Taurianova(RC). Scoperto un bunker per la coltivazione di marijuana. Arrestati padre e figlio. IL VIDEO - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Taurianova(RC). Scoperto un bunker per la coltivazione di marijuana. Arrestati padre e figlio. IL VIDEO

Dario Rondinella

Taurianova(RC). Scoperto un bunker per la coltivazione di marijuana. Arrestati padre e figlio. IL VIDEO

venerdì 17 Luglio 2020 - 08:54

L’impianto era alimentato abusivamente mediante un collegamento alla rete elettrica pubblica

Nei giorni scorsi i carabinieri della Compagnia di Taurianova, hanno scoperto una piantagione di Marijuana d anno tratto in arresto Marco Recupero, 33enne pluripregiudicato di Taurianova e il padre Salvatore 62enne, in quanto ritenuti responsabili in concorso dei reati di coltivazione e detenzione di sostanza stupefacente del tipo marijuana e furto aggravato di energia elettrica.

I FATTI

In particolare, i militari avendo fondato motivo di ritenere che i due arrestati coltivassero sostanza stupefacente, hanno svolto una perquisizione in una loro proprietà rurale di Taurianova, ben protetta da muri perimetrali e da un professionale sistema di videosorveglianza.

Oltre a varie buste con marijuana già essiccata, due piante di cannabis alte circa 80 cm e vari strumenti di pesatura e preparazione della sostanza, il tutto trovato in superficie, i carabinieri notavano una anomala botola che portava in un sotterraneo.

Una volta aperta, scesi di qualche metro con una improvvisata scala e superata una porta in ferro, i militari si rovavano davanti una sofisticata piantagione composta da 49 piante di canapa con una altezza di circa 80 cm l’una, in pieno stato vegetativo, con annesso impianto di ventilazione, illuminazione, aerazione e irrigamento automatico e costosi dispositivi di temporizzazione.

Le pareti erano coperte anche da alluminio per mantenere la temperatura e le condizioni interne ottimali. Una sorta di “bunker” dove però non era nascosto un latitante ma una piantagione di marijuana ad alta produttività. Le piante, lo stupefacente e tutti i dispositivi rinvenuti sono stati sequestrati, e la sostanza sarà sottoposta ad analisi tossicologica. Una volta messa sul mercato illegale, i numerosi chili di marjuana potenzialmente prodotta e venduta al dettaglio al grammo, avrebbe fruttato diverse decine di migliaia di euro.

L’impianto era inoltre alimentato abusivamente mediante un collegamento alla rete elettrica pubblica, immediatamente verificato e disattivato da personale tecnico intervenuto. Successivamente, le operazioni di perquisizione sono state estese presso le rispettive abitazioni dove è stato individuato un ulteriore allaccio abusivo alla rete elettrica che alimentava sia l’abitazione di Salvatore Recupero, sia un vicino esercizio pubblico di alimenti – Panetteria a lui riconducibile.

I due quindi, sorpresi nel terreno della piantagione e titolari delle forniture di energia elettrica illecitamente asportata anche per far crescere le piante, sono stati tratti in arresto in flagranza dai Carabinieri della Compagnia di Taurianova e il trentenne pregiudicato condotto in carcere, mentre il padre ristretto ai domiciliari fino al giudizio di convalida, a seguito del quale, il Giudice del Tribunale di Palmi ha convalidato gli arresti e confermato il carcere per Marco Recupero e gli arresti domiciliari per il padre.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007