedere. La Cgil continua ad assumere una posizione forte e di denuncia in difesa di tutte le maestranze. “Non è possibile – hanno evidenziato – che in una stessa azienda si assumono lavoratori con tutele diverse e ciò accadrà grazie al governatore Crocetta che non solo non ha voluto chiarire che il trasferimento dei lavoratori tra società partecipate può avvenire ai sensi dell’ art.202 D.lgs 152/2006 ma ha peggiorato ancor più la situazione discriminando i lavoratori con l’ultima ordinanza. Paradossalmente – è stato sottolineato – la MessinaServizi dovrà assumere i 540 lavoratori con due modalità diverse, i primi quelli che hanno un’anzianità maggiore dovranno transitare alla Srr, quelli assunti dopo il 2009 tramite l’art.6 del Ccnl. Quindi i secondi avranno più tutele dei primi. Per la Cgil è necessario garantire tutele per tutti i lavoratori della Messinambiente senza distinzioni e discriminazioni.

Cgil e Fp chiederanno agli organi competenti di intervenire sull’ultima ordinanza del presidente della Regione e denunciano questo clima sulle spalle dei lavoratori.

Cgil e Fp chiamano fortemente in causa il sindaco Accorinti e l’intera giunta comunale perché siano parte attiva nella gestione di questa vertenza. “Al momento – è stato fatto presente – lasciata in capo all’amministratore unico della MessinaServizi che continua a tentennare trincerandosi dietro continue consulenze legali”.

Non mancano dunque gli attacchi nei confronti dell’Ispettorato del Lavoro e dell’amministratore Ginatempo, ma giorno 4 si dovrebbe finalmente chiudere il cerchio.

Francesca Stornante

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007