18 anni fa l'alluvione uccideva la famiglia Carità: il ricordo, il dolore, la speranza di Giovanni - Tempostretto

18 anni fa l’alluvione uccideva la famiglia Carità: il ricordo, il dolore, la speranza di Giovanni

Francesca Stornante

18 anni fa l’alluvione uccideva la famiglia Carità: il ricordo, il dolore, la speranza di Giovanni

martedì 27 Settembre 2016 - 00:25
18 anni fa l’alluvione uccideva la famiglia Carità: il ricordo, il dolore, la speranza di Giovanni

Per la prima volta dopo 18 anni anni Giovanni Carità ha deciso di parlare per ricordare la sua famiglia. Figlio di Nino e Maria e fratello di Angela, vittime di una terribile alluvione che colpì l'Annunziata, oggi Giovanni è ancora in cerca della parola fine per la tragedia che colpì la sua famiglia.

«Sono trascorsi 18 anni, ma quando comincia a piovere la paura si fa sentire. 18 anni sono tanti, ma quando nello stesso giorno si perdono tragicamente i genitori e una sorella, il tempo diventa un orologio rotto con le lancette ferme alla stessa ora. La Suprema Corte di Cassazione ha individuato i colpevoli del disastro. Purtroppo da quel giorno la parola fine non c’è stata mai. Le alluvioni sono sempre più frequenti, basta ricordare Giampilieri, Saponara, San Fratello, la Sardegna, Genova, e le famiglie continuano ad essere spezzate. Un affetto sincero però non morirà mai. Il ricordo dei miei genitori e di mia sorella vivrà per sempre nel cuore e in quello di mia sorella Giovanna. La vita è ingiusta. Il dolore è sordo, il dolore è muto. Sordo perché ascolta solo se stesse, muto perché non ci sono parole che possano parlare».

Con queste parole Giovanni Carità oggi ricorda e racconta il dramma che 18 anni fa spezzò la sua famiglia. Era il 27 settembre del 1998 e quel pomeriggio la pioggia iniziò a cadere forte sulla città. Un nubifragio colpì la zona dell’Annunziata. Una famiglia come tante stava facendo ritorno a casa, in auto c’erano Nino Carità, la moglie Maria e la figlia Angela. Di loro ad un certo punto si perse ogni traccia. Gli altri due figli, Giovanni e Jenny, iniziarono a cercarli. Angela fu ritrovata in quella stessa macchina a metà del viale Annunziata, i corpi di Maria e Nino furono trascinati fino a mare e furono ritrovati in acqua. In quella tragedia morì anche Simone Fernando, un ragazzo cingalese che fu inghiottito dalla furia del fango per non essere mai più ritrovato.

Un dolore lungo 18 anni che oggi Giovanni ha voluto ricordare per dedicare alla sua famiglia un tributo, ma anche per tornare a chiedere giustizia. Perché, come se non bastasse quello che hanno perso, i fratelli Carità oggi non hanno ancora chiuso la loro battaglia legale. Non hanno mai ottenuto un risarcimento danni, nonostante nel 2012 arrivò la sentenza della Suprema Corte di Cassazione che in sede penale condannò responsabili del Genio Civile e tecnici comunali dell’epoca per non aver provveduto alla messa in sicurezza del torrente. Il procedimento civile invece è ancora in corso. 18 anni dopo. Ad assistere i fratelli Carità oggi è l’avvocato Aurora Notarianni, recentemente si è costituita parte civile anche la giovane Gloria, nipote di quei nonni e quella zia che non ha potuto conoscere perché quel maledetto 27 settembre 1998 era ancora troppo piccola.

Oggi ricordare la famiglia Carità dev’essere anche un monito. Perché dopo di loro sono morti ancora troppi innocenti sotto la furia di piogge, alluvioni, frane e torrenti. Oggi come 18 anni fa.

Francesca Stornante

Tag:

2 commenti

  1. speriamo che questa famiglia sfortunata abbia almeno giustizia entro tempi “umani”

    0
    0
  2. speriamo che questa famiglia sfortunata abbia almeno giustizia entro tempi “umani”

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007