Avvocato aggredito da aspirante collega: "Grazie a chi mi ha aiutato". Intanto slitta l'udienza

Avvocato aggredito da aspirante collega: “Grazie a chi mi ha aiutato”. Intanto slitta l’udienza

Alessandra Serio

Avvocato aggredito da aspirante collega: “Grazie a chi mi ha aiutato”. Intanto slitta l’udienza

Tag:

mercoledì 28 Giugno 2023 - 18:15

Il 36enne non compare alla convalida del fermo e l'udienza è rinviata.

MESSINA – Uno sfogo sui social, una amara riflessione sulla “deriva che interessa la nostra società”. Un amaro però mitigato dai tanti attestati di stima e solidarietà ma soprattutto dall’aiuto concreto ricevuto durante il fatto. Così l’avvocato Antonio Lanfranchi, al centro della vicenda dell’aggressione subita da parte di un aspirante collega bocciato all’esame di abilitazione commenta quel che è accaduto. Passato il peggio, il legale impegnato in commissione d’esami riflette su quel che è accaduto e lancia un appello: “Desidero anche ringraziare quelle persone, che non ho avuto la possibilità di conoscere, che sono venute in mio soccorso, impedendo che l’accaduto potesse avere conseguenze più gravi. Mi farebbe piacere poterle ringraziare personalmente.”

Il presidente della sottocommissione di esami è stato dimesso ed ora ha davanti un lungo decorso per le fratture alla vertebra e al viso. “Mi addolorano i commenti, anche di qualche collega, che giudicando gli esami una farsa, quasi giustificano il gesto, biasimando chi si erge arbitrariamente a ‘professorone’. Non ritengo di potermi identificare in questa figura avendo cercato sempre di svolgere il mio ruolo con modestia ed equilibrio e con grande rispetto per gli altri. Mi confortano, d’altra parte, gli attestati di solidarietà e di stima pervenutimi da tanti colleghi, magistrati”, scrive ancora l’avvocato Lanfranchi, facendo cenno alle tante “polemiche” che in questi giorni hanno animato l’ambiente giudiziario.

Animata è stata anche l’udienza di convalida del fermo del 36enne di Milazzo accusato di lesioni. Slittata perché, ad un passo dalla notifica della traduzione coatta del giudice, l’uomo ha presentato un certificato per legittimo impedimento. Per capire cosa ne sarà di lui, quindi, bisognerà attendere ancora qualche giorno. Inizialmente non aveva neppure nominato legale di fiducia, gli è stato assegnato d’ufficio. Al momento quindi è assistito dall’avvocata Roberta Mauro.

Intanto, dopo la Camera Civile di Messina, anche il Consiglio nazionale forense stigmatizza l’accaduto. l CNF biasima l’aggressione ed esorta a denunciare qualunque tipo di violenza in tutti i contesti. Il Consiglio Nazionale Forense si rivolge all’avvocato Lanfranchi con un messaggio di sostegno e solidarietà, augurandogli una pronta guarigione”, scrive in una nota ufficiale.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto - Quotidiano online delle Città Metropolitane di Messina e Reggio Calabria

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Marco Olivieri direttore responsabile

Privacy Policy

Termini e Condizioni

info@tempostretto.it

Telefono 090.9412305

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007