Milazzo. Uccide 73enne per rubargli 650 euro e brucia il corpo, arrestato 56enne. VIDEO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Milazzo. Uccide 73enne per rubargli 650 euro e brucia il corpo, arrestato 56enne. VIDEO

Marco Ipsale

Milazzo. Uccide 73enne per rubargli 650 euro e brucia il corpo, arrestato 56enne. VIDEO

lunedì 16 Novembre 2020 - 08:13

Ettore Rossitto, pregiudicato, è stato portato al carcere di Messina Gazzi. E' accusato di omicidio premeditato e distruzione di cadavere

Undici coltellate al petto, all’addome e alla trachea. E’ stato ucciso così lo scorso 28 luglio il 73enne Giovanni Salmeri. Il suo cadavere era stato trovato il giorno dopo, bruciato, vicino a una discarica abusiva nella frazione di Scaccia, a Milazzo, sulla sponda del fiume Mela, con varie ferite di arma da taglio. Lì c’era anche un coltellaccio da cucina con lama di venti centimetri, verosimilmente quello usato per l’omicidio, un cappellino parzialmente bruciato, un portafogli con dentro un euro e tre mazzi di chiavi.

L’assassino? Il pregiudicato 56enne milazzese Ettore Rossitto, arrestato oggi e portato al carcere di Messina Gazzi.

Ettore Rossitto

Il corpo irriconoscibile

Le indagini svolte dal Nucleo Investigativo dei carabinieri del Comando provinciale di Messina e della Compagnia di Milazzo non sono state facili perché il corpo della vittima era irriconoscibile e non c’erano documenti né altri effetti personali identificativi.

Videosorveglianza decisiva

I carabinieri hanno così visto e analizzato più di 10mila ore di registrazione di filmati, estrapolati da oltre 40 telecamere di videosorveglianza presenti in zona. Si è così scoperto che nella mattina del 28 luglio, lungo la strada che conduce al luogo in cui è stato trovato il cadavere, era passato un motorino con a bordo a due uomini. Il passeggero aveva un cappello con visiera verde, simile a quello trovato, e vestiti compatibili coi frammenti trovati sul cadavere.

Si è vista, poi, una densa colonna di fumo proveniente dal luogo del delitto, compatibile con l’incendio del cadavere e, poco dopo, il passaggio dello stesso motorino, stavolta con a bordo solo il conducente.

Nel cerchio la colonna di fumo

La targa del motorino

Partendo dal suo casco e da alcuni elementi distintivi del motorino, gli investigatori hanno individuato un altro fotogramma con cui sono riusciti a identificare la targa e quindi il proprietario: Ettore Rossitto. L’assassino conosceva la vittima, che risultava irreperibile da tempo, anche se nessuno ne aveva denunciato la scomparsa.

Da uno dei mazzi di chiavi sul luogo del delitto, i carabinieri sono risaliti alla casa dell’uomo ritrovato cadavere, che viveva da solo e in pessime condizioni igienico sanitarie. I vicini hanno confermato di non averlo più visto dallo scorso luglio.

650 euro di pensione

Altre telecamere hanno ripreso assassino e vittima insieme, sempre la mattina del 28 luglio, vicino a un ufficio postale di Milazzo. Da altri accertamenti, è emerso che poco prima Salmeri aveva ritirato 650 euro di pensione.

Così i carabinieri hanno ricostruito il percorso. Rossitto aveva portato Salmeri in un luogo isolato, gli aveva rubato la pensione per poi ucciderlo con undici coltellate, dando alle fiamme il corpo.

La premeditazione

Altri filmati del giorno prima dell’omicidio ritraggono Rossitto mentre fa due sopralluoghi nel posto in cui il giorno dopo verrà trovato il corpo di Salmeri. In uno dei due sopralluoghi, appena vede una pattuglia dei carabinieri, inverte la marcia e scappa via.

Il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Barcellona ha ritenuto sussistente la premeditazione e ha emesso ordinanza di custodia cautelare in carcere, come da richiesta della sostituta procuratrice di Barcellona, Rita Barbieri, e del procuratore di Barcellona, Emanuele Crescenti. Rossitto è ritenuto responsabile di omicidio premeditato e distruzione di cadavere.

Tag:

Un commento

  1. Alberto Interdonato 16 Novembre 2020 13:12

    Mi rivolgo ai garantisti: se lo merita l’ergastolo una xxxxxx di tal portata?

    3
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x