Il doppio incarico e quelle dimissioni che erano la tattica di De Luca - Tempostretto

Il doppio incarico e quelle dimissioni che erano la tattica di De Luca

Francesca Stornante

Il doppio incarico e quelle dimissioni che erano la tattica di De Luca

lunedì 22 Ottobre 2018 - 16:19
Il doppio incarico e quelle dimissioni che erano la tattica di De Luca

Cateno De Luca lo ha detto chiaramente durante il comizio a piazza Municipio che teneva il doppio incarico per essere in posizione di forza di fronte a consiglio comunale, sindacati, creditori nella strada verso il Salva Messina. Un'arma quindi. E chi non lo ha capito non comprende certe finezze.

Che le dimissioni fossero un’arma si era capito ormai da settimane. Poi il balletto che in 24 ore lo stesso De Luca aveva messo in piedi, prima annunciando di ritirare le dimissioni di sindaco e di lasciare l’Ars, poi decidendo di non lasciare più l’Ars e di restare contemporaneamente sindaco e deputato, ha di fatto solo confermato che quel doppio incarico fosse un’arma da tirar fuori di fronte ai no che potevano arrivare dal consiglio, piuttosto che da chiunque altro De Luca avrebbe incontrato sulla strada della sua azione politica (VEDI QUI).

E ad ammetterlo candidamente è stato proprio Cateno De Luca ieri sera, durante le oltre tre ore di comizio a Piazza Duomo. Non ha usato le parole “arma” o “ricatto”, ma “tattica” e strategia”. Perché mantenere il ruolo di deputato gli avrebbe consentito di poter dire “o come dico o mi dimetto e andiamo al dissesto” e mantenere il paracadute dell’Ars che lo rendeva più forte. Così ha spiegato alla piazza perché non si era ancora dimesso da deputato. Era la sua tattica.

«Ormai sono nelle mani del consiglio comunale perché mi sono tolto la rete. Stavo perdendo di credibilità? Accontentati tutti, subito. Mi tolgo questa protezione e affronto a mani nude il percorso. E se ora a qualcuno in consiglio comunale viene il mal di pancia perché è stato stretto da qualche ambiente e non vota più il Salva Messina?». Ecco quindi l’arma delle dimissioni. O meglio, per dirla con le sue parole, la tattica. Non solo nei confronti del consiglio comunale, ma anche dei creditori, ha detto a chiara voce alla piazza.

«Nelle prossime settimane dovrò incontrare i creditori del Comune e dovrò chiedere loro di abbattere una parte dei crediti che rivendicano. Gli dirò chiaramente che o rinunciano o mi costringeranno a dichiarare il dissesto e i soldi li vedranno con il binocolo. Quindi non era meglio che in questa fase io avessi ancora la veste di deputato? Nella trattativa avrei avuto quella scappatoia, vi dichiaro il dissesto, me ne vado e a voi creditori che siete insensibili vi dico vaffanculo». E invece la scappatoia non ci sarà più perché ieri sera stesso De Luca ha annunciato di nuovo, e dovrebbe essere l’ultima volta, che lascerà l’Ars.

La colpa è di chi non lo ha capito, di chi lo ha contestato sulla illegittimità del doppio incarico e sull’opportunità politica di continuare così, soprattutto i giornalisti che «non comprendono certe finezze» e che per giorni gli hanno «macinato i maroni con questa storia» sempre per usare le parole del sindaco.

«Ho indugiato perché avevo la necessità di poter esercitare una necessaria azione di persuasione nei confronti del consiglio comunale ove non ho nessun consigliere eletto a causa di un sistema elettorale balordo che va al più presto corretto» ha detto ancora il sindaco, dimenticando però che in campagna elettorale fu il più grande sostenitore del voto disgiunto che lo ha incoronato sindaco senza neanche un consigliere.

La data che aveva scelto per le sue dimissioni dall’Ars era il 23 novembre, giorno entro cui Messina può rimodulare il Piano di riequilibrio. Perché è vero che ha sempre dichiarato che non sarà il sindaco del dissesto, ma è anche vero che lasciare la questione aperta gli avrebbe consentito di mantenere almeno il ruolo di deputato se fosse andata male come sindaco.

Adesso inizierà un periodo caldissimo con tutti gli atti e le delibere necessarie per mettere in atto le manovre del Salva Messina. Il sindaco sa che non potrà essere tutto in discesa come è stato finora: «C’è il rischio che su determinate questioni, come per esempio il tram e l’Atm, le posizioni ideologiche portino a un corto circuito. Ora non ho più la rete, ma non mi spavento a tirare un colpo di penna e ce ne andiamo tutti a casa».Perché comunque De Luca ha deciso che farà solo il sindaco, ma non è detto che resterà a farlo a prescindere da tutto.

Francesca Stornante

Tag:

3 commenti

  1. Voglio solo ricordare che quando De Luca dichiara che è il sindaco di tutti i messinesi è falso poichè ha ottenuto solo il 24% dei voti degli elettori iscritti; ovvero su 197.000 elettori circa ha ottenuto solo 47.800 voti. Questa strana situazione col sindaco è dovuta anche all’apatia dei messinesi.

    0
    0
  2. che vuole dire? anche i 5 stelle hanno ottenuto il 30% del 70% dei votanti quindi il 21% degli iscritti a votare eppure governano anche a nome di chi non li ha votato,.Pure Trump ha vinto prendendo quasi 3 milioni di voti in meno della Clinton ,ma rappresenta gli americani

    0
    0
  3. MessineseAttenta 23 Ottobre 2018 11:27

    Pure tu sei stato eletto, al tempo, in consiglio comunale solo con i voti dei cammaroti………..

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007