Via le baracche all'Annunziata, quelle post 1908 resteranno a memoria. FOTO - Tempostretto

Via le baracche all’Annunziata, quelle post 1908 resteranno a memoria. FOTO

Alessandra Serio

Via le baracche all’Annunziata, quelle post 1908 resteranno a memoria. FOTO

giovedì 27 Maggio 2021 - 17:16

Sarà demolita entro giugno la baraccopoli dell'Annunziata ma le casette post terremoto 1908 resteranno a futura memoria

Dopo l’assegnazione degli alloggi cominciano le demolizioni.

Le ruspe entreranno in azione entro un paio di settimane all’Annunziata, per cancellare la baraccopoli del quartiere residenziale della zona nord. L’annuncio dell’avvocato Marcello Scurria ai nostro microfoni.

La bonifica di via Macello Vecchio è stato finanziato dalla Regione a fine dello scorso anno per circa due milioni e mezzo di euro.

Il presidente di Arisme annuncia anche che le uniche due casette di legno risalenti al periodo post terremoto, che si trovano proprio all’Annunziata, invece resteranno.

Scurria vuole chiedere il vincolo, e l’appoggio del FAI per farne un sito d’interesse, per evitare che sparisca l’ultima testimonianza del tremendo terremoto del 1908 e delle abitazioni provvisorie realizzate per avere un pur precario tetto sulla testa, in attesa di trovare un’altra sistemazione.

Sono le uniche vere baracche post sisma anche se spesso, soprattutto sui media nazionali, tutte le baraccopoli messinesi passano per costruzioni post terremoto. In realtà i quartieri che oggi si vogliono risanare sono quelli realizzati tra gli anni ’20 e i ’40 del secolo scorso proprio per sistemare i senzatetto ambientali del 1908. Pensati anche quelli come sistemazioni provvisorie, si sono trasformate in ghetto.

Proprio il fatto che le successive costruzioni passino spesso per quelle post terremoto deve fare capire che quelle due baracche possono servire non soltanto da testimonianza della memoria, ma anche e soprattutto come monito a far sì che il risanamento sui cui oggi la città di Messina si scommette venga realizzato secondo direttive efficaci perché non sia soltanto edilizio ma anche e soprattutto sociale.

Articoli correlati

Tag:

2 commenti

  1. Ma che memoria è?
    Buttatele giù!!
    Magari spenderanno pure dei soldi…

    2
    10
  2. Vecchie baracche in legno ormai più che fatiscenti da conservare a futura memoria?
    A che scopo, per motivare l’inciviltà dei soli ” ignoti” che non perderanno il vizio di buttarci dentro o vicino spazzatura di ogni genere? Oppure si dovranno spendere tanti euro per metterle in sicurezza? Non sarebbe meglio abbattere il tutto e scegliere un monumento da posizionare in loco per ricordare la tragedia del 1908?

    0
    1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007