Sequestrati beni per 32 milioni al ristoratore Mazzagatti. VIDEO - Tempostretto

Sequestrati beni per 32 milioni al ristoratore Mazzagatti. VIDEO

Sequestrati beni per 32 milioni al ristoratore Mazzagatti. VIDEO

martedì 26 Giugno 2018 - 09:23

4 imprese, 14 case, 19 terreni, 10 automezzi e vari rapporti finanziari, intestati anche a terzi, per un valore stimato prudenzialmente in 32 milioni. E' quanto ha sequestrato la Direzione investigativa antimafia di Messina, su proposta del procuratore Maurizio De Lucia e del direttore della Dia, Giuseppe Governale, con provvedimento del Tribunale misure di prevenzione di Messina, a Pietro Nicola Mazzagatti, imprenditore di Santa Lucia del Mela considerato socialmente pericoloso ed indiziato di appartenere all’organizzazione mafiosa denominata “clan dei barcellonesi”.

Mazzagatti, attualmente detenuto, è storicamente radicato sul territorio e, forte del suo coinvolgimento nell’organizzazione mafiosa, era in breve riuscito a ridurre i propri compaesani in una condizione di assoggettamento ed omertà tale da acquisire di fatto il monopolio delle attività di Santa Lucia del Mela nel ramo della ristorazione, somministrazione di alimenti e del catering. E' anche destinatario di confisca, non ancora definitiva, emessa nel 2009. La sua pericolosità sociale è emersa pure delle dichiarazioni del collaboratore di giustizia Giuseppe Chiofalo, rese nel maxi processo “Mare Nostrum”, in cui lui era imputato.

Nell’ambito dell’operazione denominata “Gotha VI” – attività che ha fatto luce su ben 18 omicidi consumati e 2 omicidi tentati, commessi tra i primi anni ’90 ed il 2012 – è stato colpito da ordinanza di misura cautelare personale, in quanto ritenuto direttamente coinvolto in due omicidi, quello di Fortunato Ficarra, ucciso il 1° luglio 1998 all’interno del bar “Valerie” di Santa Lucia del Mela, e quello di Domenico Tramontana, al vertice del clan che controllava la zona di Terme Vigliatore, ucciso il 4 giugno 2001 nella frazione Calderà di Barcellona.

Condannato anche nell'operazione "Catering" perché organizzava ricevimenti in una sala affittata a San Pier Niceto e aveva tentato estorsione nei confronti del proprietario. Altra condanna nell'operazione "Sistema", per estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni dei titolari della società Cogemar di Barcellona, costretti a pagare il pizzo nel 1998.

Nonostante fosse colpito da altre misure patrimoniali, di recente Mazzagatti è riuscito ad operare lo stesso con l'appoggio del clan dei barcellonesi, acquisendo anche la grande sala ricevimenti Villa Mont Valerie di Santa Lucia del Mela e il bar gelateria Valerie Coffee and Pastry, appena inaugurato a Milazzo, intestando le società a suoi congiunti. Tutto senza possedere, almeno ufficialmente, entrate lecite e capienti, tali da giustificare gli incrementi patrimoniali intercettati.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007