Confermato l’Hotspot a Messina. Garantirà 2,800 posti insieme al Cara di Mineo. - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Confermato l’Hotspot a Messina. Garantirà 2,800 posti insieme al Cara di Mineo.

Eleonora Corace

Confermato l’Hotspot a Messina. Garantirà 2,800 posti insieme al Cara di Mineo.

venerdì 03 Giugno 2016 - 06:33
Confermato l’Hotspot a Messina. Garantirà 2,800 posti insieme al Cara di Mineo.

A fine febbraio uscì la notizia dell’intenzione del Ministero di spostare il progetto di creare un centro Hotspot da Augusta a Messina. Quattro mesi dopo la notizia è confermata: il Viminale e la Commissione UE sulle politiche migratorie puntano alla creazione di due nuovi Hotspot in Sicilia a Messina e Mineo.

Confermato l’Hotspot a Messina. La città figura accanto a Mineo per la creazione di due nuovi Hotspot in Sicilia. Se arriva la conferma ufficiale, ribattuta dalle principali agenzie nazionali, il fatto in sé non si può dire una novità. Era fine febbraio quando Vladimiro Polchi, sul quotidiano La Repubblica annunciò, per la prima volta, che questa era l’intenzione di Viminale e Commissione UE e Tempostretto.it riprese come prima testata a livello locale la notizia, avendo avuto riscontri positivi in tal senso.

Allora, però, la notizia fu accolta dal più assoluto silenzio da parte di Istituzioni e Enti Locali. Solo il parlamentare del Movimento 5 Stelle, Francesco D’Uva, a Messina per un’ispezione alla Caserma Bisconte, sollevò il problema nel corso di un colloquio telefonico con il viceprefetto dott.ssa Cerniglia, che smentì di aver avuto notizie circa l’intenzione di creare un Hotspot nella città dello Stretto.

In questi giorni, il progetto di creare due Hotspot in Sicilia a Messina – come suggerito già quattro mesi fa – e nel Cara di Mineo – che già da qualche mese svolge, di fatto, questa funzione – emerge negli accordi presi sulle nuove politiche migratorie comunitarie tra Italia e la Commissione Europea preposta al tema. In questi accordi spicca una decisa virata verso le espulsioni e i rimpatri piuttosto che sulla ricollocazione dei rifugiati attraverso un sistema di quote eque tra i diversi paesi Europei. Mentre la recolocation è praticamente fallita, si profila la creazione di hotspot di “secondo livello”, in luoghi ancora non precisati, finalizzati esclusivamente all’espulsione e al rimpatrio. Una rivisitazione dei vecchi CIE – Centri di Identificazione ed Espulsione – però su larga scala. Gli Hotspot, infatti, sono centri fatti per contenere un numero che va da 1000 a oltre 2000 persone.

Per gli stessi Hotspot di Messina e Mineo si parla di un raddoppiamento dei posti disponibili, da 1,600 a 2,800 persone.

Ricordiamo che per Hotspot si intende un particolare tipo di centro per migranti, gestito dall’agenzia per il controllo delle frontiere dell’Unione Europea, Frontex e dalla polizia europea EASO, in cui le persone appena sbarcate vengono trasferite per le operazioni di identificazione, fototesseramento e prelievo, anche forzato, delle impronte digitali, ai fini di uno screening che distingua o richiedenti asilo dalle persone destinate al rimpatrio.

Il nome di Messina salta fuori, nella ruolet russa delle politiche migratorie europee, dopo la decisa opposizione della città di Augusta circa l’istallazione di un Hotspot nel porto cittadino. Nei mesi prima che il Viminale virasse su Messina, infatti, Istituzioni, Enti Locali e Società Civile hanno espresso con forza il parere contrario a questa ipotesi, ottenendo poi il risultato sperato.

In questi mesi, diverse voci dell’associazionismo e della società civile cittadine sono intervenute anche con dichiarazioni pubbliche in Commissione e Consiglio Comunale per denunciare il rischio della creazione di un Hotspot a Messina e ribadirne la contrarietà. Adesso, anche l’amministrazione si espone pubblicamente contro il progetto: "Ci dispiace aver dovuto apprendere dalla stampa di questa notizia – dichiara il Sindaco Accorinti – Siamo contrari perché Messina fa un altro tipo di accoglienza ai migranti".

Continua, nel frattempo, l’attività del centro di primissima accoglienza nella tendopoli al PalaNebiolo, in cui la parlamentare Mariella Gullo (FI) ha fatto di recente un’ispezione. “Quanto all’hotspot che il governo intende realizzare a Messina – a dichiarato la Gullo – non appena s'è compreso che Alfano stesse puntando su Messina, ho presentato un'interrogazione al ministro degli Interni chiedendo chiarimenti e manifestando contrarietà a tale ipotesi”.

Procedono, inoltre, i lavori di ampliamento del centro di accoglienza per richiedenti asilo nell’ex Caserma di Bisconte. Il Ministero ha, infatti, stanziato i fondi per la ristrutturazione delle altre palazzine della caserma, quelle attualmente inagibili, mentre sono in funzione al momento solo due. Anche stavolta, la notizia dell’intenzione ministeriale di ampliare Bisconte fu data un anno e mezzo fa, con scarse ricadute sul dibattito pubblico cittadino. Non ci sorprenderebbe, a questo punto, che lo stesso centro di Bisconte venga trasformato in Hotspot, dal momento che la conversione sembra un destino che accomuna diversi centri già costituiti, come quelli di Pozzallo e di Mineo.

Eleonora Corace

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

12 commenti

  1. E’ STRANO AVETE 2.800 CLANDESTINI (NON MIGRANTI), E NON AVETE ANCORA SENTITO LE MINACCE CHE QUI AL NORD, SIA DA PARTE DEL MINISTERO DI ALF ANO, SIA DA PARTE DI PREFETTE/I (PREFETTA D.SA LEGA) RELATIVE ALLE IMPOSIZIONI DI OBBLIGO DI OSPITARE, PRIMA CON LE BUONE CIOE’ VENIVANO PAGATI CHI LI OSPITAVA. POI VISTI I FURTI CHE SUBIVANO GLI ALLOCCHI ITALIANI, POI CON LE BUONE. NON AVENDO CIO’ CHE VOLEVANO SONO ARRIVATI A MINACCIARE REQUISIZIONI COERCITIVE DI APPARTAMENTI NELLE REGIONI DEL NORD. ESSENDO CHE SONO ARRIVATE PROTESTE ED ANCHE SONORE PERNACCHIE ANCHE A VOCE, HANNO RITIRATO LA PAVENTATA MINACCIA STILE COMUNISMO REALE STALINIANO. E’ STRANO CONSIDERATA LA PRESENZA A MESSINA, UNA DELLE PIU’ POVERE CITTA’, NON HANNO MINACCIATO REQUISIZIONI.

    0
    0
  2. E’ STRANO AVETE 2.800 CLANDESTINI (NON MIGRANTI), E NON AVETE ANCORA SENTITO LE MINACCE CHE QUI AL NORD, SIA DA PARTE DEL MINISTERO DI ALF ANO, SIA DA PARTE DI PREFETTE/I (PREFETTA D.SA LEGA) RELATIVE ALLE IMPOSIZIONI DI OBBLIGO DI OSPITARE, PRIMA CON LE BUONE CIOE’ VENIVANO PAGATI CHI LI OSPITAVA. POI VISTI I FURTI CHE SUBIVANO GLI ALLOCCHI ITALIANI, POI CON LE BUONE. NON AVENDO CIO’ CHE VOLEVANO SONO ARRIVATI A MINACCIARE REQUISIZIONI COERCITIVE DI APPARTAMENTI NELLE REGIONI DEL NORD. ESSENDO CHE SONO ARRIVATE PROTESTE ED ANCHE SONORE PERNACCHIE ANCHE A VOCE, HANNO RITIRATO LA PAVENTATA MINACCIA STILE COMUNISMO REALE STALINIANO. E’ STRANO CONSIDERATA LA PRESENZA A MESSINA, UNA DELLE PIU’ POVERE CITTA’, NON HANNO MINACCIATO REQUISIZIONI.

    0
    0
  3. La beffa é per chi da una vita vive nelle baracche…:(

    0
    0
  4. La beffa é per chi da una vita vive nelle baracche…:(

    0
    0
  5. Non solo la beffa, ma voi pensate che se questa “opportunità” dell’hotspot era una cosa positiva, ad Augusta se la facevano scappare? Si tradurrà tutto in più gente ai semafori che chiede soldi e, forse, qualche problema di ordine pubblico (vi ricordate quello di Mineo che ha ucciso una/o pensionata/o?)

    0
    0
  6. Non solo la beffa, ma voi pensate che se questa “opportunità” dell’hotspot era una cosa positiva, ad Augusta se la facevano scappare? Si tradurrà tutto in più gente ai semafori che chiede soldi e, forse, qualche problema di ordine pubblico (vi ricordate quello di Mineo che ha ucciso una/o pensionata/o?)

    0
    0
  7. Fatemi capire re…..D’Alia e Alfano, perché di questo si tratta, si sono venduti Messina per realizzare un centro a Messina?? Ed il futuro Sindaco Ardizzone, un commentuccio non lo fa?? Dai, non farci stare in ansia. Anche Genovese, dopo essersi consultato con Berlusca, e con L’allegra brigata di Fratelli d’Italia e Noi con Salvini non commentano??

    0
    0
  8. Fatemi capire re…..D’Alia e Alfano, perché di questo si tratta, si sono venduti Messina per realizzare un centro a Messina?? Ed il futuro Sindaco Ardizzone, un commentuccio non lo fa?? Dai, non farci stare in ansia. Anche Genovese, dopo essersi consultato con Berlusca, e con L’allegra brigata di Fratelli d’Italia e Noi con Salvini non commentano??

    0
    0
  9. Finalmente arrivano un pò di stranieri nella nostra città, è l’incremento del turismo che i politici ci promettono da anni.

    Non vi lamentate, cari Buddaci. A voi ci pensa Famulari con il nuovo arancino “Hot Spot” a farvi felici.

    0
    0
  10. Finalmente arrivano un pò di stranieri nella nostra città, è l’incremento del turismo che i politici ci promettono da anni.

    Non vi lamentate, cari Buddaci. A voi ci pensa Famulari con il nuovo arancino “Hot Spot” a farvi felici.

    0
    0
  11. Gli scarsi politici locali non hanno alcuna forza per impedire quest’altra carognata ai messinesi. Si sta perdendo il senso della misura, non si ci rende conto che presto Messina (e l’Italia tutta) diventerà una periferia per gente sbandata e senza alcun futuro. E il “nostro” Sindaco si duole ed è contrariato perchè non possiamo dare la giusta accoglienza (vitto, alloggio, sigarette, 3,50 euro al giorno pro-capite, tessera telefonica e magari qualche passatempo) a coloro che saranno accolti presso questo hotspot.
    Se non si fermeranno questi flussi migratori, a qualunque costo, tra qualche decennio saremo costretti a scappare dalle nostre città, prese d’assalto da persone venute dall’Africa e dall’Oriente.
    Boldrini & Co chupacabras!

    0
    0
  12. Gli scarsi politici locali non hanno alcuna forza per impedire quest’altra carognata ai messinesi. Si sta perdendo il senso della misura, non si ci rende conto che presto Messina (e l’Italia tutta) diventerà una periferia per gente sbandata e senza alcun futuro. E il “nostro” Sindaco si duole ed è contrariato perchè non possiamo dare la giusta accoglienza (vitto, alloggio, sigarette, 3,50 euro al giorno pro-capite, tessera telefonica e magari qualche passatempo) a coloro che saranno accolti presso questo hotspot.
    Se non si fermeranno questi flussi migratori, a qualunque costo, tra qualche decennio saremo costretti a scappare dalle nostre città, prese d’assalto da persone venute dall’Africa e dall’Oriente.
    Boldrini & Co chupacabras!

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007