Aggressione al Comune. De Luca: "Farneticante puntare il Fucile contro di me" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Aggressione al Comune. De Luca: “Farneticante puntare il Fucile contro di me”

Redazione

Aggressione al Comune. De Luca: “Farneticante puntare il Fucile contro di me”

mercoledì 09 Giugno 2021 - 19:39

"Grave giustificare la violenza attaccando me, poi sono io a fomentare l'odio!".

Si è oltrepassata la misura in tutti i sensi. Non c’è motivo o giustificazione alcuna per un fatto così ripugnante che va deprecato e stigmatizzato con forza. Esprimo tutta la mia solidarietà al dipendente ferito, in maniera veramente sentita, così come la gratitudine verso chi negli uffici comunali lavora mettendo anche a rischio la propria incolumità.” Così il sindaco di Messina Cateno De Luca interviene sull’episodio verificatosi ieri mattina agli uffici comunali di piazza Vittoria.

Il primo cittadino spiega alcuni dettagli della vicenda: l’aggressore è un imprenditore di Rometta interessato ad avviare un lido in zona sud a Messina, che pur non avendo appuntamento è entrato all’Urbanistica puntando contro il dirigente quando gli è stato risposto che non poteva ancora avere l’esito dell’istanza, cui mancava un adempimento che deve rilasciare il Demanio Marittimo e non l’ufficio comunale.

BIRRA FELUCA PASSIONE E TRADIZIONE


Accantonati retroscena e solidarietà, De Luca risponde alla pioggia di critiche ai suoi continui “blitz” negli uffici comunali. “Dire che certi comportamenti delittuosi e violenti possano essere ‘legittimati’ dalle opinioni espresse da un sindaco ha dell’incredibile. Pur di attaccarmi, si arriva anche a giustificare un grave episodio di violenza commesso ai danni di un pubblico ufficiale nell’esercizio delle sue funzioni. E poi sarei io l’istigatore alla violenza?”

“Ho sempre difeso e sostenuto chi fa il proprio dovere e non intendo arrendermi di fronte a chi vorrebbe intimidire le persone perbene che fanno il loro lavoro, così come non posso accettare certe squallide speculazioni sindacali, fatte letteralmente sulla pelle di un funzionario comunale.”, conclude il primo cittadino.

Articoli correlati

Tag:

3 commenti

  1. Caro Sindaco lei ha gli strumenti per agire in silenzio senza fare scalpore con le sue sceneggiate.
    È solo fomentare odio e violenza verso tutti i dipendenti.

    47
    12
  2. Ma vai a suonare la zampogna al tuo paese!

    8
    2
  3. La solita manfrina di chi non sa amministrare e neanche “comandare”. Parla alla pancia dei cittadini sbraitando contro tutti i dipendenti comunali ” che bivaccano davanti alle macchinette del caffè”. Quando poi succede l’irreparabile (e meno male che stavolta sia finita così perché poteva andare anche peggio fra l’altro) “sarrunchia”. La smetta una buona volta e faccia il Sindaco con la ESSE maiuscola. Solidarietà al dipendente aggredito.

    1
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007

x