Gli ambulanti di viale Europa: "Noi torniamo in strada, no al mercato Zaera" VIDEO - Tempostretto

Gli ambulanti di viale Europa: “Noi torniamo in strada, no al mercato Zaera” VIDEO

Marco Olivieri

Gli ambulanti di viale Europa: “Noi torniamo in strada, no al mercato Zaera” VIDEO

mercoledì 25 Gennaio 2023 - 13:20

Attendono d'incontrare sindaco e assessore Finocchiaro: "L'amministrazione comunale deve ascoltarci"

di Marco Olivieri, riprese e montaggio di Matteo Arrigo

MESSINA – “Noi torniamo in strada sul viale Europa. Siamo stati cacciati ma torniamo. La politica si deve prendere le sue responsabilità e ascoltarci. Non spacciamo e dobbiamo campare”. Gli ambulanti del viale Europa non ci stanno. Se la polizia municipale ha smantellato le loro postazioni, le licenze risultano scadute per l’occupazione del suolo pubblico e l’invito dell’amministrazione comunale è a collocarsi, almeno una parte, al mercato Zaera, gli ambulanti presidiano Palazzo Zanca per incontrare l’assessore Massimo Finocchiaro e fare valere le loro ragioni: “Prima ci hanno fatto regolarizzare tutti, con le spese annesse e tanti sacrifici, e ora non gli sta bene più. Tutti abbiamo famiglia. La nostra richiesta è di continuare a lavorare come prima e domani mattina (26 gennaio, n.d.r.) saremo lì. L’amministrazione vuole che ci collochiamo al mercato Zaera ma non è idoneo. Manco puoi scaricare la merce con il camion lì”.

Giovanni Ruggeri, portavoce degli ambulanti

“Revocata l’occupazione suolo con avviso il giorno stesso”

Tanti i problemi sollevati riguardo al mercato Zaera: dalla cliente che non trova più l’auto, presa dal carro attrezzi, al fatto che siano disponibili solo “cinque postazioni e noi siamo otto ditte”, spiega Giovanni Ruggeri, portavoce degli ambulanti, che parla di “flop” riguardo a Zaera. In realtà sotto il mercato c’è un parcheggio che la mattina è anche gratuito con disco orario. E un altro ambulante protesta perché “la licenza mi scadeva il 14 febbraio e il Comune ha fatto lo sgombero il 23 gennaio senza preavviso. Lunedì stesso mi è arrivata la pec che era stata revocata l’occupazione suolo. Non si fa così”.

La politica trovi una soluzione

L’auspicio è che la politica, con il sindaco Basile e l’assessore Finocchiaro, trovi una soluzione, contemperando l’esigenza dei lavoratori di vivere del proprio lavoro e le esigenze di rendere, nel tempo, Messina una città dove i mercati e gli spazi commerciali siano adeguati, senza l’ambulantato in strada.

2 commenti

  1. Una città ostaggio di questa gente

    2
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007