G7: prefetto e sindaco hanno disposto elevate misure di sicurezza - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

G7: prefetto e sindaco hanno disposto elevate misure di sicurezza

Marco Celi

G7: prefetto e sindaco hanno disposto elevate misure di sicurezza

mercoledì 17 Maggio 2017 - 07:51

In vista dell'incontro dei leader mondiali nella cittadina del messinese, sia il Prefetto di Messina, che il Sindaco di Taormina, hanno predisposto una serie di misure cautelari, volte a incrementare notevolmente il livello di sicurezza della zona.

Francesca Ferrandino, Prefetto di Messina, di concerto con il Sindaco di Taormina, Eligio Giardina, hanno predisposto una notevole quantità di misure di sicurezza, finalizzate ad un maggiore controllo dell'area di Taormina, Castelmola e Giardini Naxos, in vista del summit dei leader mondiali che giorno 26 e 27 maggio, si svolgerà nel borgo di Taormina.

Innanzitutto sono state disposte due aree di sicurezza, attive dal 22 al 28 maggio: l'Area ad Accesso Riservato (AAR), comprendente tutto l'abitato e le colline limitrofe a Taormina, ed un Zona di Massima Sicurezza, istituita tra le vie del borgo limitrofe al Teatro Antico. A queste zone potranno accedere solo i membri della Polizia di Stato o coloro i quali hanno ottenuto, su richiesta, il badge per l'accesso. Il badge deve essere richiesto dai cittadini di Taormina e Castelmola, o da coloro i quali pur non abitando in questi Comuni vi esercitano un'attività lavorativa. Per i residenti, al fine di ottenere il badge, basterà presentare il documento di identità, ed eventualmente il libretto di circolazione dei veicoli che si vorranno accreditare. Per i lavoratori non residenti, oltre a questi documenti sarà richiesta anche la copia della licenza commerciale dell'attività in cui si presta servizio o la copia del contratto di lavoro. Per richiedere il badge, basterà recarsi presso la palestra della scuola in via dei Cappuccini, presso la delegazione comunale della frazione di Trappitello o a piazza Sant'Antonio di Castelmola, dalle 9.00 alle 21.00, fino al 27 maggio.

Tra le altre ordinanze il Prefetto di Messina, attive sempre nel periodo che va dal 22 al 28 maggio, ha fatto divieto di trasportare: armi, munizioni, esplosivi e sostanze esplodenti e anche di gas tossici nelle strade comunali e provinciali di Taormina, Castelmola e Giardini, sulla Messina – Catania, e nelle S.S. 114 e 185. Inoltre, sempre in questi tre comuni è vietata l'accensione di fuochi pirotecnici.

Il Sindaco di Taormina, d'altro canto, ha disposto invece la chiusura della funivia Taormina – Mazzarò, la chiusura del terminal bus di via Pirandello, la rimozione degli stalli riservati ai taxi nelle piazze S. Antonio e V. Emanuele. Per non lasciare comunque priva di mezzi pubblici la città, sarà istituita una linea di bus apposita che da Capo Taormina sulla S.S. 114, passerà per tutti i villaggi limitrofi da e per Taormina.

Dal 25 al 28 maggio inoltre saranno chiuse tutte le scuole di ogni ordine e grado della città ed anche il cimitero di Porta Pasquale sarà chiuso. Sempre in questi giorni sarà vietato gettare l'immondizia all'interno della Zona di Massima Sicurezza, pertanto dovrà essere portata fino al centro comunale di raccolta di contrada Zaccani. Anche gli uffici comunali, ad eccezione sei servizi demografici, resteranno chiusi. Ai cittadini muniti di pass sarà permesso parcheggiare a parcheggio Lumbi, piazza Goethe e nelle via Kitson, Leonardo da Vinci e San Vincenzo.

Anche la zona marittima antistante la città è stata divisa in diverse zone sotto il controllo della Capitaneria di Porto: nella zona sotto il promontorio di Taormina, tra l'Hotel San Pietro di Letojanni e il Lido Recanati Beach di Giardini, sarà interdetto qualsiasi tipo di navigazione. Si potrà balneare restando a 50 metri dalla riva. Le aree più esterne saranno invece navigabili, solo in transito senza poter sostare, secondo le modalità che la Capitaneria di Porto indicherà alle imbarcazioni. Il molo di Giardini sarà interdetto alla navigazione e al'ormeggio, tranne che alle imbarcazioni dei servizi tecnico-nautici e a fini commerciali a cui è stata rilasciata l'autorizzazione dalla capitaneria.

Una serie lunga e complessa di ordinanze dunque che, senza alcun dubbio, creeranno rallentamenti alla circolazione tra Messina e Catania, ma necessarie al fine di garantire il massimo livello di sicurezza ai leader che saranno ospitati.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007