Covid Messina, il buco nero degli esiti dei tamponi. "Non ci risponde nessuno" VIDEO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Covid Messina, il buco nero degli esiti dei tamponi. “Non ci risponde nessuno” VIDEO

Francesca Stornante

Covid Messina, il buco nero degli esiti dei tamponi. “Non ci risponde nessuno” VIDEO

giovedì 14 Gennaio 2021 - 12:55

In un video dieci minuti consecutivi del telefono che squilla a vuoto. Ma Diego e la sua famiglia da giorni tempestano l'Asp di mail e telefonate per poter tornare a vivere dopo il Covid

Questa è la storia di Diego. Una delle tante che purtroppo a Messina raccontiamo da mesi. Una storia di Covid e disservizi. Vicende che, come dice lo stesso Diego, si riesce davvero a comprendere solo nel momento in cui ci si trova a viverle. Una famiglia di quattro persone, marito, moglie e due bambine.

La storia

Il 23 dicembre Diego Indaimo viene a sapere che nella classe di sua figlia ci sono stati dei casi positivi. Dunque immediatamente si rivolge ad un laboratorio privato per un tampone alla bambina. Esito: positivo. Così inizia la sua odissea

«Come il buon senso richiede, si chiudono tutti in casa in attesa di avere delucidazioni sul da farsi. Ecco appunto, il buon senso, perché secondo l’Asp invece la bambina deve restare a casa in attesa del loro tampone molecolare, mentre noi, evidentemente contatti stretti, fino ad un tampone da loro effettuato possiamo anche uscire. Noi comunque, come detto, decidiamo di restare a casa, con la prospettiva di vivere il Natale chiusi in casa, considerando che il ponte lungo non aiuterà sicuramente l’evasione del nostro tampone. Ed infatti il tampone ci viene fissato solo per giorno 30 dicembre (nel frattempo anche noi familiari sviluppiamo i sintomi) e risulta positivo. La comunicazione del risultato ci arriva il 3 gennaio

Il secondo tampone

Viene fissato quindi un altro tampone per giorno 9 gennaio, che abbiamo effettuato presso il drive in di San Filippo, per verificare l’eventuale negatività che attesterebbe la nostra guarigione e quindi la riconquista della libertà. Da giorno 9 comincia l’incubo. Il numero verde dell’Asp di Messina 800.954434 risulta irraggiungibile o non risponde nessuno, le mail di richiesta esito vengono ignorate. Nel frattempo hanno anche cambiato la mail a cui mandarle, e questo lo scopriamo solo per caso, perché inserire un autorisponditore alla mail vecchia sembrerebbe roba da alieni. In compenso abbiamo ricevuto diverse telefonate in cui ci chiedono sempre le stesse cose: nome, cognome, codice fiscale, data primo tampone, residenza, nomi dei familiari, senza che però questo porti ad avere il risultato.

Nessuna risposta

Si ha come l’impressione che dall’altra parte ci sia una schiera di operatori che lavorano ognuno a compartimenti stagni, senza un database unico, informazioni condivise e non ridondanti. Inoltre continuano ad associare il mio nome a quello di un’altra donna che dicono essere mia moglie, ma a me non risulta.

Intanto sono passati 5 giorni dall’esecuzione del tampone di verifica, quello che se risultasse negativo ci potrebbe liberare. Noi stiamo fisicamente bene da più di 10 giorni, ma siamo chiusi in casa aspettando che qualcuno si accorga di quel foglio su cui ci sono scritti i nostri nomi, recuperi il nostro referto e ce lo mandi. Io, che sono un consulente, ho perso la possibilità di effettuare diversi lavori, con conseguente perdita di denaro che mai più recupererò».

Il telefono squilla…

Un’intera famiglia chiusa in casa dal 23 dicembre, alle prese con il Covid e con le inevitabili paure che un esito positivo comporta. Per fortuna stanno bene, non hanno avuto complicazioni di salute. A Messina però, l’Asp continua a non essere in grado di assistere chi ha la sfortuna di incontrare questo maledetto di virus. Ieri Diego si è attaccato al telefono per ore. Ha anche registrato una parte dei suoi tentativi di mettersi in contatto telefonico con l’Asp. Più di dieci minuti davanti ad un telefono che squilla invano, senza risposta. Diego Indaimo e la sua famiglia chiedono solo di sapere se possono tornare a vivere. 

“Cosa provo? Rabbia”

«Il sentimento che si prova è di rabbia, perché a quasi un anno dall’inizio di questa dannata pandemia percepisci che non si è ancora improntato un sistema di gestione degno di un paese civile, e la cosiddetta “rivoluzione” in atto da quasi un mese non ha ancora portato ad avere dei frutti» racconta Diego. E’ vero che Messina sta vivendo la sua fase più complicata. Ma soprattutto per questo la gente ha bisogno di non sentirsi sola di fronte al Covid.

Articoli correlati

Tag:

8 commenti

  1. Chi e’ causa del suo mal, pianga se stesso.

    2
    14
  2. Perdoni, avete sviluppato i sintomi intorno al periodo natalizio e pretendete di essere negativi a inizio gennaio?

    1
    13
  3. In tutta Italia funziona così e ci sono particolari lungaggini nelle festività, per quanto discutibile. Al contempo sarebbe utile fornire un foglio informativo che spieghi che generalmente si è positivi anche per un mese, perciò intanto è opportuno processare i tamponi dei possibili nuovi positivi invece di “fare la prova di negatività” quaranta volte.

    0
    11
  4. I miei familiari attendono esiti da 31 dicembre ed io dal 6 gennaio.
    Mail, telefonate… ma nessun riscontro!
    VERGOGNA
    Anna Maria

    7
    0
  5. La nuova normativa regionale prevede che siano i medici di medicina generale a gestire inizio e fine isolamento con tutti i provvedimenti contumaciali previsti.
    Trascorsi 21 giorni dal primo tampone positivo o dalla comparsa dei sintomi, SE DA ALMENO SETTE GIORNI IL SOGGETTO NON HA ALCUN SINTOMO, il medico di famiglia procederà a disporre il procedimento di fine isolamento.
    La normativa regionale è chiara.
    Asp e Usca si occupano di tamponi, visite a domicilio dei positivi, sorveglianza sanitaria e tracing.

    7
    2
  6. Io da giorno 6 gennaio fatto il tampone tutt’oggi ancora asp esito mi hanno risposto ma non c’è esito del tampone

    6
    0
  7. Silvio SAMMARRO 15 Gennaio 2021 08:39

    Stessa situazione, vissuta da me e la mia famiglia. Nonostante i vari proclami del commissario ad acta e staff vari. Per non parlare dei c. d. Contact tracing. Dove sono? Che fine hanno fatto? Conferimento rifiuti? Servizi di prossimità al cittadino? Nulla. Marasma totale!

    4
    0
  8. Michele Bottari 15 Gennaio 2021 15:49

    Tempi stretto è meglio che cambi mestiere, ti accorgi solo oggi che L’asp di Messina non funziona? Noi positivi siamo invasi anche dell’immondizia. È voi invece di denunciare le enefandezze dell’Asp vi scagliate con il Sindaco

    3
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x