Liceo Ainis, il topo e lo sciopero. I ragazzi: "Ascoltateci". Il dirigente: "Porte aperte" VIDEO - Tempostretto

Liceo Ainis, il topo e lo sciopero. I ragazzi: “Ascoltateci”. Il dirigente: “Porte aperte” VIDEO

Giuseppe Fontana

Liceo Ainis, il topo e lo sciopero. I ragazzi: “Ascoltateci”. Il dirigente: “Porte aperte” VIDEO

Tag:

giovedì 19 Gennaio 2023 - 13:45

La disinfestazione potrebbe partire il 20 gennaio di pomeriggio: "Ma non si interromperà l'attività didattica". I ragazzi: "Non ci siamo sentiti ascoltati"

di Giuseppe Fontana, riprese e montaggio Silvia De Domenico

MESSINA – Il caso del “topolino di campagna”, come lo definisce il dirigente scolastico Elio Parisi, anima la vita quotidiana del Liceo “Emilio Ainis”. Nella giornata di ieri, 18 gennaio, diversi studenti hanno segnalato quelle che hanno definite “scarse condizioni igieniche” della scuola, testimoniate dalla presenza, da loro fotografata, dell’animale. Da lì lo sciopero e la risposta del dirigente scolastico, che ha parlato di “fatto episodico”, spiegato di aver già fatto tutto ciò che bisognava attuare da protocollo, annunciato la disinfestazione per il 21 gennaio e invitato la nostra testata nei locali scolastici.

La rappresentante di istituto: “Espresso il nostro malcontento”

E nel corso della mattinata i protagonisti della vicenda, il corpo studenti e il dirigente scolastico, sono tornati a parlare. Noemi Barraco, rappresentante d’Istituto, spiega: “Abbiamo cercato di far valere la nostra parola e abbiamo cercato in tutti i modi di portare avanti i nostri diritti. Noi ragazzi non ci siamo sentiti ascoltati e abbiamo voluto manifestare il nostro malcontento”. Il dirigente Elio Parisi, però, replica: “Mi sembra strano, la disponibilità da parte nostra c’è sempre stata”.

Parisi: “Aperti a dialogo. Disinfestazione? Sì, senza fermare la scuola”

“Il sottoscritto, i docenti e i collaboratori – prosegue Parisi – dedicano molto tempo al dialogo con gli alunni. A volte le richieste hanno l’obiettivo di interrompere l’attività didattica per fare pulizia. Ho risposto che si sarebbe fatto ciò che si doveva nei termini possibili, ma non è più prevista l’interruzione dell’attività didattica”. La disinfestazione sarà il 20 gennaio di pomeriggio: “Prevediamo un intervento anche sovrabbondante rispetto alla situazione che si è verificata. Non ci sarà bisogno di far perdere ai ragazzi un giorno di scuola”.

Articoli correlati

Un commento

  1. Di norma, nel momento in cui si esegue la disinfestazione, i locali poi devono essere arieggiati e non si può soggiornare, perché il prodotto spruzzato deve agire , dopodiché si devono ripulire le tracce chimiche che si depositano negli ambienti in questione….in questo caso ,ancora peggio ,perché si tratta di derattizzazione che comporta l’impiego di sostanze che non sono insetticide, quindi, ancora più potenti, e come fa a farla fare, senza chiudere almeno una giornata, visto che poi la scuola deve essere ripulita dalle tracce chimiche che non possono assolutamente entrare in contatto con chi sta in quei locali?La derattizzazione ,o la fa fare perbene, visto che è la seconda volta che la fa, o alla prossima i ragazzi si ritroveranno ad inviare a Tempostretto foto di colonie di topi proprio per l’inadeguatezza della pulizia effettuata!

    2
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007