CapitaleMessina: "Le speranze su Gioia Tauro ridotte al lumicino" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

CapitaleMessina: “Le speranze su Gioia Tauro ridotte al lumicino”

Marco Celi

CapitaleMessina: “Le speranze su Gioia Tauro ridotte al lumicino”

lunedì 08 Maggio 2017 - 07:36
CapitaleMessina: “Le speranze su Gioia Tauro ridotte al lumicino”

Il futuro del porto di Messina, la cui Autorità Portuale presto verrà accorpata con quella di Gioia Tauro, è incerto e dipenderà strettamente dal futuro, tutt'altro che roseo, del porto calabrese.

CapitaleMessina, ancora una volta, interviene sulla questione dell'accorpamento delle Autorità Portuali di Messina e Gioia Tauro, riportando quando sostenuto il 28 aprile, durante una conferenza nella cittadina calabrese, da numerosi studiosi che, analizzando la situazione del porto di Gioia Tauro, non possono che prevedere un futuro cupo per il destino dello scalo merci.

Con la soppressione dei finanziamenti per la linea ferroviaria ad alta capacità sembra che il Governo abbia deciso di lasciare il porto di Gioia Tauro nelle mani dei monopolisti che gestiscono il porto e possono decidere di abbandonarlo al suo destino quando lo ritengano conveniente. Mercoledì infatti si terrà al Ministero delle Infrastrutture un vertice con gli amministratori delle società MSC, gli armatori che portano con le loro navi i container a Gioia Tauro, e Contship che gestisce il terminal container del porto, per decidere sull'esubero dei portuali calabresi. Gianluigi Aponte, fondatore e proprietario della MSC, è lo stesso che non più di 10 giorni fa dichiarava in una lettera al Ministro Delrio: "un altro sciopero e lascio Gioia Tauro".

Domenico Marino, professore associato di politica economica presso l’Università Mediterranea di Reggio Calabria, intervenuto durante la conferenza del 28 del mese scorso, arriva a sostenere: "Guardando lo scenario del settore del trasporto containerizzato non possiamo non constatare che le probabilità che nel 2030 il porto Gioia Tauro sia ancora attivo sono ridotte al lumicino". Marino definisce la ZES, il progetto di Zona Economica Speciale al quale si affidano le speranze di rilancio dello scalo calabrese: " una bufala colossale. Perché, come è chiaro a chi ha un minimo di conoscenze sul funzionamento dell’UE, la ZES non può violare le norme europee sulla concorrenza e sugli aiuti di stato. Essa, quindi, non può riguardare gli investimenti delle grandi imprese, non può prevedere vantaggi fiscali se non molto limitati, non può in sostanza derogare dalle regole del “de minimis”.

Dalle previsioni di questi studiosi, quindi, se il Governo non interverrà in modo concreto per il rilancio e la tutela del Porto di Gioia Tauro, le previsioni di chiusura della struttura saranno sempre più concrete. E alla luce del prossimo accorpamento delle Autorità Portuali di Gioia Tauro e Messina, il futuro del nostro porto sembra legato inesorabilmente a quello della città calabrese, che se affonderà trascinerà anche noi con lei.

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. Antonio Arena 8 Maggio 2017 09:57

    Penso che gli autorevoli teorici/filosofi che hanno propugnato l’accorpamento di Messina/Milazzo a Gioia Tauro siano felici, ma si rendono conto delle realtà, quale teorie hanno elaborato, quali progetti li hanno convinti tanto da voler affossare la loro città? (non so se siano Messinesi o di altra sponda)certo che già Messina e Milazzo, nonostante il turismo, facevano una fatica enorme pur ” catturando” decine di navi con i relativi passeggeri, se adesso gli appioppano il pacco del porto di Gioia Tauro Messina sprofonderà inevitabilmente, quali vantaggi hanno detti signori?

    0
    0
  2. Antonio Arena 8 Maggio 2017 09:57

    Penso che gli autorevoli teorici/filosofi che hanno propugnato l’accorpamento di Messina/Milazzo a Gioia Tauro siano felici, ma si rendono conto delle realtà, quale teorie hanno elaborato, quali progetti li hanno convinti tanto da voler affossare la loro città? (non so se siano Messinesi o di altra sponda)certo che già Messina e Milazzo, nonostante il turismo, facevano una fatica enorme pur ” catturando” decine di navi con i relativi passeggeri, se adesso gli appioppano il pacco del porto di Gioia Tauro Messina sprofonderà inevitabilmente, quali vantaggi hanno detti signori?

    0
    0
  3. MessineseAttenta 9 Maggio 2017 06:29

    Il miraggio di Gioia Tauro come terminal meridionale per i container si sta sgonfiando.
    Con Gioia Tauro, cadranno anche i porti ad essa associati.

    0
    0
  4. MessineseAttenta 9 Maggio 2017 06:29

    Il miraggio di Gioia Tauro come terminal meridionale per i container si sta sgonfiando.
    Con Gioia Tauro, cadranno anche i porti ad essa associati.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007