Ecco cos’è il rito juju, che porta le ragazzine nigeriane a prostituirsi - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Ecco cos’è il rito juju, che porta le ragazzine nigeriane a prostituirsi

Marco Ipsale

Ecco cos’è il rito juju, che porta le ragazzine nigeriane a prostituirsi

sabato 26 Gennaio 2019 - 06:08
Operazione balance
Ecco cos’è il rito juju, che porta le ragazzine nigeriane a prostituirsi

La Nigeria è il settimo Stato più popolato al mondo, il primo africano, con quasi 200 milioni di abitanti. Il 49 % di loro è di religione cristiana, altrettanti sono islamici, mentre il 2 % segue ancora le tradizionali religioni animiste. Una percentuale che sembra irrilevante ma che, in un paese così grande, corrisponde invece a circa 4 milioni di persone.

Amuleti e incantesimi, stregoneria, oggetti formati spesso da ossa animali e ritenuti dotati di poteri magici. E’ soprattutto tra gli Yoruba, nel sud ovest, che si seguono riti animisti come il “Juju”, quello che ha portato a Messina, tra il 2015 e il 2017, una quindicina di ragazze nigeriane, con la prospettiva di un lavoro e un futuro migliore, avviate invece alla prostituzione.

E’ emerso nel corso dell’operazione Balance, che ha condotto all’arresto di tre nigeriani e un messinese, mentre una quarta giovane nigeriana è ricercata. “Provate a immaginare l’effetto che può avere su ragazzine dai 14 ai 17 anni un rito fatto con ossa e sangue di animali – ha raccontato la procuratrice aggiunta Giovannella Scaminaci -, in cui viene detto loro che, se non faranno certe cose, otterranno in cambio maledizioni per sé e le proprie famiglie. Sono terrorizzate”.

Per capire cosa succede nei riti Juju, abbiamo fatto riferimento a un testo della fondazione Thomson Reuters, in cui è spiegato che le vittime vengono sottoposte “ad un giuramento di obbedienza”, sono “schiave delle credenze” e “controllate dagli spiriti” per far sì che “seguano qualsiasi istruzione venga data, sennò la loro vita potrebbe essere a rischio”.

Durante la cerimonia “viene chiesto generalmente di denudarsi, con lo scopo di farle sentire ancora più vulnerabili. Chi celebra il rito prende un contenitore in cui vi è della fuliggine, poi fa degli incantesimi ed invoca uno spirito, allineato con il semidio Eshu, con cui la vittima sarà costretta a stipulare un contratto. Il celebrante poi ferisce la vittima con un rasoio fino a farle uscire sangue, su cui viene gettata la cenere contenente lo spirito che così entra nel corpo. Poi il celebrante prende alcuni ciuffi di capelli e peli del corpo, li mette dentro un vaso, che viene sigillato e messo dentro un santuario”.

A questo punto la vittima fa il giuramento, “ripetendo ciò che dice il celebrante”, cioè che darà “tutti i soldi alla ‘madàm’ o al trafficante”, che “obbedirà a tutto”, che “non proverà mai a scappare”. Se non rispetterà il giuramento, il semidio Eshu “manderà degli spiriti a punirla con il rischio che venga uccisa”. Ciò che viene subito ucciso è un pollo, “al quale viene asportato il cuore, che la ragazza viene costretta ad ingerire prima di rivestirsi e lasciare il santuario”.

Di recente, qualche speranza che questo tipo di sfruttamento finisca. Ne ha parlato il quotidiano torinese La Stampa. Il capo religioso della città nigeriana di Ìlú Benin, Ewuare II, ha lanciato una scomunica contro i giuramenti juju, ordinando di consegnare e distruggere i sacchetti con gli oggetti rituali. Il video è girato sui telefonini, liberando le ragazze dalla schiavitù. Non sono mancati i contro messaggi di chi tenta di continuare a sfruttare le ragazze, in un modo o nell’altro. Per soldi, c’è chi farebbe di tutto e se ne frega della vita di giovanissime indifese.

(Marco Ipsale)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

2 commenti

  1. La mafia Nigeriana è pesantemente presente in questi traffici e molto radicata in Europa ed Italia.

    0
    0
  2. Sorrido sgomento ed incredulo.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007