Messina, tour in auto tra i rifiuti abbandonati VIDEO - Tempostretto

Messina, tour in auto tra i rifiuti abbandonati VIDEO

Matteo Arrigo

Messina, tour in auto tra i rifiuti abbandonati VIDEO

venerdì 23 Settembre 2022 - 07:19

Quasi un'abitudine girare in macchina e vedere spazzatura in qualsiasi posto

MESSINA. Ormai non ci facciamo più caso: è diventata quasi un’abitudine girare in macchina e vedere rifiuti abbandonati in qualsiasi posto. Dovunque arrivi un mezzo a quattro ruote, chi si comporta in modo incivile ritiene sia un buon posto per depositare spazzatura, da nord a sud. Sacchetti solitari lungo le strade, buste lasciate cadere con “nonchalance” nei parcheggi da parte di chi spesso si rifiuta di fare la differenziata.

E ancora: sacchi lanciati in corsa sulle rampe autostradali o sulla strada Panoramica e spiazzali invasi da cumuli di rifiuti, trasformati in discarica dagli abitudinari dell’inciviltà. E ogni giorno la nostra testata riceve segnalazioni su queste emergenze.

Ovunque si trovino questi rifiuti, la domanda che sale da dentro, insieme alla rabbia, è: perchè? questo comportamento? Nel frattempo i rifiuti aumentano. E noi stiamo ancora cercando una soluzione e una risposta.

Articoli correlati

Tag:

6 commenti

  1. Io non capisco perché questo argomento, evidentemente sentito, al centro delle discussioni dei commentatori e degli articoli di questa testata, sembri tanto poco presente invece nelle priorità degli amministratori.
    Perché la lotta agli evasori TARI e a chi abbandona rifiuti non è la priorità assoluta di questa amministrazione?
    Il ritorno in termini economici non impatta anche il tanto caro tema dei conti?
    Se dobbiamo rassegnarci ditelo chiaramente oppure battete un benedetto colpo.

    3
    0
  2. Brunello Mantelli 23 Settembre 2022 08:25

    Prego farsi un giro nel triangolo via Umberto Fiore, via Bosurgi, via Sandro Pertini (zona annunziata): lì si vedono: a) sacchi e sacchetti abbandonati di immondizia; b) cadaveri di (poveri) gatti uccisi da auto; c) cadaveri di pantegane. Qualche netturbino lo si vide solo durante la campagna elettorale per le elezioni municipali. Passate le elezioni, di netturbini manco più l’ombra. I lazzaroni che abbandonano rifiuti ovunque abbondano, i netturbini sono invece una specie pressoché estinta. Dobbiamo farli proteggere, i secondi, dal WWF?

    5
    0
  3. A mio avviso la situazione è ancora piu’ preoccupante nelle zone collinari e in tutte quelle zone impervie, in quanto in città perlomeno si riescono anche a bonificare le aree invase da rifiuti, mentre nelle zone meno accessibili o dove non vi è un servizio diretto di raccolta si vengono ad accumulare sempre piu i rifiuti di ogni genere creando situazioni di grande rischio sia dal punto di vista ambientale che di salute ma anche di sicurezza visto che prima o dopo questi rifiuti scenderanno a valle… e certo che poi si sentono notizie riguardo i fondali dello stretto che sembrano una discarica…. purtroppo bisogna farsene una ragione l’inciviltà non si puo’ sconfiggere a breve termine ma ci vorranno grandi investimenti educativi sulle future generazioni… l’unica cosa che si potra’ fare per mitigare il problema, anche se potrebbe sembrare una sconfitta per il mondo civilizzato, è trovare un compromesso con gli incivili magari non so creando delle aree in cui vi sono cassoni di raccolta, anche perché agli incivili il piu delle volte non sono toccati dalle sanzioni in quanto nullatenenti e quindi non è possibile intaccare il loro patrimonio

    0
    0
  4. Che popolo infame! Che gente infame che c’è a Messina! Eppure ci vantiamo delle bellezze e dei panorami! Ma poi quando la gente vede le schifezze che ci sono in giro per la città e per tutto il territorio circostante non ci viene più a Messina! E cosa deve vedere? Il sudiciume abbandonato dappertutto! Latrine a cielo aperto in ogni dove anche in posti centrali! E’ la gentaglia che si comporta così! E fin quando non ci sarà una legge severissima che mette in galera questa feccia umana il problema dei rifiuti buttati per strada a tutte le ore non si risolverà. E non c’è Cateno che tenga! Non fatevi illusioni! Non cambierà mai nulla in questa città discarica! Finito un problema se ne crea un’altro! Adesso non ci sono più le baracche, ma la sporcizia e il luridume aumentato a dismisura! E nessuno sembra in grado di risolvere questo gravissimo problema! Nessuno se ne vergogna! E si va avanti così tra l’indifferenza di tutti. E poi ci offendiamo se ci dicono che siamo dei grandissimi lordi!

    0
    0
  5. Annunziata Cucinotta 23 Settembre 2022 20:11

    E cosa dire dei sacchi dell’immondizia che punteggiano viale D’alcontres e la Panoramica. Non sembrano sacchi abbandonati dagli incivili: chiusi, grandi, trasparenti, a distanza regolare. Forse andrebbero raccolti subito, non dopo giorni. L’effetto di degrado e abbandono è lo stesso!

    2
    1
  6. Giuseppe Tripepi 24 Settembre 2022 07:27

    È evidente che il livello di civiltà di alcuni messinesi è zero.
    Per risolvere questo fenomeno della spazzatura abbandonata qua e là, una delle soluzioni potrebbe essere questa:
    – diffusione capillare delle fototrappole;
    – arresto del lazzarone;
    – denuncia per reato di inquinamento ambientale;
    – elevazione di una multa salatissima;
    – condanna al ripristino dei luoghi e allo smaltimento dei rifiuti abbandonati;
    – condanna penale;
    – detenzione in galera con tempi da definire a seconda la gravità del reato;
    – pubblicazione sui quotidiani del nominativo del lazzarone con tanto di foto;
    – e, per finire, un calcio in c. non guasterebbe.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007