Zona Falcata, c'è l'intesa. Ora le demolizioni - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Zona Falcata, c’è l’intesa. Ora le demolizioni

Marco Ipsale

Zona Falcata, c’è l’intesa. Ora le demolizioni

giovedì 28 Febbraio 2019 - 06:00
Zona Falcata, c’è l’intesa. Ora le demolizioni

I tecnici degli enti interessati individueranno i manufatti da abbattere, tenuto conto delle prescrizioni della Soprintendenza

MESSINA – Via l’ex inceneritore, via l’ex campo rom, vie i resti degli ex cantieri Smeb. Dopo anni di immobilismo, finalmente qualcosa si è mosso nella zona falcata, ma sono solo piccolissimi passi rispetto a quanto c’è da fare. Soprattutto se si pensa che tre anni fa fu firmato quel “patto per la falce” che avrebbe dovuto far invertire la rotta e invece, finora, ha prodotto troppo poco e in tempi lunghi.

La prima operazione necessaria per pensare al futuro della zona falcata è la sua bonifica. L’Università ha fornito all’Autorità Portuale un primo esito intermedio delle analisi sui terreni, ora è necessario un progetto, che servirà anche a quantificare la spesa, mentre gli studi proseguiranno.

Nel frattempo, però, l’obiettivo è quello di abbattere i manufatti abusivi lungo tutta l’area compresa tra la Real Cittadella e l’ex stazione di degassifica, dove, tra le altre cose, si registrano occupazioni abusive da parte di famiglie che vivono in condizioni di degrado, mentre l’area è frequentata anche dai pescatori, nonostante i pericoli dietro l’angolo per la presenza di strutture pericolanti.

L’Autorità Portuale metterà i soldi ed è pronta ad avviare le demolizioni ma aspettava il placet della Soprintendenza visto che ci sono diversi beni vincolati. Finalmente l’intesa è stata raggiunta ieri nel corso di due incontri, uno mattutino e uno pomeridiano, al quale hanno preso parte il soprintendente Orazio Micali, l’assessore Dafne Musolino e i vertici di Autorità Portuale e Capitaneria di Porto.

I tecnici degli enti interessati individueranno i manufatti da abbattere, tenuto conto delle prescrizioni della Soprintendenza. Poi ci sarà un’azione congiunta per liberare le aree tramite le demolizioni.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x