A18 e A20, il "bollettino di guerra" dal 2019 ad oggi: 2mila e 600 incidenti censiti - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

A18 e A20, il “bollettino di guerra” dal 2019 ad oggi: 2mila e 600 incidenti censiti

Giuseppe Fontana

A18 e A20, il “bollettino di guerra” dal 2019 ad oggi: 2mila e 600 incidenti censiti

giovedì 29 Luglio 2021 - 10:28

Esposto alla Procura di quattro associazioni di consumatori per "attentato alla sicurezza dei trasporti". 17 morti e 700 feriti in oltre due anni

Un vero e proprio “bollettino di guerra” di oltre 2mila e 600 incidenti censiti dal 2019 a oggi. Le associazioni Federconsumatori, Arco Consumatori e Konsumer, insieme con Cittadinanzattiva Autostrade Sicure, definiscono così il bilancio che riguarda le autostrade A18 e A20. Numeri agghiaccianti, che hanno portato a 17 morti, 700 feriti e oltre 2mila mezzi danneggiati in oltre due anni e che evidenziano come sembri non esserci pace per i tratti autostradali da e verso la città di Messina. “Dal 2015”, si legge all’interno del documento, “da quando l’Anas aveva revocato la concessione al Cas, poi restituitale dal CGA, è stato un crescendo di degrado, con episodi di evidente trascuratezza e negligenza: caduta di alberi di alto fusto sulle corsie di marcia, vari incendi che hanno interessato le due carreggiate, l’allagamento della sede stradale che ha comportato la chiusura dell’A20, pericolosissime e interminabili file in doppia corsia”.

L’esposto alla Procura e l’invito al Ministro Giovannini

Così le associazioni hanno deciso di presentare un esposto alla Procura della Repubblica di Messina per “attentato alla sicurezza dei trasporti”, che arriva in un periodo critico per le autostrade siciliane, invase non solo dal traffico ma anche dai cantieri. Con l’esposto partirà inoltre un invito al “Ministro Enrico Giovannini, a percorrere le intere tratte della A18 e della A20 con soste programmate”, ha dichiarato il dott. Domenico Interdonato di Cittadinanzattiva AT Autostrade Sicure, “questo è l’unico modo per fare vivere l’amara realtà delle infrastrutture in Sicilia. Attendiamo ormai da 6 anni l’intervento del governo per togliere il pedaggio e declassare le due tratte a strade statali”. Le due autostrade continua a essere uno dei problemi maggiori della Sicilia orientale, ma la soluzione sembra molto lontana dall’essere trovata.

Tag:

Un commento

  1. La Messina Palermo e la Messina Catania sono autostrade pietose e vergognose prove di ogni manutenzione con avvallamenti e dissesto continuo
    Non si capisce perché queste due autostrade siano a pagamento quando invece la Palermo Mazara del Vallo e la Palermo Catania siano completamente gratuite….. il. Paradosso è anche che queste due ultime autostrade sono in perfette condizioni specie la PA Mazara efficientissimo ed in buono stato…. Completamente gratis…… VERGOGNO……
    Per non parlare poi della ME Villafranca tirrena un degrado totale a pagamento VERGOGNOSO

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Carmelo Caspanello direttore responsabile-coordinatore di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x