Incarico di consulente al dirigente in pensione, Accorinti: "Previsto dalla norma in attesa del ricambio" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Incarico di consulente al dirigente in pensione, Accorinti: “Previsto dalla norma in attesa del ricambio”

Incarico di consulente al dirigente in pensione, Accorinti: “Previsto dalla norma in attesa del ricambio”

venerdì 23 Settembre 2016 - 11:14
Incarico di consulente al dirigente in pensione, Accorinti: “Previsto dalla norma in attesa del ricambio”

Il sindaco metropolitano replica alla Cgil che aveva contestato sotto il profilo dell'opportunità e della legittimità l'incarico di consulente al dirigente in pensione

Il sindaco metropolitano Accorinti prova a minimizzare il conferimento dell’incarico in posizione di vertice all’ex dirigente in pensione Antonio Calabrò dopo la nota di protesta della Funzione Pubblica Cgil che aveva contestato il provvedimento sia sotto il profilo della legittimità che su quello dell’opportunità (leggi qui).

“Si fa presente che questo Ente- si legge nella risposta a Crocè e Fucile- nell'ambito delle prerogative previste dalla legge, ha disposto in tal senso, avendone facoltà, come previsto dall'art. 6 D.L. n. 90/2014, precisato nella circolare n. 6 del 4/12/2014 e nella successiva Circolare n. 4/2015. A tal fine ha incaricato l'avv. A. Calabrò, fino al 31.12.2016 per garantire una continuità direzionale ai servizi finanziari e per supportare detti servizi nella definizione degli strumenti di programmazione in itinere, in un momento di grande difficoltà economica e di precarietà, in ragione del non definitivo assetto istituzionale delle Città Metropolitane”.

Secondo Accorinti quindi si tratta di un periodo transitorio e di un ruolo di supporto dovuto alla mancata copertura di ruoli dirigenziali a causa di una serie di ostacoli: “Questo Ente auspica di poter procedere in un'ottica di rinnovamento nella copertura dei posti dirigenziali resisi vacanti, indispensabile per garantire il buon andamento e l'espletamento efficace ed efficiente dei servizi. Si precisa che, ad oggi, detto processo appare di difficile applicazione per diversi fattori di natura legislativa e finanziaria che ne impediscono la fattibilità, di cui le organizzazioni sindacali sono pienamente consapevoli. Pur tuttavia questo Ente, nel prosieguo, non si precluderà ogni iniziativa utile per rendere funzionale l'attività della Città Metropolitana".

Stando quindi alle dichiarazioni del sindaco metropolitano l’avvocato Calabrò sarebbe in questo momento indispensabile per guidare il settore Affari Legali ed il suo ruolo, per il quale è previsto un rimborso spese mensile di 300 euro, sarà di affiancamento e non di coordinamento.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. Ma cosa garantisce questo accorinti sindaco metropolitano? Nessuno lo riconosce come capo dei sindaci dato che quasi tutti sono meglio di lui e continua a dare incarichi ad amici e parenti degli amici . Non c’è una cosa che vada bene, siamo al collasso e si permette di dare incarichi da decine di migliaia di euro.Che ritorni i soldi finora presi senza merito.

    0
    0
  2. Ma cosa garantisce questo accorinti sindaco metropolitano? Nessuno lo riconosce come capo dei sindaci dato che quasi tutti sono meglio di lui e continua a dare incarichi ad amici e parenti degli amici . Non c’è una cosa che vada bene, siamo al collasso e si permette di dare incarichi da decine di migliaia di euro.Che ritorni i soldi finora presi senza merito.

    0
    0
  3. Sulle incapacità di accorinti e degli assessori da lui delegati ne siamo tutti a conoscenza e purtroppo consapevoli, nn credo che il lettore si riferisca all’incarico attribuito a Calabrò perché questo è gratuito e solo con un rimborso spese mensile, che in passato l’accorinti abbia distribuito incarichi milionari è vero a parenti dei suoi supporter che dovrebbe annullare viste le figure di m…..che gli fa fare la sua segreteria di super esperte, nn ultima la questione scontrini, ma le collaboratrici che ci stanno a fare, che fa al rientro si mette lui stesso a predisporre la scheda delle missioni, mi sembra impossibile, questo è compito della segreteria particolare, ma dai risultati mi sembra fatta anch’essa da incapaci.

    0
    0
  4. Sulle incapacità di accorinti e degli assessori da lui delegati ne siamo tutti a conoscenza e purtroppo consapevoli, nn credo che il lettore si riferisca all’incarico attribuito a Calabrò perché questo è gratuito e solo con un rimborso spese mensile, che in passato l’accorinti abbia distribuito incarichi milionari è vero a parenti dei suoi supporter che dovrebbe annullare viste le figure di m…..che gli fa fare la sua segreteria di super esperte, nn ultima la questione scontrini, ma le collaboratrici che ci stanno a fare, che fa al rientro si mette lui stesso a predisporre la scheda delle missioni, mi sembra impossibile, questo è compito della segreteria particolare, ma dai risultati mi sembra fatta anch’essa da incapaci.

    0
    0

Rispondi a Antonio Arena Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007