Contrada Bellinghieri accessibile solo via torrente: inascoltate le richieste del II quartiere che decide di rivolgersi al Prefetto - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Contrada Bellinghieri accessibile solo via torrente: inascoltate le richieste del II quartiere che decide di rivolgersi al Prefetto

ELENA DE PASQUALE

Contrada Bellinghieri accessibile solo via torrente: inascoltate le richieste del II quartiere che decide di rivolgersi al Prefetto

lunedì 19 Dicembre 2011 - 09:29
Contrada Bellinghieri accessibile solo via torrente: inascoltate le richieste  del II quartiere che decide di rivolgersi al Prefetto

Il presidente Di Blasi dopo le numerose note inoltrate agli organi preposti, rimaste senza risposta, ha deciso di chiedere la convocazione in prefettura di una conferenza di servizi per mettere “faccia a faccia” tutti i soggetti coinvolti e trovare soluzioni per le famiglie che risiedono nella zona

Qualche settimana fa (vedi articolo correlato) vi abbiamo documentato la complessa, e ancora insoluta, vicenda, riguardante i residenti di contrada Bellinghieri, villaggio Zafferia, costretti ad attraversare il torrente per raggiungere le proprie abitazioni. Questo in estrema sinesi il problema. Un problema di strettissima attualità soprattutto in considerazione dei devastanti effetti legati proprio all’esondazione dei corsi d’acqua. Il consiglio della II circoscrizione, in più occasioni, ha interessato della questione l’amministrazione comunale ma senza ottenere alcun risultato. La situazione ha però raggiunto il limite della sopportazione, soprattutto da parte di residenti, che parecchie volte, in occasione di piogge abbondanti, sono rimasti completamente isolate proprio per l'impossibilità di percorrere la strada all'interno del torrente.

Ed è a questo punto che la vicenda tocca il paradosso, perché cento metri più a monte della contrada, sempre sul torrente Zaffera, esiste un attraversamento stabile del corso d’acqua che conduce a terreni privati, che più in occasioni lo stesso consiglio ha chiesto di poter utilizzare anche per l’accesso delle altre famiglie. Ma, come detto, nessun segnale da parte di chi siede negli uffici. In considerazione di tali assordanti silenzi, il presidente del II quartiere, Giovanni Di Blasi, ha deciso di chiedere al prefetto la convocazione di una conferenza di servizi a cui prendano parte i soggetti interessati, al fine di capire le ragioni del ritardo negli interventi da parti di palazzo Zanca.

La richiesta del quartiere è ben circostanziata: “Mettere in atto tutti i provvedimenti necessari per la messa in sicurezza dell'intera zona permettendo, eventualmente attraverso apposita Ordinanza di Protezione Civile, ai residenti di contrada Bellinghieri del villaggio Zafferia di usufruire dell'attraversamento stabile esistente a pochi metri della suddetta contrada, in modo da eliminare il pericolo esistente e ricondurre, così, l'intero contesto abitativo nei dovuti canoni di sicurezza”.(ELENA DE PASQUALE)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007