"Rifiuti Zero", è polemica tra grillini e il segretario cittadino del Pd - Tempo Stretto

“Rifiuti Zero”, è polemica tra grillini e il segretario cittadino del Pd

Rosaria Brancato

“Rifiuti Zero”, è polemica tra grillini e il segretario cittadino del Pd

lunedì 01 Ottobre 2012 - 17:05

Dopo la conferenza di Paul Connet sulla strategia "Rifiuti Zero" scoppia la polemica tra il Movimento 5 stelle e il segretario cittadino del Pd Grioli. "All'incontro ha fatto solo una vergognosa passerella elettorale" scrivono i grillini. "La democrazia è partecipazione", replica Grioli che invita il M5S ad un dibattito sui rifiuti.

Botta e risposta su “Rifiuti Zero” tra il Movimento 5 stelle ed il segretario cittadino del Pd Beppe Grioli.

Il 27 settembre Paul Connet, teorico mondiale della strategia “Rifiuti Zero” ha tenuto una conferenza a Palazzo Zanca per esporre gli ormai notissimi 10 passi di un percorso che in 26 anni è diventato realtà in 59 Paesi del mondo, da New York a Napoli, passando per Buenos Aires. In Italia hanno già aderito 90 comuni, 9 in Sicilia. In provincia di Messina nei giorni scorsi hanno aderito i Comuni di Giardini Naxos e Furnari. Al dibattito messinese hanno partecipato associazioni, cittadini, rappresentanti degli ordini professionali, esponenti politici ed è a margine di quell’incontro che è scoppiata la polemica tra grillini e Grioli.

“La teoria di Connet- scrive il M5S- prende le mosse dalla partecipazione dei singoli per coinvolgere gradualmente tutti gli attori della società dai privati al pubblico, ristoratori,agricoltori,commercianti,architetti, costruttori. E’ interessante notare come questa “filosofia” destrutturi e rinnovi tutti i comportamenti nocivi del nostro stile di vita post-consumista basato sul sistema dell’usa e getta”.

La strategia “Rifiuti Zero” non è semplice raccolta differenziata ma capovolge l’approccio al sistema, puntando alla riduzione dei rifiuti ed allo smaltimento solo di quanto è impossibile ridurre, riciclare, riparare, riutilizzare. Quindi il no agli inceneritori ed alle discariche, che a Messina sono l’unica realtà, è netto. Stando alle dichiarazioni del neo commissario dell’Ato3 Michele Trimboli, intervenuto al dibattito, la percentuale di differenziata in città è del 7%. Ma i grillini puntano i riflettori sulle dichiarazioni del segretario cittadino del Pd: “Giuseppe Grioli intervenendo ha invitato tutti noi ad insegnare al mondo, ed in particolare ai politici che si candideranno, che l'unica strada da seguire è la strategia di Connet. Detto questo, è scomparso in una nuvola di fumo. Forse a causa della campagna elettorale Regionale e Amministrativa che rende ogni appuntamento importante per cercare visibilità, il tutto si è trasformato in una serie di interventi utili per passerella piuttosto che per dare un vero contributo al dibattito".

Il M5S ha invece espresso apprezzamento per quanto dichiarato dal Presidente della V circoscrizione Alessandro Russo, "il quale ha apertamente indicato nella classe politica attuale, nessuno escluso, i responsabili della
situazione rifiuti attuale, evidentemente infastidito, come e quanto noi, dalla vergognosa passerella nella quale si è cercato di trasformare lo spazio dedicato alle domande".

Fin qui il comunicato dei grillini, ai quali replica nel pomeriggio Grioli: “Ho partecipato volentieri all’iniziativa del 27 settembre. In tutte le iniziative che si svolgono, in una democrazia moderna, ciascun partecipante può intervenire ed esprimere liberamente il proprio pensiero. Io, con tutto il mio partito, sono impegnato da anni con atti e fatti e non con chiacchiere a promuovere una radicale inversione di tendenza rispetto alla politica cittadina sui rifiuti, basta andare a vedere l’atto d’indirizzo approvato dal Consiglio Comunale su nostra proposta e rimasto inascoltato dall’Amministrazione Comunale”.

Il segretario cittadino del Pd sottolinea come le sue dichiarazioni siano state solo un modo per dare un contributo al dibattito, soprattutto in risposta a quanto affermato da Trimboli, illustrando le proposte del partito anche in termini di miglioramento del servizio e abbattimento dei costi.

“Anche il M5S ha espresso il proprio punto di vista, per questo appare del tutto immotivato il giudizio espresso sul mio intervento definito come “vergognosa passerella”- prosegue Grioli- La democrazia è partecipazione e confronto. La democrazia è anche libertà, quella stessa libertà che permette al M5S di definire il mio intervento una “passerella vergognosa” sol perché ho avuto qualcosa da dire e da proporre. Se poi il problema sta nel fatto che sia andato via prima della conclusione, bene, la prossima volta che dovesse guastarsi la macchina (utilitaria del 2002) farò in modo di farmi venire a prendere ad orari consoni per non incorrere in pubbliche accuse. Il M5S promuova un incontro pubblico e si confronti con noi, siamo ben lieti di dialogare sul futuro della città”.

Grioli conclude escludendo poi qualsiasi forma di polemica con Russo.

L’ipotesi di un dibattito sulla politica dei rifiuti a Messina è davvero suggestiva. Anche perché, al di là delle cifre sbandierate dall’Ato3, siamo davvero all’Anno Zero. In una città dove i mezzi quando manca il gasolio per chiusura infrasettimanale del benzinaio restano fermi, dove i dipendenti reclamano stipendi, dove le certezze arrivano al massimo alle successive 24 ore, dove Armando Di Maria di Messinambiente dichiara “viviamo alla giornata”, dove la raccolta porta a porta non decolla, è il caso che tutti si siedano intorno ad un tavolo, si assumano responsabilità che risalgono anche alle precedenti amministrazioni, compresa quella di Genovese, e pongano le basi per un futuro serio e realistico che miri davvero alla riduzione dei rifiuti piuttosto che all’aumento dei posti clientelari o dei profitti per i privati.

Rosaria Brancato

Tag:

4 commenti

  1. Alberto Laspada 1 Ottobre 2012 23:43

    Rettifica Movimento 5 Stelle.

    Gentile Sig. Grioli, devo darle assolutamente ragione quando giudica “del tutto immotivato il giudizio espresso sul suo intervento”, alla luce di quanto pubblicato da Tempostretto nella giornata di ieri.

    Come fa notare giustamente lei, sarebbe stato ridicolo se noi le avessimo mosso qualche critica solo per il fatto di essere intervenuto, prendendo la parola subito dopo di lei, fra l’altro. Tanto ridicolo che, infatti, così non è.

    Purtroppo, Tempostretto, probabilmente per motivi di spazio, ha tagliato la parte più significativa della nostra critica nei confronti del suo intervento, che le riporto di seguito:
    “…è scomparso in una nuvola di fumo, perdendosi purtroppo il suggerimento che il MoVimento ha voluto dargli: se davvero crede a quello che ha detto, se davvero crede di rappresentare il pensiero del suo partito, prenda il telefono, e chiami, ad esempio, il suo collega Bernazzoli a Parma, perchè ci sembra che a quelle latitudini ritengano di dover seguire una strada
    differente. Lo diciamo nel suo interesse, altrimenti gli elettori del PD, ed i cittadini tutti, potrebbero pensare di essere presi in giro da politici che dicono ciò che conviene dire a seconda del tempo e del luogo in cui si trovano. E il PD questo non lo fa, vero?”

    Ecco il nostro comunicato completo, che entra nel merito del suo intervento, e sul quale, se vuole, possiamo confrontarci.

    Movimento 5 Stelle Messina

    0
    0
  2. anche il centrosix in passato ha governato Messina, quindi attenzione a non dare troppe lezioni

    0
    0
  3. Tante, troppe volte i “signori” politici fanno “passerella” in convegni, congressi, conferenze…li abbiamo visti tutti: arrivano con netto ritardo (ma tanto hanno il posto riservato in prima fila…)spesso con un codazzo di portaborse e/o l.c. intervengono dicendo cose molto spesso ovvie tanto per strappare l’applauso e il facile consenso, restano lì seduti un’altra manciata di minuti magari intervallata da qualche telefonata al cellulare o conversazione privata in un angolo della sala per poi “sparire” improvvisamente…
    E’ ovvio, non mi riferisco al sig. Grioli ma lui fa parte della classe politica che ci governa o e all’opposizione e oggi in tempi di “bassa, bassissima cosiderazione sociale” dei politici ogni loro movimento viene squadrato,osservato amplificato, criticato…anche questa è democrazia!

    0
    0
  4. PACE FATTA CON GRIOLI…
    non c’è nessuna polemica ed il Movimento 5 stelle ha chiarito l’equivoco. La polemica è solo nel titolo ( piccolo peccato veniale per la Brancato ) del pezzo apparso su tempo stretto. Grioli è giovane ed anche i rappresentanti di M5S ed il nemico è sul fronte opposto: i vecchi ( anche se giovani d’età) tromboni della politica quelli che sono alla terza o quarta legislatura quelli che si ricandidano con la faccia tosta, quelli che i guai li hanno sempre fatti gli altri, quelli che lei non sa chi sono io, quelli che sono amici e compari di tutti, quelli che hanno come lavoro solo la politica, quelli che hanno sempre uno staff di leccaculo ( culo si può dire non tagliatelo esce anche nel vocabolario ) appresso, quelli che hanno le segreterie ben visibili, quelli che hanno ancora la faccia di apparire sui sui muri…quelli che aggiungete voi

    0
    0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta
Tempostretto.it - Quotidiano on line della Città Metropolitana di Messina

Via Francesco Crispi 4 98121 - Messina

Rosaria Brancato direttore responsabile-coordinatrice di redazione.

Danila La Torrevice coordinatrice di redazione.

info@tempostretto.it

Telefono 090.9018992

Fax 090.2509937 P.IVA 02916600832

n° reg. tribunale 04/2007 del 05/06/2007