seconda edizione
Un modo per far conoscere, rivivere e raccontare sogni passati e futuri attraverso la musica degli antichi organi che fortunatamente ancora oggi sopravvivono grazie anche alla Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Messina che, attraverso la legge regionale n. 44 del 10 dicembre 1985, ne cura le attività di restauro e conservazione
Venerdì, 21. Dicembre 2012 - 13:15
Categoria: nebrodi
Tag:


Dopo il successo dell’anteprima di Malta lo scorso giugno con Convegno e Concerto, ecco la Seconda Edizione della Rassegna Organistica Nebroidea “Annibale Lo Bianco” di nuovo sui Nebrodi. Territorio indiscutibilmente affascinante, ricco di storia e ideale per una manifestazione che possa fondere la Musica Antica con la Natura, la tradizione e l’identità locale con la cultura storico-artistica siciliana.

Questo è il fine della Rassegna Organistica Nebroidea; un modo per far conoscere, rivivere e raccontare sogni passati e futuri attraverso la musica degli antichi organi che fortunatamente ancora oggi sopravvivono grazie anche alla Soprintendenza per i Beni Culturali e Ambientali di Messina che, attraverso la legge regionale n. 44 del 10 dicembre 1985, ne cura le attività di restauro e conservazione. Strumenti di altissima perizia tecnica, perfino meccanica, attestazione di grande tradizione musicale, nonché di attenzione artistica e di profonda devozione, gli organi a canne del territorio nebroideo sono stati creati dalle sapienti mani di artigiani/artisti abilissimi quanto poco noti. Fra questi spicca, per quantità di esemplari e raffinatezza di manifattura, la figura di Annibale Lo Bianco da Galati Mamertino attivo per quasi mezzo secolo in Sicilia e Malta fra il 1710 al 1758.

Un mare di suoni che porterà in scena l’entusiasmo e la perizia di musicisti di grande valore, siciliani di origine o di adozione. La Rassegna, che si svolge in tre centri nebroidei, è promossa dall’Associazione Sikanie, dal Parco dei Nebrodi, dalla Camera di Commercio di Messina e dalla Provincia Regionale di Messina.

LiIdeazione e il coordinamento del progetto, che si pregia nella sua II Edizione della Medaglia del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è a cura di Ylenia Olivo, mentre la Direzione Artistica è stata affidata a due musicisti siciliani di grande spessore nazionale ed internazionale: Calogero Giallanza e Gianfranco Nicoletti.
Particolarmente significativo l’apporto della Curia Vescovile di Patti che ospiterà i concerti nelle chiese di Alcara Li Fusi, Militello Rosmarino, Galati Mamertino.

COMMENTI

Accedi o registrati per inserire commenti.

Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina - Editrice Tempo Stretto S.r.l., Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina
Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione. Danila La Torre vice coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it - tel 090.9018992 - fax 090.2509937
P.IVA 02916600832- - n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007