Ambulantato abusivo. De Luca: "Dobbiamo prenderli a bastonate?". Poi corregge - Tempo Stretto

Ambulantato abusivo. De Luca: “Dobbiamo prenderli a bastonate?”. Poi corregge

Marco Ipsale

Ambulantato abusivo. De Luca: “Dobbiamo prenderli a bastonate?”. Poi corregge

martedì 08 Ottobre 2019 - 18:20
Ambulantato abusivo. De Luca: “Dobbiamo prenderli a bastonate?”. Poi corregge

Prima sembra prendersela con gli ambulanti poi parla di "metaforiche bastonate" per gli agenti della Polizia Municipale "che scansano il lavoro"

MESSINA – “Ma ci vogliono i bastoni in piazza Duomo?”. Uno dei consueti post del sindaco Cateno De Luca destinati a far polemica. Il tema, stavolta, sono gli ambulanti abusivi, verso cui l’amministrazione sta operando un forte contrasto.

Stamani un sequestro all’incrocio tra via Nino Bixio e via Cesare Battisti, con l’ambulante che ha scaraventato la merce per terra. Poi altri sequestri a piazza Duomo, dove “gli ambulanti si nascondono ed escono all’improvviso quando arrivano i pullman dei turisti. Abbiamo programmato delle ronde, abbiamo sequestrato la merce più volte”. Poi la domanda incriminata: “Dobbiamo prenderli a bastonate?”.

Immediate le reazioni. “Il sindaco De Luca si ostina a utilizzare una violenza verbale inqualificabile – dice il segretario del circolo Pd della IV circoscrizione, Armando Hyerace -. Ma il re è nudo e le frasi ad effetto, utilizzate solo per nascondere la totale incapacità politico/amministrativa, non incantano più nessuno: la città, le periferie e il centro storico cadono
sempre più verso l’oblio; non c’è uno straccio di proposta politica di ampio respiro legata allo sviluppo del nostro territorio. Per ricordarci che “esiste”, il sindaco si affida, ogni tanto, solo ai suoi slogan – peraltro sempre di pessimo gusto – nel tentativo maldestro di confondere e sviare i cittadini dai reali problemi che probabilmente non è in grado di affrontare. Aizzare gli uni contro gli altri, innescare continue “guerre tra poveri”, e sentire addirittura parlare di “bastonate”, proprio non è più accettabile. De Luca ormai si pone oltre ogni regola non codificata e travalica i più elementari principi di civiltà giuridica e sociale”.

“Non si dice nemmeno per scherzo, nemmeno per la voglia ormai irrefrenabile di avere consenso spicciolo; non si dice e soprattutto nemmeno si pensa – dice la consigliera comunale Antonella Russo -. Men che meno un sindaco, uno che deve dare l’esempio, può dire che qualcuno merita di essere preso a bastonate. E’ un crescendo sempre più pericoloso, si passa dal clima di sospetto, dalla spiata, alla ronda, adesso all’istigazione alla violenza fisica. Le “socialate” le sono scappate di mano. Non vorrei che scappasse di mano pure la bastonata”.

“Si inizia sempre come una battuta – aggiunge il consigliere comunale Alessandro Russo -. Poi ci si abitua. Il fastidioso ambulante verso cui, usando i bastoni, possiamo dirci soddisfatti nel nostro comodo tinello borghese. Ecco perché dovrebbe smetterla, chi come il sindaco ha grande responsabilità in queste cose, di scatenare l’odio, aizzare le piazze, incitare alla violenza. E smetterla di additare nemici da fustigare. Perché la banalità del male colpisce tutti, prima o poi. Anche chi aizza le folle”.

Più tardi De Luca corregge il tiro e parla di “metaforiche bastonate”, non per gli ambulanti ma per gli agenti della Polizia Municipale, “che scansano il lavoro a discapito dei colleghi che invece rischiano la propria vita contrastando l’illegalità”; mentre il post precedente è sparito da Facebook, in seguito alle segnalazioni di alcuni utenti.

E chiarisce ancora: “Avevo già disposto il costante monitoraggio di piazza Duomo ma evidentemente ancora qualcuno non ha compreso la mia disposizione. Dopo 15 minuti dal mio provocatorio post si è provveduto con i sequestri. Preferisco un vigile urbano in meno all’entrata di Palazzo Zanca pur di averne uno fisso a piazza Duomo. Vediamo ora se i miei uffici hanno inteso”.

Una giustificazione che non piace al consigliere comunale Andrea Argento: “Le bastonate non erano per gli ambulanti, avevamo capito tutti male (eppure sembrava abbastanza chiaro…), bensì per la Polizia Municipale, che torna sotto attacco. Ma se ha tutta questa voglia di dare bastonate, perché non si iscrive ad un corso di kick boxing o lotta greco-romana piuttosto che aizzare i followers su Facebook, storditi anche loro dalle numerose gaffe social?”.

Tag:

7 commenti

  1. Lo sappiamo tutti che il sindaco ha un linguaggio un po’ colorito, fare polemiche sterili su queste fesserie è da ottusi. Il sindaco fa rispettare la legge (per la prima volta) in una città che è sempre vissuta nel caos e senza regole. Bravissimo sindaco

    8
    2
    1. Cara Marina, sono un “ottuso”, nonché cittadino onesto, rispettoso delle leggi e delle persone.
      Quello che non sono proprio disposto ad accettare non è, ovviamente, la lotta all’illegalità ma la prassi in uso al nostro Sindaco, di “sbattere sempre il mostro in prima pagina”. Troppo comodo elettoralmente e non molto civile.
      Che bisogno c’è di fare il video a dimostrazione di quanto sono bravi i vari De Luca, Musolino, ecc., ecc.?
      Che bisogno c’è di insultare chi (VVUU), più o meno bene, cerca di tutelare quel po’ di civiltà che è rimasta a Messina?
      E la domanda che vorrei porre al Primo cittadino è anche questa: “Lei è xxxxxx o fa finta di esserlo?”
      Secondo Lei, quanti Vigili Urbani ha a disposizione per il controllo della “civiltà” a Messina?
      10.000 come la situazione richiederebbe o poche decina, impiegati “là dove ti porta lo slogan (non il cuore)?
      Domanda retorica, ovviamente. De Luca è persona intelligentissima che conosce il “popolo bue” (come diceva Mussolini) e che, “al popolo bue” regala quello che lo stesso desidera…

      0
      1
  2. Il miglior Sindaco che Messina abbia avuto…. sicuramente nell ultimo trentennio……

    1
    0
  3. Strano che non abbia ancora proposto di aprire campi di concentramento

    0
    1
  4. Bravo Sig Sindaco,ma credo che se messi in regola potrebbero fare esercizio commerciale

    0
    0
  5. Finalmente Messina ha un sindaco , i tifosi di partiti farebbero bene a guardare indietro.
    santi

    0
    0
  6. Sindaco lascia stare le persone che lavorano che già la situazione è complicata a messina fatti un giro nei quartieri di periferia guarda il degrado che ce e cerca di risolvere un Po di schifo perdi tempo nelle cose serie

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007