Atto vandalico contro la Scalinata della Colomba - Tempo Stretto

Atto vandalico contro la Scalinata della Colomba

Redazione

Atto vandalico contro la Scalinata della Colomba

martedì 13 Agosto 2019 - 17:37
Atto vandalico contro la Scalinata della Colomba

Messina- "Ennesimo gesto di viltà", commenta l'assessore Minutoli

Ennesimo atto vandalico ai danni delle statue posizionate lungo la Scalinata della Colomba e raffiguranti le Sirenidi, di cui una, posizionata a metà scalinata, è stata divelta e gettata per terra. Dopo le segnalazioni pervenute da tanti cittadini indignati all’ufficio Pronto Intervento del Comune, l’assessore all’Arredo Urbano Massimiliano Minutoli, accompagnato dall’esperto Saverio Tignino, si é recato prontamente alla Scalinata, dove la statua giaceva per terra sotto gli sguardi dei numerosi turisti presenti. Dopo il riposizionamento della Sirenide nella sede originaria, l’assessore Minutoli ha ribadito che “l’Amministrazione comunale denuncia pesantemente gli atti vandalici, ritenuti vili nei confronti dell’intera città. Non ci lasceremo intimidire da gesti così vigliacchi. Risponderemo sempre prontamente ogni qualvolta sarà possibile. Auspichiamo una maggiore collaborazione della cittadinanza nel segnalare ogni singolo episodio. Gli incivili di questa città devono essere perseguiti permanentemente”. Il personale del pronto intervento provvederà a fissare definitamente i supporti per impedire ulteriori danneggiamenti.

Tag:

Un commento

  1. Che peccato! erano così carini, che i turisti si spaventavano anche di fare le scale. 😅😅😅

    1
    4

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007