Al Clan Off arrivano "Le mille bolle blu", storia di un amore clandestino - Tempo Stretto

Al Clan Off arrivano “Le mille bolle blu”, storia di un amore clandestino

Redazione

Al Clan Off arrivano “Le mille bolle blu”, storia di un amore clandestino

mercoledì 23 Ottobre 2019 - 07:56
Al Clan Off arrivano “Le mille bolle blu”, storia di un amore clandestino


Sabato 26 ottobre Le mille bolle blu inaugurerà la stagione teatrale del Clan Off con un doppio spettacolo, alle ore 18 e 30 e 21 e 30. Il giorno dopo unica rappresentazione pomeridiana.

Monologo scritto da Salvatore Rizzo e interpretato da Filippo Luna

A novembre saranno undici anni dal debutto (al Teatro Montevergini di Palermo nel 2008) de Le mille bolle blu. Da allora il monologo scritto da Salvatore Rizzo ed interpretato e diretto da Filippo Luna non ha mancato una stagione. Ogni volta ha portato a casa un piccolo bottino di repliche (in Sicilia e altre regioni d’Italia, dalla Lombardia al Veneto, all’Umbria).

Lo spettacolo inoltre nel 2010 è valso a Filippo Luna il premio dell’Associazione Nazionale Critici Teatrali per l’interpretazione. Torna adesso a Messina, dove è stato proposto nel febbraio 2012 alla Sala Laudamo per il cartellone di prosa del Teatro Vittorio Emanuele, sul palcoscenico del Clan Off Teatro per inaugurare la stagione 2019-2020 intitolata «Riflessioni».

L’amore tra un barbiere e un avvocato

Il monologo è tratto dall’omonimo racconto dello stesso autore, pubblicato in Muore lentamente chi evita una passione – Diverse storie diverse (Pietro Vittorietti Editore). Le mille bolle blu è la storia di Nardino ed Emanuele; barbiere di borgata il primo, avvocato della buona borghesia il secondo. Soprattutto la storia del loro amore che nasce nella Palermo degli anni Sessanta e scorre clandestino lungo trent’anni, parallelo ad una vita “ufficiale” di mariti e padri di famiglia. Fino alla morte di Emanuele che spinge Nardino a rievocare con nostalgia struggente – sull’eco di alcuni brani musicali di quei decenni – l’amore, la passione, la gelosia, i timori di quel rapporto e a gridare la sua rabbia per un dolore al quale non può dare sfogo come vorrebbe.

Articoli correlati

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007