Sfruttamento della prostituzione, arrestati altri tre nigeriani a Messina - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Sfruttamento della prostituzione, arrestati altri tre nigeriani a Messina

Marco Ipsale

Sfruttamento della prostituzione, arrestati altri tre nigeriani a Messina

venerdì 12 Giugno 2020 - 14:38

Un anno fa l'operazione "Balance", oggi l'operazione "Terra Promessa", che ha portato a 3 arresti a Messina, e altri 7 in Sicilia, Piemonte e Veneto

Lo sfruttamento della prostituzione nigeriana trova terreno fertile a Messina. Un anno fa l’operazione Balance, con l’arresto di cinque persone (quattro nigeriani e un messinese), oggi l’operazione “Terra Promessa”, diretta dalla Squadra Mobile di Catania insieme a quelle di Messina, Caltanissetta, Verona, Novara e Cuneo, ha portato all’arresto di dieci nigeriani, di cui tre a Messina. La “terra promessa” era l’Europa, per le nigeriane, che speravano di uscire dalla miseria e aiutare anche i propri familiari in patria.

I REATI

Dieci nigeriani sono ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata alla tratta di persone e al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, tratta di persone, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione, con le aggravanti della transnazionalità del reato, di avere agito mediante minaccia attuata col rito religioso-esoterico del vudù, tacendo la destinazione alla prostituzione e prospettando invece un lavoro lecito, facendo attraversare il continente sotto il controllo di criminali, con privazioni, violenze e rischio di naufragio.

LA RETE CRIMINALE

I dettagli sul rito juju sono gli stessi emersi a Messina un anno fa. Una giovane sbarcata a Catania il 7 aprile 2017, insieme ad altri 433 migranti, aveva raccontato di essere emigrata perché convinta da un connazionale di nome Osaz. Era Osazee Obaswon, dimorante a Messina, che l’aveva prelevata da una struttura protetta, portata a casa sua e avviata alla prostituzione.

Era il leader di una rete criminale transnazionale, con cellule in Nigeria, Libia, Italia e altri Paesi europei, che lucrava sul traffico umano. Accertate almeno 15 vicende di tratta ai danni di altrettante connazionali. I familiari, in Nigeria, erano addetti al reclutamento, in base a criteri estetici, e ai riti magici.

LA PROSTITUZIONE A MESSINA

L’indagata Belinda John, già arrestata e condannata per tratta di esseri umani, gestiva alcune postazioni di prostituzione in strada a Messina.

Gli indagati James Arasomwan e Macom Bensom erano incaricati della riscossione del canone di locazione per la “proprietaria” della postazioni, la John, mentre altre basi operative erano a Novara, Verona e Mondovì (Cuneo).

1 MILIONE E 200MILA EURO INVIATI IN NIGERIA

Dall’analisi dei flussi di denaro movimentato attraverso le carte di credito e postepay, sequestrate, sono state accertate operazioni per un totale di 1 milione e 200mila euro, inviati in Nigeria, dove venivano impiegati in investimenti immobiliari.

I NOMI DEGLI ARRESTATI

  1. OBASWON Osazee (cl.’87), tratto in arresto a Messina;
  2. ARASOMWAN James (cl.’88) tratto in arresto a Messina;
  3. BENSON Macom (cl.’91) tratto in arresto a Messina;
  4. WILLIAM Tessy (cl.’91) tratta in arresto a Novara;
  5. OGHOGHO Evelyn (cl.’94) tratta in arresto a Novara;
  6. EKAIRIA Faith (cl.’81) tratta in arresto a Verona;
  7. NOSA Joy (cl.’78) tratta in arresto a Verona;
  8. OGBEIWI Nelson (cl.’84) tratto in arresto a Verona;
  9. JOHN Belinda (cl. ’80) tratta in arresto a Caltanissetta;
  10. AIWUYO Rita (cl. ‘72)tratta in arresto a Mondovì (CN);

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x