Artico: verso un nuovo minimo storico d'estensione dei ghiacci - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Artico: verso un nuovo minimo storico d’estensione dei ghiacci

Daniele Ingemi

Artico: verso un nuovo minimo storico d’estensione dei ghiacci

mercoledì 19 Agosto 2020 - 15:15
Artico: verso un nuovo minimo storico d’estensione dei ghiacci

L’eccezionale estate calda sta seriamente compromettendo la tenuta dei ghiacci marini dell’Artico

L’eccezionale estate calda sta seriamente compromettendo la tenuta dei ghiacci marini dell’Artico. Il forte riscaldamento riscontrato in queste ultime settimane è da attribuire alla presenza di vasti tratti di acque libere dai ghiacci. Le acque libere riescono ad assorbire una maggior quantità di calore dai raggi solare, calore che una volta immagazzinato dall’acqua viene gradualmente trasferito all’atmosfera sovrastante, incentivando un progressivo aumento dei valori termici.

L’estensione media del ghiaccio marino nel mese di luglio è scesa a 7,28 milioni di chilometri quadrati (2,81 milioni di miglia quadrate). Si tratta dell’estensione più bassa mai registrata dall’inizio delle rilevazioni satellitari. Parliamo di un valore di 2,19 milioni di chilometri quadrati (846.000 miglia quadrate) al di sotto della media di luglio dal 1981 al 2010 e 310.000 chilometri quadrati (120.000 miglia quadrate) al di sotto del precedente record minimo di luglio stabilito nel 2019.

Dal grafico si nota l’incredibile arretramento della banchisa nel mare di Laptev

L’estensione del ghiaccio marino artico ha continuato a registrare una rapida fusione fino alla fine di luglio, specie nei mari della Siberia orientale, Laptev e Kara. Il 31 luglio, il ghiaccio marino presentava 187.000 chilometri quadrati (72.200 miglia quadrate) in meno rispetto al 2019, e 396.000 chilometri quadrati (153.000 miglia quadrate) al di sotto del 2012, l’anno del minimo storico d’estensione dei ghiacci. Il bordo del ghiaccio era più a nord della media ovunque, tranne nel mare di Beaufort sud-orientale, l’arcipelago canadese e il mare della Groenlandia orientale.

In questo 2020 il tasso lineare di declino dell’estensione del ghiaccio marino di luglio è stato del 7,48% per decennio, ben 70.800 chilometri quadrati (27.300 miglia quadrate) all’anno. Ciò corrisponde all’incirca alle dimensioni dello stato del North Dakota.

L’attuale situazione d’estensione del ghiaccio marino sul mar Glaciale Artico

Da quando sono iniziate le prime rilevazioni satellitari, in questi 42 anni, l’Artico ha perso circa 2,90 milioni di chilometri quadrati (1,12 milioni di miglia quadrate) di ghiaccio a luglio, sulla base della differenza nei valori di tendenza lineare nel 2020 e nel 1979. Ciò è paragonabile all’incirca alle dimensioni degli stati di Alaska, Texas e California messi insieme. Questa rapida accelerazione della fusione dei ghiacci artici, dopo un inverno tutt’altro che caldo a quelle latitudini, rischia di avere conseguenze molto importanti fino alle nostre latitudini.

Lo scorso 28 luglio un profondo ciclone extratropicale, con un minimo sceso fino a 975 hPa, dall’Alaska si è spinto verso il mare di Beaufort, con venti molto forti che hanno contribuito a frantumare la banchisa.

L’assenza di ghiaccio per vasti tratti di mare, durante il passaggio delle tempeste, facilità lo sviluppo di onde sempre più grandi e potenti, in grado quindi di facilitare la rapida fusione dei ghiacci marini, per l’azione meccanica esercitata dallo stesso moto ondoso. Generalmente la presenza di una copertura di ghiaccio compatta smorza le onde dell’oceano assorbendo e disperdendo l’energia delle onde.

Una copertura di ghiaccio denso agisce come uno scudo tra l’oceano e il vento di superficie, impedendo così la formazione delle onde. Oggi con meno ghiaccio marino sul mar Glaciale Artico aumenta il “Fetch” (lo spazio di mare su cui soffia il vento), ciò consente alle onde di diventare sempre più grandi e potenti, in base all’estensione e alla durata di quest’ultimo.

La mappa relativa alla concentrazione di ghiaccio sull’oceano Artico

L’impatto del moto ondoso sulla banchina ha difatti agevolato il rapido ritiro dei ghiacci, registrato proprio negli ultimi giorni di luglio, quando una larga fetta dei ghiacci era sparita, letteralmente mangiata dalle grandi onde.

Queste ondate andando a sbattere con grande impeto lungo il margine della banchisa, hanno contribuito a sgretolarla, aprendo enormi squarci su di essa. L’area che ha perso la maggiore quantità di ghiaccio è quella che va dal settore più orientale del mare della Siberia orientale al settore occidentale del mare di Beaufort. Un ciclone simile nel 2012, l’anno del minimo storico artico, ha portato a effetti che hanno aumentato il declino in quell’anno.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007