Crocetta: "I messinesi hanno alzato il sasso ma i babbaluci se li son presi i calabresi" - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Crocetta: “I messinesi hanno alzato il sasso ma i babbaluci se li son presi i calabresi”

Rosaria Brancato

Crocetta: “I messinesi hanno alzato il sasso ma i babbaluci se li son presi i calabresi”

giovedì 10 Novembre 2016 - 23:06
Crocetta: “I messinesi hanno alzato il sasso ma i babbaluci se li son presi i calabresi”

Il governatore ha chiarito che non ci sarà proroga per l'Autorità portuale. "Non vogliamo contentini, ma l'autonomia amministrativa e gestionale" aggiunge Picciolo. "L'ennesimo scippo", tuonaa D'Uva dei 5Stelle

“Parafrasando un detto: i messinesi hanno alzato il sasso e i calabresi si sono presi i babbaluci…..” . E’ perfetta la sintesi che, a fine seduta, a taccuini chiusi e telecamere spente il Presidente Crocetta ha fatto su 2 anni e più di telenovela sull’Autorità portuale.

“Voi avete alzato il sasso ma le lumache se le sono mangiate i calabresi- spiega Crocetta- Siete rimasti prigionieri di una proposta che è stata utilizzata contro di voi e Gioia Tauro ne ha tratto vantaggio. Vi chiedo, a voi importa la proroga di un paio di mesi o riempire di dignità e contenuti l’accorpamento? Ci sono cose non negoziabili, su quelle mi batterò, e cioè l’autonomia finanziaria, affinchè i soldi dell’Autorità portuale di Messina e Milazzo restino nel territorio, e la sede”.

Insomma “ci siamo incartati” senza riuscire ad uscire dal labirinto creato quando abbiamo avviato la battaglia per l’Area Integrata dello Stretto.

“Se l’accorpamento fosse stato con Catania o Augusta sarebbe stato più semplice trovare una soluzione alla quale lavorare come Regione Sicilia. Invece ora è tutto più difficile. Perché però invece di prendervela con il ministro Delrio che ha fatto la riforma ve la prendete con me? Se non sbaglio siete stati voi che avete chiesto l’Area integrata dello Stretto. Dobbiamo fare un mea culpa rispetto ad una classe dirigente che non è stata in grado di difendere fino in fondo Messina o di non farlo al meglio”.

La seduta straordinaria del Consiglio comunale (leggi l’articolo in allegato) voluta da Sicilia Futura non ha lasciato spazio a voli pindarici o poesie ma ad una verità facilmente prevedibile quando ci si riduce alle battaglie di retrovia: Messina non avrà la proroga. Del resto non sarebbe dignitoso festeggiare per un eventuale “contentino” di 3 o 6 mesi che equivarrebbero a briciole gettate sul tavolo in piena campagna elettorale referendaria. L’unico porto ad avere la proroga di 36 mesi sarà Salerno e non per motivi tecnici, ma perchè l’ex sindaco di Salerno e attuale governatore della Campania è De Luca, uomo forte del Pd.

Quanto detto da Crocetta, che ha riferito dei suoi colloqui con il ministro Delrio sulla vicenda, fa capire quanto tempo abbiamo perduto guardando il dito invece della luna, cioè ad una proroga improbabile e poco utile, piuttosto che chiedere l’autonomia giuridico-amministrativa.

Il Presidente della Regione è sempre stato contrario all’ipotesi Gioia Tauro, ma, come ha ricordato lo stesso Accorinti, tutti,, sin dall’agosto del 2014 erano concordi per l’accorpamento, sia pure visto come il minore dei mali e come Piano B in caso di rifiuto all’Autorità dello Stretto.

“Siete rimasti prigionieri del vostro stesso ragionamento, adesso non potete prendervela con me, che ho fatto quello che ho potuto e continuerò a farlo”, ha detto il Presidente in modo diplomatico. Molto più diretto è stato il capogruppo di Forza Italia Trischitta: “Questa storia è il fallimento di tutti, dal sindaco, che invece di andare in giro a fare chiacchiere doveva sollecitare ogni giorno Delrio, alla nostra deputazione nazionale, D’Alia in testa, al Pd, alla deputazione del mio partito”.

Ad accompagnare Crocetta c’erano solo i deputati regionali Beppe Picciolo, che ha sposato la battaglia e sollecitato la seduta, e Nino Germanà. Il primo è il leader di Sicilia Futura in alleanza stabile con il Pd ed il secondo è di Ncd, in coalizione da circa un anno con l’assessore messinese Carlo Vermiglio. Dei deputati regionali Pd (Laccoto e Panarello), partito del governatore, non c’era traccia, né si sono espressi in questi mesi sull’argomento. Assenti i deputati Udc ma è bene ricordare che sono stati sempre favorevoli all’accorpamento. Gli appelli all’unità lanciati dal Presidente in Aula “al di là delle posizioni fin qui espresse dobbiamo fare squadra”, sono un anticipo di quella coalizione con i moderati centristi ed Ncd che si prepara ad affrontare le prossime campagne elettorali.

Il Pd, attraverso Antonella Russo, capogruppo consiliare, ha presentato un documento che invita il Presidente ad avviare un tavolo tecnico per ribadire le istanze della città.

“Lavoriamo alle cose non negoziabili: i soldi di Messina devono restare qui, così come la sede” ha concluso Crocetta in un’Aula ormai semi deserta. L’approssimarsi del Referendum, rispetto alla seduta dell’8 febbraio, ha visto molte assenze, soprattutto dalle parti dell’area genovesiana che sei mesi fa furono tra i promotori del primo ordine del giorno d’appello a Crocetta. Adesso, con il 4 dicembre alle porte, si son dimenticati l’ordine del giorno e le battaglie contro l’accorpamento.

A Messina non serve un pannicello caldo, come potrebbe essere una mini proroga, ma un impegno istituzionale che salvi l’autonomia finanziaria e gestionale della nascente Autorità portuale che dovrà investire esclusivamente nello stesso territorio che produce gli utili le somme incassate. Per Sicilia Futura questa battaglia resta una priorità che servirà da volano anche per il rilancio della Città metropolitana” ha commentato il capogruppo Ars Beppe Picciolo a fine seduta.

Di tono completamente diverso il commento di Francesco D’Uva, M5S :”E’ accaduto quello che temevamo: nessuna proroga per Messina. Una scelta senza senso, ancora una volta dettata dalle logiche di amicizie e favori. Come a dire che il Sindaco De Luca ha un peso specifico maggiore di Messina, dei messinesi e di tutti i siciliani. Il tutto in barba alle richieste dell’intero popolo della Sicilia, alle pressioni fatte in questo ultimo anno, alle mobilitazioni dei cittadini. Soltanto un mese fa avevo presentato un’interrogazione al Ministro delle Infrastrutture per chiedere risposte definitive. Risposte che i messinesi meritavano e che non sono mai arrivate. L’ennesimo smacco di cui la città avrebbe volentieri fatto a meno”.

Rosaria Brancato

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

4 commenti

  1. questa è gente che non sa cucinare, ma le frittate sono bravissimi a rigirarle

    0
    0
  2. questa è gente che non sa cucinare, ma le frittate sono bravissimi a rigirarle

    0
    0
  3. Le chiacchiere non cambiano una realtà assurda. I politici siciliani e messinesi in particolare, sono talmente scarsi che
    Gioia Tauro, una cittadina di provincia, con un porto in forte passivo e riuscita a strappare l’autorità sul mare dello Stretto a Messina primo porto passeggeri italiano e con un ottimo attivo.
    Il politico scarso è un notevole danno per il territorio ed i cittadini,. Messina ha pagato un prezzo altissimo. La città ultra millenaria si è vista depredare di tutta la sua storia cui testimoni erano comandi, uffici e dirigenze che sono state trasferiti in altre città. Per ultimo l’Autorità portuale sul mare di Messina. Messina nella sua storia non ha mai avuto politici che hanno provocato questi sfaceli.

    0
    0
  4. Le chiacchiere non cambiano una realtà assurda. I politici siciliani e messinesi in particolare, sono talmente scarsi che
    Gioia Tauro, una cittadina di provincia, con un porto in forte passivo e riuscita a strappare l’autorità sul mare dello Stretto a Messina primo porto passeggeri italiano e con un ottimo attivo.
    Il politico scarso è un notevole danno per il territorio ed i cittadini,. Messina ha pagato un prezzo altissimo. La città ultra millenaria si è vista depredare di tutta la sua storia cui testimoni erano comandi, uffici e dirigenze che sono state trasferiti in altre città. Per ultimo l’Autorità portuale sul mare di Messina. Messina nella sua storia non ha mai avuto politici che hanno provocato questi sfaceli.

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007