Atm, gli autisti in scadenza: "Siamo gli invisibili, cosa ne sarà di noi?" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Atm, gli autisti in scadenza: “Siamo gli invisibili, cosa ne sarà di noi?”

Francesca Stornante

Atm, gli autisti in scadenza: “Siamo gli invisibili, cosa ne sarà di noi?”

venerdì 20 Marzo 2020 - 07:30
Atm, gli autisti in scadenza: “Siamo gli invisibili, cosa ne sarà di noi?”

In questa fase di liquidazione dell'Atm e passaggio alla nuova Atm non c'è speranza per questi lavoratori con i contratti che scadono il 31 marzo

«Siamo gli invisibili, autisti a tempo determinato dell’azienda Atm in liquidazione. Lavoratori che anche adesso, in un momento di emergenza sanitaria, stanno continuando a svolgere il proprio lavoro con dignità, professionalità e grande senso di responsabilità».

Inizia così la lettera indirizzata al sindaco De Luca, alla vecchia e alla nuova Atm, al consiglio comunale. E’ la lettera di alcuni degli autisti Atm a tempo determinato, quelli assunti per far fronte alle carenze di organico. In questa fase che porterà alla liquidazione e al passaggio alla nuova azienda di loro non c’è traccia. Al momento nessuna speranza, neanche nel bando già pubblicato per le nuove assunzioni. L’unica certezza è che il 31 marzo scadranno i loro contratti. 

«Proveniamo da una selezione pubblica per titoli e prova pratica di guida effettuata dal Centro dell’Impiego di Messina. Dalla graduatoria di 43 autisti selezionati in 30 siamo stati avviati subito al lavoro, molti di noi addirittura facevano parte dei lavoratori provenienti dalle agenzie interinali che per anni hanno garantito, con il nostro contributo, il trasporto pubblico in città, vista la carenza cronica di autisti che ha negli organici l’azienda Atm. 

Dalla vecchia alla nuova Atm

Stiamo vivendo, ai margini, il cambiamento di questa azienda che dal 1 aprile diventerà s.p.a. e già vengono annunciati bandi di assunzione di autisti con contratto di apprendistato che ci vedono fuori, di noi nessuna menzione. Abbiamo capito che siamo dei numeri, ma invece siamo persone, lavoratori, ognuno di noi ha famiglia 

Cosa sarà di noi? Dopo anni di servizio è corretto essere sbattuti fuori? La politica di questa città, visto che la nuova azienda è a capitale pubblico, non può inserire una norma di salvaguardia a difesa della professionalità acquisita, del lavoro e della dignità dei lavoratori? Un atto che noi riteniamo essere di giustizia per tutti i 43 autisti risultanti da una graduatoria di selezione pubblica».

I lavoratori

Articoli correlati

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

Un commento

  1. Assolutamente da condividere

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007