Il villaggio di Salice abbandonato a sé stesso. Per il consigliere Feminò questione di “favoritismi” - Tempo Stretto - Ultime notizie da Messina e Reggio Calabria

Il villaggio di Salice abbandonato a sé stesso. Per il consigliere Feminò questione di “favoritismi”

E.DEP.

Il villaggio di Salice abbandonato a sé stesso. Per il consigliere Feminò questione di “favoritismi”

E.DEP. |
domenica 20 Maggio 2012 - 00:47
Il villaggio di Salice abbandonato a sé stesso. Per il consigliere Feminò questione di “favoritismi”

Duro attacco al presidente del VI quartiere Ferrara: alla base della diatriba i mancati interventi di scerbatura nel villaggio collinare nonostante le richieste avanzate a più riprese dal rappresentante dell’Udc

Fanno parte della stessa maggioranza, o presunta tale, eppure non sono stati così distanti. I malumori fra il presidente del VI quartiere, Enrico Ferrara (Grande sud) e il consigliere Giusy Feminò (Udc), sembrano essere giunti ad un punto di non ritorno. A determinare la rottura, la mancata attuazione degli interventi di scerbatura nel villaggio di Salice, chiesti a più riprese dal rappresentante dell’Unione di Centro. Quest’ultima stavolta ha dunque deciso di investire della questione il commissario liquidatore di Messinambiente Armando Di Maria, l’assessore al ramo e il sindaco. Le operazioni di pulizie da erbacce e piante “moleste” sarebbe dovuta avvenire, secondo le priorità indicate dal consigliere, in Via Forte dei Centri, Via Pozzo, Via Persa, Via Sardì, Via Mirto, Contrada Marchetta, Contrada Cacarà. “La richiesta – specifica la Feminò – faceva seguito all’organizzazione da parte della società di via Dogali di una squadra “ad hoc” per gli interventi di pulizia e scerbamento delle strade comunali con durata annuale continuata, tale da poter garantire al centro città ed ai villaggi il decoro e la tutela della pubblica incolumità nelle strade comunali.”

Nonostante le rassicurazioni fornite dal presidente Ferrara, rispetto agli interventi che sarebbero stati effettuati con precedenza a San Saba e Salice, sulla base della richiesta presentata il 14 dicembre scorso, i fatti, secondo quanto spiegato dall’esponente dell’Udc hanno seguito un iter ben diverso: “Dietro richiesta dei consiglieri Orazio Calapai, Giovanni Celi e Carlo Rizzo si è deciso durante la seduta ordinaria di Consiglio di dare priorità allo scerbamento del villaggio di Castanea, data l’imminenza della rappresentazione del presepe vivente”. Inutili le successive richieste avanzate dalla Feminò dal mese di febbraio ad oggi: “L’unica risposta del presidente – afferma la rappresentante di circoscrizione – era di non essere a conoscenza se fosse ancora in attività la squadra di Messinambiente e che si sarebbe impegnato nell’immediato di rivolgersi alla società, facendosi carico di dare assoluta priorità a Salice”.

Al danno si unisce però anche la beffa. Non soltanto, infatti, anche queste parole non hanno avuto conferma, ma il consigliere Feminò spiega di avere verificato di persona che la squadra è attiva e lavora da Nord a Sud della città ed ha effettuato un intervento persino nel villaggio di Ganzirri nel mese corrente. “Constatando – si legge nella nota inviata agli organi preposti, che il presidente circoscrizionale riservi ben poca attenzione anteponendo “le realtà dei villaggi che più gli stanno a cuore, chiedo che la situazione venga chiarita al più presto e che ci sia una maggiore attenzione da parte degli organi di controllo”. Nei giorni scorsi intanto il consiglio della VI Municipalità, ha approvato il piano di scerbatura dei villaggi del territorio circoscrizionale relativo all’anno 2012. Che a questo punto però speriamo però non sia lo stesso del 2011. (EDP)

Tag:

Una donazione per un grande progetto di informazione

Abbiamo cercato in questi anni di offrirvi un'informazione puntuale e approfondita, estranea ad ogni condizionamento e sempre al passo con l'innovazione.  Così abbiamo raggiunto importanti traguardi. Ma non ci basta: vogliamo ampliare la nostra attività di informazione con più inchieste, più contenuti video e una più solida presenza nei diversi comprensori delle città metropolitane di Messina e Reggio Calabria.

E' un progetto ambizioso per il quale vi chiediamo di darci una mano effettuando una donazione: se ognuno di voi darà anche  un piccolo contributo economico, il risultato sarà eccezionale e Tempostretto sarà ancora più efficace e “vostro”.

3 commenti

  1. Quanti voti ha preso a salice ???

    0
    0
  2. Cari lettori, non c’è da meravigliarsi, vista anche la gestione dell’Istituto Marino di Mortelle, Ufficialmente data in affidamento al Presidente del quartiere Ferrara, di fatto una struttura ad indirizzo Socio Assistenziale con Decreto della Regione Sicilia, Ulteriore confermazione da parte del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture con la ristrutturazione ad USO TURISTICO SOCIALE, con fondi del PIANO URBAN ITALIA, di fatto….. Teatrino di GIOCHI per ASSOCIAZIONI ed ENTI PUBBLICI DOVE FARCI I PROPRI COMODI. COMPLIMENTI PRESIDENTE FERRARA.. BUON MODO DI SAPER RAPPRESENTARE LA CIRCOSCRIZIONE.

    0
    0
  3. Giusto oggi a mortelle 2 associazioni presenteranno uno spettacolo per bambini all’istituto marino alla mooooodica cifra di 10 euro a famiglia (se va bene)……
    La verità e che bisogna smontare questa mangiatoia delle circoscrizioni

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.
info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007