Musumeci accoglie l'appello dei deputati:AP Messina autonoma, lo dirò a Delrio - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Musumeci accoglie l’appello dei deputati:AP Messina autonoma, lo dirò a Delrio

Rosaria Brancato

Musumeci accoglie l’appello dei deputati:AP Messina autonoma, lo dirò a Delrio

martedì 30 Gennaio 2018 - 17:45
Musumeci accoglie l’appello dei deputati:AP Messina autonoma, lo dirò a Delrio

Il no della deputazione messinese è stato netto e corale. Il governatore nei prossimi giorni incontrerà il ministro Delrio per ribadire la necessità di un'Autorità portuale autonoma

Il no è stato corale ed a Musumeci non è rimasto che prenderne atto, anche perchè le sorti dell’Autorità portuale di Messina sono state al centro della campagna elettorale ed il governatore conosce bene la posizione della città al riguardo.

L’ex presidente Crocetta in questi anni si è limitato a roboanti dichiarazioni con scadenza periodica alle quali non corrispondevano i fatti.

Musumeci ha incontrato oggi l’intera deputazione messinese proprio in vista della decisione da adottare e da portare a Roma, dove batterà i pugni per dire NO all’accorpamento dell’AP di Messina con Gioia Tauro prevista dalla riforma dei porti targata Delrio.

E’ questo il mandato della deputazione messinese che ha ribadito la volontà di chiedere un’Authority autonoma, definite “dello Stretto”.

L’autonomia dell’Autorità portuale di Messina è dettata dalla specificità della sua collocazione geografica e delle caratteristiche dell’economia marittima di quello scalo- ha dichiarato Musumeci raccogliendo l’appello– Ritengo ragionevole un sistema che comprenda i porti di Messina, Milazzo, Reggio Calabria e Villa San Giovanni e, in questo senso, mi muoverò nei confronti del governo centrale. Sarebbe utile, in tale direzione, un intervento su Roma da parte anche della Regione Calabria. Ho voluto, prioritariamente alla decisione della giunta regionale, invitare la deputazione messinese per conoscere il proprio punto di vista”.

Erano presenti all’incontro l’assessore regionale alle Autonomie locali Bernadette Grasso, Antonio De Luca (Movimento 5 stelle), Cateno De Luca (gruppo misto), Francesco De Domenico (Pd), Tommaso Calderone e Luigi Genovese (Forza Italia), Pino Galuzzo (Diventerà bellissima), Antonio Catalfamo ed Elvira Amata (Fratelli d’Italia).

Mi fa piacere che all’unanimità – continua Musumeci – ci sia stata una convergenza di idee sulla mia proposta da parte dei deputati e ho anche preso atto che, comunque, l’idea dell’accorpamento con lo scalo calabrese di Gioia Tauro sia stata bocciata. La deputazione messinese, in subordine, si è pronunciata per l’eventuale unione di Messina con l’Autorità portuale della Sicilia orientale, seppur con una governance che garantisca il peso e il ruolo della città dello Stretto. Incontrerò nei prossimi giorni il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, per illustrare la posizione della Regione Siciliana, anche con una serie di elementi oggettivi che concorrano alla salvaguardia del Sistema portuale dello Stretto”.

Chi si è da sempre battuto per l’autonomia dell’AP di Messina è il M5S come evidenziato nella nota trasmessa fine incontro: “Già da tempo proponiamo l'istituzione dell'Autorità portuale dello Stretto- dichiara il deputato a 5Stelle Antonio De Luca– Musumeci mostri autorevolezza e chieda fermamente al Governo nazionale di evitare quello che sarebbe l'ennesimo scippo di risorse provenienti dalla provincia di Messina". De Luca ha ricordato al governatore come il porto di Gioia Tauro si trovi in una condizione di crisi economica che potrebbe travolgere anche l'autorità portuale di Messina: “ Il nostro porto è il primo per numero di passeggeri del Mediterraneo e ha un bilancio con un attivo di oltre 120 milioni di euro e un piano triennale di investimento 2018-2020 pari a circa 310 milioni, mentre quello di Gioia Tauro sta attraversando da tempo una condizioni di crisi".

La capogruppo Ars Valentina Zafarana e il parlamentare Francesco D’Uva sin dal 2015 hanno proposto l’ipotesi di un’Autorità portuale dello Stretto che comprendesse Messina, Milazzo, Villa San Giovanni e Reggio Calabria che assicurasse la necessaria continuità territorial. "L’accorpamento- dichiarano Zafarana e D’Uva- sarebbe l’ennesimo smacco per tutti i cittadini siciliani e calabresi che da troppi anni vivono profondi disagi causati dalla progressiva riduzione dei servizi di trasporto per i pendolari, oltre che dalle continue ed illogiche scelte di Trenitalia”.

Il no all’accorpamento con Gioia Tauro è netto anche per Elvira Amata, deputata di Fratelli d’Italia, che però, in alternative invita a valutare l’ipotesi di un “matrimonio” con Catania e Augusta: “Finalmente si vuol dare voce al nostro territorio senza accettare passivamente scelte imposte dall’alto– dichiara la Amata- Abbiamo espresso tutti insieme la richiesta forte di mantenere l’autonomia dell’AP Messina Milazzo. Abbiamo anche dovuto considerare l’ipotesi di un accorpamento, e in questo caso la mia preferenza è l’ adesione ad un sistema unico per la Sicilia Orientale, decisamente più coerente e sensato, di uno sposalizio con la AP calabrese. La riforma della logistica non può essere uno strumento attraverso cui depauperare la realtà dello Stretto di una autonomia che le è propria”.

Nel 2016, su sollecitazione dell’Amata il deputato nazionale Fabio Rampelli, di Fd’I aveva presentato un’interrogazione al ministro Delrio proprio sulla vicenda.

Stessa posizione per Cateno De Luca, Gruppo misto Sicilia Vera: “L'autorità portuale di Messina non può sparire ed essere accorpata a Gioia Tauro con un ulteriore colpo mortale all'economia ed alla storia del nostro territorio. Purtroppo la classe politica messinese nel parlamento nazionale ha dormito o ha accettato altre prebende in cambio del proprio silenzio sull'ulteriore grave ed inaccettabile scippo compiuto dal Governo Renzi/Gentiloni e non chiedendo misure di salvaguardia dell'Autorità portuale di Messina. La creazione dell’Authority dello Stretto invece avrebbe da sola una movimentazione analoga a quella di tutti i porti della Calabria e sarebbe anche una soluzione più logica. Da Musumeci ci aspettiamo che il Governo Siciliano sia risoluto nell'opporsi a questo scempio."

Presente anche il deputato regionale Pd Franco De Domenico che ha evidenziato come alla città di Messina serva con urgenza un intervento concreto "a sostegno dell’autorità portuale che garantisca il vincolo territoriale di destinazione e che nel caso specifico di Giammoro costituisca un un meccanismo di compensazione del danno ambientale prodotto dalla raffineria. Inoltre il territorio della provincia di Messina non può permettersi di restare fuori dalla ZES, sarebbe un ulteriore danno alla competitività delle nostre imprese e la perdita di opportunità di posti di lavoro. Qualunque sia la soluzione che il Governo Regionale vorrà sostenere non potrà prescindere dalla salvaguardia delle specificità e delle vocazioni del sistema portuale messinese oltre che delle le risorse di cui é dotata l'autorità portuale di Messina. Risorse che dovranno essere investite in una pluralità di infrastrutture di supporto al sistema portuale a terra. In ogni caso resta l’autonomia finanziaria, con l’investimento degli utili nello stesso territorio che li ha prodotti, il traguardo da raggiungere e che servirà da volano per lo sviluppo economico ed occupazionale dello territorio".
Anche Genovese, così come la Amata in alternativa a Gioia Tauro propende per l’accorpamento con Catania-Augusta. “ L’integrazione, da alcuni etichettata come “naturale”, tra l’Autorità Portuale di Messina/Milazzo e quella di Gioia Tauro – ha affermato il deputato di Forza Italia Luigi Genovese- sarebbe una soluzione infausta, i cui effetti nocivi ricadrebbero quasi esclusivamente sulle due realtà siciliane, che ne uscirebbero chiaramente depotenziate. L’accorpamento inciderebbe pesantemente sui livelli di autonomia gestionale dei porti di Messina e Milazzo. Non possono passare inosservati gli elementi di evidente criticità che riguardano un porto, quello di Gioia Tauro, notoriamente in crisi e a rischio chiusura. Sono favorevole alla nascita di un’Autorità di sistema portuale della Sicilia orientale con l’integrazione dei porti di Messina e Milazzo con quelli di Catania ed Augusta. Da queste infrastrutture portuali transita la maggior parte delle merci destinate alla Sicilia orientale, toccando tre realtà che già oggi, nonostante non vi sia al momento una regia centralizzata, svolgono funzioni ben distinte ma assolutamente complementari
Per il segretario di Fast Confsal, Nino Di Mento, "è il momento in cui questa battaglia va vinta in maniera netta e dignitosa, con l'istituzione della 16ma Autorità Portuale dell'Area Integrata dello Stretto comprendente i porti di Messina, Tremestieri, Milazzo, Reggio Calabria e Villa San Giovanni. La nostra petizione ancora in corso, avviata lo scorso 2 agosto e arrivata alla soglia delle ottomila e quattrocento firme (il nostro obiettivo è il superamento dei diecimila consensi prima della composizione del nuovo governo nazionale), si pone come elemento determinante e d'indirizzo per la politica e le Istituzioni. Proposta questa, sposata all'epoca, dall'Amministrazione Accorinti, della quale oggi purtroppo però, registriamo il più assoluto silenzio in merito, nonostante le numerose richieste di incontro su un argomento che riteniamo di enorme importanza, e di cui auspichiamo una presa di posizione chiara".

Rosaria Brancato

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Messina ha bisogna di autonomia, l’area dello Stretto, tra le più trafficate al mondo, non può essere gestita da lontano.
    Realizzare un’autorità portuale che comprende i porti di Messina, Milazzo, Reggio Calabria e Villa s. Giovanni è la soluzione logica per continuare a garantire l’operatività e la gestione molto positiva attuale. L’accorpamento con Catania sarebbe un disastro, i porti delle due sponde avrebbero gestioni diverse e Catania, che da sempre cerca di avere spazio nel movimento crocieristico, coglierebbe al volo l’occasione di strappare a Messina quanto più possibile, come ormai è consueto.
    Se Delrio comunque vuole distruggere il sistema portuale attivo e positivo dell’AP di Messina, Gioia Tauro è il male minore.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007